Home > News > Campionato Regionale Cross: Alessandra Silvestrini vince il titolo SF55

Campionato Regionale Cross: Alessandra Silvestrini vince il titolo SF55

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

Campionato Regionale Cross: Alessandra Silvestrini vince il titolo SF55


Fortissime le donne della Sbarra & I Grilli che si classificano in quarta posizione Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net Domenica 17 Febbraio 2019 si sono svolti i Campionati Regionali di Cross presso Villa Guglielmi a Fiumicino, la prova femminile e la prova maschile over ’60 prevedeva la distanza di 4km su un percorso di 2km da ripetere due volte mentre la prova maschile under ’60 prevedeva la distanza di 6km sullo stesso percorso da ripetere tre volte. Per quanto riguarda la prova femminile, fortissime le donne della Sbarra & I Grilli, tanta grinta, tanta intesa, tanta determinazione e coesione, il titolo assoluto a squadra è stato vinto dalla RM232 Roma Atletica Footworks che ha preceduto l RM106 Giovanni Scavo 2000 Atl. e la RM212 Olimpia 2004 mentre la RM115 La Sbarra & I Grilli si classifica inn quarta posizione grazie alle seguenti atlete: Manuela Piccini 15.58 (40 Punti), Stefania Gabrielli 16.20 (38 Punti), Alessandra Silvestrini 16.47 (40 Punti), Valentina Ferrari 17.59 (35 Punti), Nuccia Di Leno 19.30 (31 Punti). Grandissima Alessandra Silvestrini, tanto impegno, preparazione, accuratezza che alla fine premiano con titolo regionale cross categoria SF55. Di seguito le impressioni di Alessandra attraverso risposte ad alcune mie domande: Complimenti per la tua prestazione, come è andata? Criticità, difficoltà, crisi? “Carissimo Simone, è andata oltre le mie aspettative. Sto uscendo da un infortunio al tendine piede dx occorso ad ottobre, “violentemente” ignorato durante le 4 prove del Corri per il Verde con conseguenti passo da gambero nella via della guarigione. Ma come ci insegna il gioco che facevamo da bambini “1 2 3 …stella”, anche con i passi da gambero, e non solo con quelli da gazzella, si giunge a meta!” Concordo con Alessandra, se veramente ci tieni a qualcosa riesci ad attingere dentro il corpo e dentro la testa le energie utili per fare del proprio meglio, e Alessandra lo dimostra continuamente con la sua presenza costante in squadra quanto di tratta di non risparmiarsi nonostante i limiti degli infortuni che non bisogna trascurare: Che sapore ti ha lasciato questa gara? “Il sapore dell’unità, dei colori, della squadra: ieri c’erano tutti i colori che amo di più. Dall’arancione delle nostre maglie, al verde splendido del parco, al giallo di un solo amico, all’azzurro del cielo! I colori che anche una daltonica come me vede con chiarezza ed ama con trasporto.” Ho potuto assaporare e apprezzare anche io questi colori e sensazioni di unione, condivisione, benessere, competizione che fanno dello sport una terapia di gruppo mettendo insieme persone che si scoprono amici con la voglia di faticare insieme e dimostrare quanto valgono non solo a livello sportivo ma anche umano: Che significato ha per te questo titolo? “Il significato della rivincita. Sotto molti punti di vista. Soprattutto personali.” Alessandra è molto tosta e determinata, se si mette in testa qualcosa sa come fare per fare del proprio meglio dando il massimo di sé e dimostrando di valere: Come è stato il pregara, la condotta di gara, il finale, il post gara? “Un…tutt’uno: ho solo visto e vissuto l’empatia della nostra squadra. Dal pre gara al post.” Ho seguito le gesta di Alessandra, tifando ad ogni giro, anzi più volte in ogni in giro così come all’arrivo. La gara non è solo partenza e arrivo, ma incontrarsi, salutarsi, raccontarsi, fotografarsi, abbracciarsi, una terapia della condivisione e dell’unione: Cosa hai imparato dall'esperienza o dagli altri atleti? “Ad