Home > Economia e Finanza > La Fior festeggia quarantacinque anni di attività ad OroArezzo

La Fior festeggia quarantacinque anni di attività ad OroArezzo

scritto da: Marcocavini | segnala un abuso

La Fior festeggia quarantacinque anni di attività ad OroArezzo


Quarantacinque anni di attività da festeggiare ad OroArezzo. Il traguardo è stato raggiunto dalla Fior di Ponticino che, sabato 6 aprile, approfitterà del giorno inaugurale della fiera cittadina per brindare a questo importante compleanno e per ricordare le principali tappe di una storia imprenditoriale avviata nel 1974 da Enio Luciano Calvani e portata oggi avanti dai figli Antonio, Beatrice e Ilaria. L’intuizione dell’allora ventisettenne Calvani fu di indirizzare fin da subito l’azienda nella produzione automatizzata di semilavorati per l’oreficeria e di raggiungere così una specializzazione che le ha permesso di diventare tra le maggiori realtà al mondo in questo settore. Ogni anno, infatti, la Fior realizza quasi mezzo miliardo di pezzi tra anelli a molla, chiusure e palline che vengono inseriti nei gioielli di aziende dislocate in ogni continente, con l’80% del fatturato che deriva dal commercio estero. L’azienda fa oggi affidamento su cinquantacinque dipendenti della provincia di Arezzo, un numero in continua crescita nei quarantacinque anni di attività che testimonia il forte impatto sociale ed economico sul territorio. OroArezzo, dunque, rappresenterà la prima occasione del 2019 per festeggiare questo anniversario, incontrando buyers, imprese e collaboratori di oggi e di ieri all’interno del proprio stand.

Oltre a ricordare il passato, l’evento fornirà anche l’opportunità per presentare le diverse collezioni, per cogliere le tendenze del mercato e per ascoltare le esigenze che emergono dalle varie aziende, con l’obiettivo di continuare a modernizzare la produzione dei semilavorati in linea con le evoluzioni del settore. Questa capacità di rinnovamento è stata da sempre tra le caratteristiche basilari per l’affermazione internazionale della Fior, con costanti investimenti in ricerca e sviluppo che nel corso degli anni hanno permesso di migliorare i processi, le tecnologie e la qualità delle chiusure per gioielli. «Il traguardo dei quarantacinque anni di attività coincide con un periodo di crescita - commenta Antonio Calvani, - dunque ci sembrava importante festeggiare questo anniversario direttamente nella più importante fiera organizzata sul nostro territorio, fornendo un’occasione per ritrovarci e per brindare con coloro con cui quotidianamente collaboriamo. La forza della nostra azienda è insita nel carattere familiare che ci rende attenti ai bisogni di ogni cliente, nella passione e nelle capacità dei singoli dipendenti, e nella propensione nel provare a rinnovare un settore standardizzato come quello dei semilavorati, tre caratteristiche che ci permettono oggi di contribuire con i nostri pezzi alla realizzazione di gioielli creati in tutto il mondo».



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Nuovi progetti ma pochi buyers: il bilancio di OroArezzo di Graziella


Festeggiati a Castelfranco Veneto i 21 anni del “Radicchio d’Oro”


“FIOR D'ARANCIO DOCG” QUOTA 101: L'APPARENZA INGANNA


A Marigliano il “Four Friends”, appena aperto ha sfidato la pandemia


Nuovi investimenti e nuove assunzioni per la Fior


per le intolleranze alimentari c'è il Biologico di Fior di Loto


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Nasce il progetto di nuoto inclusivo al palazzetto del nuoto di Arezzo

Nasce il progetto di nuoto inclusivo al palazzetto del nuoto di Arezzo
Al via un progetto di nuoto inclusivo al palazzetto del nuoto di Arezzo. Il Centro Sport Chimera, soggetto gestore dell’impianto cittadino, ha avviato una sinergia con l’associazione Crescere volta a favorire percorsi di integrazione e inclusione di ragazzi con disabilità attraverso le diverse attività natatorie. Questi nuotatori saranno coinvolti nei gruppi sportivi impegnati all’interno del (continua)

Il Patronato Acli riattiva gli sportelli a Montagnano e Frassineto

Il Patronato Acli riattiva gli sportelli a Montagnano e Frassineto
Il Patronato Acli riapre i propri sportelli a Montagnano e a Frassineto. I servizi nei due paesi della Valdichiana erano stati sospesi nel marzo del 2020 durante le prime fasi dell’emergenza sanitaria ma saranno ora riattivati per tornare a garantire un’importante forma di sostegno e di assistenza previdenziale alle comunità locali. La prima a ripartire sarà la sede di Frassineto nei locali (continua)

Quattro squadre giovanili della Sba verso il debutto in campionato

Quattro squadre giovanili della Sba verso il debutto in campionato
Conto alla rovescia per il ritorno in campo delle squadre giovanili della Scuola Basket Arezzo impegnate nei campionati regionali. L’Under19 Tecnoil, l’Under16 Chimet, l’Under 15 Galvar e l’Under14 sono le quattro formazioni della società aretina che, nei prossimi fine settimana, potranno vivere le emozioni del ritorno in campo e del debutto in una stagione in cui saranno opposte ad avversari (continua)

Una domenica a porte aperte al Frantoio di San Gimignano

Una domenica a porte aperte al Frantoio di San Gimignano
Porte aperte al Frantoio di San Gimignano. La partenza della stagione di raccolta e frangitura delle olive sarà arricchita da una giornata di degustazioni e di visite alla storica struttura sangimignanese in programma domenica 24 ottobre, dalle 10.00 alle 18.00, fornendo così la possibilità di vivere un’esperienza a diretto contatto con il mondo dell’olio. L’iniziativa, a ingresso gratuito ne (continua)

“Lettere da Parigi”, la lirica incontra la beneficenza al Teatro Petrarca

“Lettere da Parigi”, la lirica incontra la beneficenza al Teatro Petrarca
Teatro e musica si uniscono per una grande produzione all’insegna della beneficienza. Domenica 31 ottobre, alle 18.00, il Teatro Petrarca ospita lo spettacolo di opera lirica “Lettere da Parigi: dalle Camelie alla Traviata” che proporrà un omaggio al capolavoro di Verdi attraverso la condivisione del palcoscenico da parte di cantanti, attori, poeti e danzatori. La serata, promossa dalle Acli (continua)