Home > Cultura > Al Museo Archeologico di Napoli con l'illustre fotografo Augusto De Luca

Al Museo Archeologico di Napoli con l'illustre fotografo Augusto De Luca

articolo pubblicato da: MartaSarro | segnala un abuso

Al Museo Archeologico di Napoli con l'illustre fotografo Augusto De Luca

“Ho sempre avuto dentro di me il germe dell'uomo madre; la creatività mi ha sempre accompagnato…Ho cercato sempre di esprimermi con uno stile ben preciso ma attraverso tutti i materiali e i formati. Desidero scoprire come la mia creatività si manifesta nelle diverse circostanze…Attraverso le mie foto vengono fuori le mie idee, le mie passioni, i miei mostri, chi sono e cosa penso…La luce evidenzia ma, con l'ombra, elimina dando all'immagine valori di profondità, di terza estensione e possibilità sottrattive…Ogni mia foto è filtrata dall’emozione, dal rapporto che si crea tra me ed il luogo o il soggetto da ritrarre. Quando vedo qualcosa che mi attrae, comincio a girarci intorno per trovare la mia inquadratura”.

Augusto De Luca, (Napoli, 1 luglio 1955) è un fotografo e performer italiano.  Ha ritratto molti personaggi celebri: Renato Carosone, Rick Wakeman, Carla Fracci, Hermann Nitsch, Pupella Maggio, Giorgio Napolitano. Studi classici, laureato in giurisprudenza. E' diventato fotografo professionista nella metà degli anni '70. Si è dedicato alla fotografia tradizionale e alla sperimentazione utilizzando diversi materiali fotografici.  Ha esposto in moltissime gallerie e musei, è conosciuto a livello internazionale e ha realizzato immagini pubblicitarie, copertine di dischi e libri fotografici. Le sue fotografie compaiono in collezioni pubbliche e private come quelle della International Polaroid Collection (USA), della Biblioteca Nazionale di Parigi, dell'Archivio Fotografico Comunale di Roma, della Galleria Nazionale delle Arti Estetiche della Cina (Pechino), del Museo de la Photographie di Charleroi (Belgio).

Augusto De Luca | Museo Archeologico di Napoli | Museo Archeologico Nazionale di Napoli |



Commenta l'articolo

 
 

Stesso autore

Sembrano “still life” gli incredibili teschi di Augusto De Luca

Sembrano “still life” gli incredibili teschi di Augusto De Luca
Il Cimitero delle Fontanelle è un ex ossario grande più di 3000 metri quadri e contiene i resti di circa 40.000 individui vittime della grande peste del 1656 e del colera del 1836, ma si dice che sotto il calpestio ci siano ancora ossa per 4 metri di profondità. Si trova a Napoli nel quartiere Sanità, posto pieno di storia e tradizione. In questo cimitero si svolgeva il (continua)