avere dei riferimenti, ad ascoltare i consigli, a seguire le compagne.” Sta diventando molto esperta Alessandra, incrementa sempre di più la consapevolezza delle sue possibilità, qualità e caratteristiche e sa quali possono essere i suoi riferimenti e i suoi fari da seguire: Cosa porti a casa? “Tanta stima ed affetto.” Cosa o chi ti ha aiutato oppure ostacolato? “L’unica persona o “cosa” che potrebbe ostacolarmi, sono io. E non remo mai contro me stessa!” Alessandra riesce a tenere a bada tutti i suoi eventuali sabotatori interni, riuscendo a focalizzarsi su quello che ritiene importante per lei e quando si tratta di stare nel gradne orto dell’atletica sa come innaffiare la sua passione con impegno e fiducia in sé: Quali sono ora tue mete, direzioni, obiettivi? “Come già detto in una precedente intervista, ho mantenuto l’impegno di iscrivermi all’università, ad ottobre “approfittando appunto del fermo infortunio, ed ho già dato 2 esami. Ecco, lo studio (alla mia veneranda età) è obiettivo primario. Ma tu ci insegni che mens sana in corpore sano, ergo si corre!” Vero, concordo, da un po’ seguo le gesta di Alessandra che invitai un po’ di tempo fa a correre alle “Corri per il verde” grazie al coinvolgimento della sua figlia, collega psicologa, e ora so bene quanto benessere Alessandra sperimenta con lo sport e quanto lo sport diventa una marcia in più nella riuscita di altri aspetti della propria vita come il lavoro e lo studio: Cosa hai raccontato a casa, al lavoro, agli amici dopo la gara? “Le foto, i sorrisi, la maglia hanno parlato per me. Io ho recuperato con lo studio. Ed anche qui, la corsa insegna: ti poni un obiettivo, come le ripetute ad esempio, e vai, con tenacia. 0 o 30 o 10 pagine al giorno: non importa, è una ripetuta, un lavoro, un obiettivo. Va fatto. Con orgoglio. Grazie ancora.” Una bella storia che permette di apprezzare il valore dello sport, dell’amicizia, del gruppo, degli obiettivi da raggiungere, della fatica che diventa amica quando ti accorgi di fare riuscire a fare cose importanti. Costruisci una meta, obiettivo, risultato iniziando a piccoli passi, con piccoli movimenti, man mano sentirai crescere la passione, l'entusiasmo e svilupperai più consapevolezza corporea e dei propri mezzi, avrai più fiducia di te e delle tue possibilità e potenzialità, supererai momenti difficili fatti di demotivazione, infortuni, sconfitte ma riuscirai a essere più resiliente nello sport e nella vita, incontrerai persone, culture, mondi e condividerai gioie e fatiche. Cosa spinge un gruppo di persone ad allenarsi, incontrarsi vicino una sbarra, a costituire una società, ad unirsi con un'altra società, a condividere passione e motivazione, fatica e gioie, infortuni e vittorie? Questo è lo sport che vogliamo, che ti fa sentire parte di una squadra per raggiungere obiettivi di benessere e di performance, uno sport che avvicina persone, culture e mondi per provare a fare qualcosa insieme, per condividere allenamenti, gare, fatiche e gioie, che ti fa conoscere sempre più te stesso e gli altri. Quella della società La Sbarra & I Grilli Runners è una bella storia fatta di bei momenti, di attimi, di parole, sguardi, pose, intese, dove diventa importante fidarsi è affidarsi, e dove è importante stare insieme, è molto meglio fare le cose insieme, il motto è diventato “together is much better” (insieme è molto meglio). La pagina Facebook ufficiale della squadra https://www.facebook.com/AtleticaLaSbarra/ è aggiornata con cadenza settimanale. Nel sito internet ufficiale www.lasbarraconigrilli.it è situato un blog di psicologia e sport. Matteo SIMONE - 21163@tiscali.it +393804337230 Psicologo, Psicoterapeuta https://ilsentieroalternativo.blogspot.it/ https://www.facebook.com/theheartofkenyanrunning/ http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html

