Home > Economia e Finanza > Federal Reserve messa all'angolo da Trump

Federal Reserve messa all'angolo da Trump

scritto da: Elleny | segnala un abuso


Ad agirate questo inizio di settimana sui mercati valutari ci ha pensato Donald Trump. Il presidente USA ha sferrato un nuovo attacco alla Federal Reserve, proprio alla vigilia del meeting Fomc che preumibilmente deciderà di alzare il costo del denaro per la quarta volta in questo 2018.

Federal Reserve vs Trump

federal reserveSecondo Trump l'istituto centrale non dovrebbe alzare ancora i tassi, e lo ha fatto in modo veemente. "E' incredibile che con un dollaro forte e nessuna inflazione almeno virtualmente, la Fed stia solo considerando un altro aumento dei tassi di interesse", ha twittato il presidente. Lo stesso monito era stato lanciato solo pochi giorni fa: "La Fed sarebbe pazza ad aumentare i tassi di interesse, sarebbe un errore". Il consigliere per il commercio di Trump, Peter Navarro, ha poi messo la sua sottolineatura, accusando la FED di influenzare negativamente i mercati azionari (che hanno reagito con un -1% nella prima parte della seduta per poi ridimensionare il passivo).

Le uscite di Trump non hanno che alimentato le incertezze sulla politica monetaria dell’istituto centrale nel 2019. Come se non bastassero i già forti timori sull’andamento dell’economia Usa (a proposito, l’indice Empire State ha segnalato un netto rallentamento della attività manifatturiera nell’area di New York a dicembre). Inevitabilmente sul mercato valutario c'è stata una generale correzione del dollaro nei confronti delle principali divise. Il cambio con l'euro è tornato oltre 1,1344. Il crosso USD-JPY è sceso a 112,96 mentre la sterlina/dollaro è salita a 1,2605. In calo anche il dollaro/franco svizzero a 0,9931 (qui è trattato l'argomento previsioni cambio dollaro franco svizzero).

La riunione della FED

Adesso la "palla" passa alla Federal Reserve, che domani e mercoledì si riunirà per decidere il futuro della politica monetaria a stelle e strisce. Le previsioni dicono che annuncerà il quarto rialzo dei tassi del 2018, ma quello che lascia più incognite sono le prospettive della politica monetaria per il 2019. Un tema caldissimo per gli analisti dei siti forex trading gratis. I ripetuti attacchi di Trump di fatto sfidano l'istituto centrale ad andare avanti con le strette, così da dimostrare la sua indipendenza dalla politica. Ma allo stato attuale sembrerebbe più corretto un atteggiamento da "colomba". Jerome Powell ha messo in conto tre strette per l’anno prossimo, ma ora cosa farà visto che il mercato sembra averne messa in conto solo una?

fed | trump | siti forex gratuiti | previsioni cambio dollaro franco |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Svalutazione, la Lira precipita ancora e la CBRT deve intervenire

La banca centrale della Turchia è stata costretta ancora una volta a intervenire con urgenza, per tamponare la svalutazione della moneta nazionale. Alla quale, sia chiaro, ha contribuito in modo diretto e notevole.Come procede la svalutazione della LiraI fatti. Tra martedì e mercoledì la Lira ha proseguito lungo il percorso ormai durevole di svalutazione, toccando e poi aggiornando il nuovo minimo (continua)

Investitori, tanti appuntamenti in focus nei prossimi giorni

La settimana che ci aspetta sui mercati finanziari. Dati PMI evidenzieranno la salute economica di USA, UE e Regno Unito Tra meeting di banche centrali, dati macro molto importanti e verbali del FOMC, l'ultima settimana di novembre si preannuncia intensa per gli investitori dei mercati finanziari. Nel frattempo, il primo assaggio è arrivato dalla Cina, dove la banca popolare ha mentenuto invariato il tasso di interesse per il 19esimo meeting di fila. Dove guarderanno gli investitoriI dati clou per gli investitori (continua)

Moneta australiana in ripresa dopo il report arrivato dalla Cina

I dati macro in arrivo dalla Cina consentono al dollaro australiano di respirare. La moneta australiana infatti comincia bene questa settimana, spinta dalla produzione industriale cinese, che è aumentata del 3,5% su base annua nell'ottobre 2021, accelerando da un progresso del 3,1% nel mese precedente e battendo le previsioni di mercato.La Cina e la moneta australianaRicordiamo che la moneta austr (continua)

Investimenti, è in corso al rivoluzione utility: da settore difensivo a occasione

La transizione energetica ha avuto un impatto notevole sul settore delle utility. Quella che tradizionalmente era considerata una asset class tipicamente difensiva, adesso sta diventando una grossa occasione per gli investimenti.Da settore divensivo a occasione per investimentiI dati evidenziano infatti che le ex municipalizzate hanno chiuso il bilancio dei primi 9 mesi del 2021 con una crescita a (continua)

Mercati europei titubanti prima della FED (che poi vara il tapering)

Le Borse Europee hanno marciato blande prima che la FED prendesse la sua decisione La Federal Reserve ha deciso di varare il tapering, ossia di ridurre il suo stimolo all'economia. Nell'attesa di questa decisione, che è stata presa quando i mercati europei erano già chiusi, le borse del Vecchio continente si erano mosse in ordine sparso. Proprio l'attesa del meeting della banca centrale americana, aveva indotto i mercati a muoversi con cautela. In giornata aveva però parlato Ch (continua)