Fonte notizia: http://www.psicologiadellosport.net




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Vincenzo Silvestrini - Cadiz


IN VAL DI SOLE LA “COPPA” ENTRA NEL VIVO. DOMANI QUALIFICHE DOWNHILL E 4CROSS


L'ammiraglia vien dalla campagna in su calar del sole


“In tesi”: il progetto di Alessandra Fornasiero per supportare i tesisti


Alessandra Fornasiero relatrice a Rimini


Alessandra Fornasiero a Rimini: l’intervento al convegno Smart Utility Hub


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Mattia Pisanello, arbitro di calcio: Il sogno è arrivare in serie A

Mattia Pisanello, arbitro di calcio: Il sogno è arrivare in serie A
Lo sport è un’opportunità per conoscere se stesso, conoscere l’altro, conoscere regole, apprendere dall’esperienza. A volte non basta praticare sport ma si vuol anche cambiare ruolo come per esempio diventare allenatore, dirigente, arbitro. Di seguito Mattia racconta la sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande. Quando ti sei sentito campione nello sport? “Mi sono sentito campione nello sport all'esordio in ogni nuova categoria, dai giovanissimi provinciali alla prima categoria (attuale categoria di appartenenza). L'esperienza più soddisfacente è stata arbitrare la finale di giovanissimi provinciali nel 2019, dopo solo 1 anno di arbitraggio effettivo, la partita più bella invece è stata arbitrare uno scontro diretto per la qualificazione ai play-off di Prima Categoria con sugli spalti circa 1500 spettatori”. Dal 2018 la mia passione si è consolidata nel calcioMatteo SIMONE380-4337230 - 21163@tiscali.it Lo sport è un’opportunità per conoscere se stesso, conoscere l’altro, conoscere regole, apprendere dall’esperienza. A volte non basta praticare sport ma si vuol anche cambiare ruolo come per esempio diventare allenatore, dirigente, arbitro. Di seguito Mattia racconta la sua esperienza rispond (continua)

Giovanni De Gennaro, canoista: Ringrazio di cuore chi mi tifa e chi sostiene

Giovanni De Gennaro, canoista: Ringrazio di cuore chi mi tifa e chi sostiene
Giovanni De Gennaro, Gruppo Sportivo dei Carabinieri (ex Corpo Forestale dello Stato), vince il titolo europeo Junior a squadre nel 2009 a Liptosky (SVK) e nel 2010 a 18 anni si laurea Campione del Mondo Junior a Foix (FRA). Nel 2011 a 19 anni al Mondiale Senior di Bratislava (SVK) vince il bronzo a squadre. Giovanni nel 2012, vince l'oro del mondiale under 23 a squadre di Wasau (USA). Nel 2013 conquista la medaglia di bronzo ai mondiali U23. L’anno successivo conquista l'argento al mondiale U23 australiano. Ha rappresentato l'Italia ai Giochi olimpici di Rio de Janeiro 2016 con un 7º posto. Nel 2017 vince l'oro alla Coppa del Mondo K1 di Markleeberg (Germania) e l'oro dello slalom K1 dell'ICF Ranking di Ivrea. Nel 2018 vince l'oro alla Coppa del Mondo di La Seu d'Urgeil in Spagna. Il 2019 ancora oro alla gara di Coppa del Mondo K1 di Tacen (Slovenia) e oro al K1 slalom dell'ICF Ranking di Tacen (Slovenia). Nel 2020 vince il suo 4º titolo di Campione Italiano a Ivrea. Nel 2021 conquista il pass per i Giochi della XXXII Olimpiade di Tokyo. Di seguito approfondiamo la conoscenza di Giovanni attraverso risposte ad alcune mie domande. Complimenti, il significato di questa qualificazione olimpica? La qualifica olimpica è una tappa importante nel mio percorso, sono felice di poter continuare a lavorare per una medaglia olimpica. Matteo SIMONE  Giovanni De Gennaro, Gruppo Sportivo dei Carabinieri (ex Corpo Forestale dello Stato), vince il titolo europeo Junior a squadre nel 2009 a Liptosky (SVK) e nel 2010 a 18 anni si laurea Campione del Mondo Junior a Foix (FRA). Nel 2011 a 19 anni al Mondiale Senior di Bratislava (SVK) vince il bronzo a squadre.  Giovanni nel 2012, vince l'oro del mond (continua)

Lilli Gelmini vince Ledroman Triathlon Sprint 1h06’32”, record femminile gara

Lilli Gelmini vince Ledroman Triathlon Sprint 1h06’32”, record femminile gara
Domenica pomeriggio 11 luglio 2021 ha avuto luogo la 8^ edizione del triathlon sprint Ledroman. Tra le donne Lilli Gelmini (707 Team Minini) ha vinto la prova femminile in 1:06:32 nuovo record femminile sulla gara, precedendo Francesca Crestani (CY Laser Tri Schio) 1h08’57” e Chiara Cavalli (Cus Parma). Fortissima Gelmini nelle tre frazioni, soprattutto nuoto e bici, e ottime le transizioni. Tra gli uomini il vincitore è stato Davide Uccellari (Fiamme Oro) in 58’43 precedendo Jacopo Butturini (CUS Verona) 1h00’04” e Mattia Zontini (Raschiani Triathlon) 1h01’44”. Ottima la frazione di corsa di Uccellari in 15’47”. Di seguito approfondiamo la conoscenza di Lilli attraverso risposte ad alcune mie domande post gara. Ciao Lilli, complimenti per la vittoria, te l'aspettavi? Ci hai lavorato e come? Non mi aspettavo di vincere perché ho deciso all'ultimo momento di partecipare alla gara solo per fare un po' di ritmo gara prima delle prossime competizioni, però una volta fischiata la partenza mi sono sentita subito bene e ci ho creduto fino al traguardo. Mio papà è praticamente sempre presente alle gare e il suo supporto è fondamentaleMatteo SIMONE Domenica pomeriggio 11 luglio 2021 ha avuto luogo la 8^ edizione del triathlon sprint Ledroman. Tra le donne Lilli Gelmini (707 Team Minini) ha vinto la prova femminile in 1:06:32 nuovo record femminile sulla gara, precedendo Francesca Crestani (CY Laser Tri Schio) 1h08’57” e Chiara Cavalli (C (continua)

Anna Arnaudo, 10.000m Europei U23, argento e record nazionale U23

Anna Arnaudo, 10.000m Europei U23, argento e record nazionale U23
Il 9 luglio 2021, Anna Arnaudo ha conquistato la medaglia d’argento sui 10.000 metri ai Campionati Europei under 23 a Tallinn (Estonia). La vincitrice è stata Jasmijn Lau in 32’30”49 seguita da Anna Arnaudo che ottiene il suo Personal Best e record Under 23 in 32’36”98 (il precedente di 32:38.96 era di Allison Rabour del 1989) al terzo posto si classifica Lisa Oed 33’35”99, sfiora il podio Gaia Colli che comunque ottiene il suo Personal Best 33’44”90. Di seguito approfondiamo la conoscenza di Anna attraverso risposte ad alcune mie domande, la mattina prima della gara. Complimenti per la convocazione in nazionale, ti senti pronta? Assolutamente sì. Sono tranquilla ed è una bellissima sensazione perché so che ho la possibilità di onorare la maglia azzurra. È l'ultima gara di una stagione che è andata molto beneMatteo SIMONEPsicologo, Psicoterapeuta Il 9 luglio 2021, Anna Arnaudo ha conquistato la medaglia d’argento sui 10.000 metri ai Campionati Europei under 23 a Tallinn (Estonia). La vincitrice è stata Jasmijn Lau in 32’30”49 seguita da Anna Arnaudo che ottiene il suo Personal Best e record Under 23 in 32’36”98 (il precedente di 32:38.96 (continua)

Sandro: Grazie alla generosità degli atleti dell'Atletica La Sbarra ho iniziato a correre

Sandro: Grazie alla generosità degli atleti dell'Atletica La Sbarra ho iniziato a correre
Prossimi obiettivi a breve, medio, lungo termine? Sogni da realizzare e realizzati? “Nel breve: percorrere 1 km lanciato in 4:00/4:15. Nel medio: migliorare notevolmente le prestazioni che ho ottenuto nelle mie 2 gare. Nel lungo: vincere una gara. Sogni da realizzare: insidiare i record sui 5.000 e 10.000 di Salvatore Antibo. Sogni realizzati: per me il semplice fatto di aver corso in gara è già un sogno realizzato. Vorrei ringraziare tutti gli atleti che mi hanno aiutato a raggiungere questo sogno. Grazie amici ve ne sono riconoscente. Sandro M.". Un’intervista a Sandro è riportata nel mio libro “Sport benessere e performance. Aspetti psicologici che influiscono sul benessere e performance dell’atleta”, edito da Prospettiva Editrice. Sandro: Essendo io un ipovedente era impensabile correre per meMatteo SIMONE380.4337230 - 21163@tiscali.it Ti sei sentito campione nello sport almeno un giorno della tua vita? “Io sono un neo sportivo, ho iniziato a correre da 2 mesi, ma in 2 occasioni mi sono sentito un campione: 1 metro dopo il traguardo delle mie 2 uniche prime gare (Staffetta 12x30 e maratonina 10km). Non avevo mai p (continua)