Home > Moda e fashion > Le biciclette made In italy che nascono dalle barche

Le biciclette made In italy che nascono dalle barche

articolo pubblicato da: vis-a-vis | segnala un abuso

Le biciclette made In italy che nascono dalle barche

Le CarrerBikes sono delle biciclette con l’anima in legno (un telaio in legno realizzato a mano e garantito a vita) e un design ricercato, nate con i piedi ben saldi nella tradizione, con la volontà di rispettare il “fatto in Italia” e fatto bene, guardando però anche all'innovazione tecnologica.  L’idea nuova è quella del telaio in legno realizzato a mano in un cantiere nautico dove vengono costruite e reastaurate barche in legno. Le mani degli artigiani sono una sintesi di sapienza e abilità, capaci di plasmare con la stessa maestria, la scalmiera per l’appoggio di un remo o  un moderno reggisella.

Il telaio viene realizzato pezzo dopo pezzo in Marina Sant’Andrea, a San Giorgio di Nogaro (UD), in una falegnameria e carpenteria nautica. Gli artigiani che realizzano a mano i telai sono nati professionalmente nel cantiere navale Camuffo di Portogruaro, universalmente considerato il più antico al mondo. Ogni telaio di queste biciclette non è un oggetto fatto in serie ma un pezzo unico e senza tempo, da conservare e tramandare che valorizza la tradizione artigiana, l’esperienza e l’abilità manuale, che sono caratteristiche del migliore Made in Italy. A ben cercare sono le uniche biciclette con il telaio in legno realizzate in un cantiere nautico. Che sfruttano cioè la sapienza di abili carpentieri,  che conoscono, amano e usano senza segreti il legno per la costruzione di barche che solcano i mari. Queste biciclette riscoprono la tradizione artigiana con l'aggiunta di  innovazioni tecnologiche. Il risultato è una bicicletta di qualità elevata, con un design al passo con i tempi e soprattutto sintesi elegante e preziosa, del migliore Made in Italy. 

Ogni elemento è fatto a regola d’arte e per quanto possibile, fatto in Italia, e più precisamente le alchimie che hanno generato l’idea sono tutte strettamente italiane - designer, artigiani, concept - e a queste si sono aggiunti elementi esteri d’eccellenza.

Le parti in legno sono costruite a mano e passano controlli di tolleranza paragonabili ai migliori maestri dell'arte orologiera. Il prodotto finale è molto bello, garantito e sicuro. Il telaio in legno rende la pedalata morbida e confortevole, grazie alle caratteristiche del materiale, che interrompono le vibrazioni trasmesse dalla strada alle ruote. Sono state provate tante essenze e poi scelte quelle più “stabili”: Rovere, Frassino, Wengé, Olmo, Ebiara, Iroko; i legni sono selezionati con cura, l'attenzione alla stagionatura è massima: la stabilità del materiale è indispensabile per rendere la CarrerBikes bella da vedere ed eccezionale da usare. Se è vero che biciclette in legno come esercizi di stile ne esistono altre, così come biciclette in legno industriali, realizzate soprattutto all’estero, queste biciclette uniscono una grande cura artigiana e una componentistica di livello. La manutenzione è semplice, bastano semplici accortezze: non lasciare la bicicletta alle intemperie, pulirla periodicamente con uno straccio umido.

In Italia e all’estero è forte il desiderio di prodotti Made in Italy di grande qualità, destinati a durare nel tempo e ad essere tramandati da padre in figlio.

 

artigianato | design | stile italiano | bicicletta |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Biciclette elettriche, molte sono made in China: contestazioni, dazi e opportunità


Made Rural: parliamo del “ Kapriol Dry Gin “ un prodotto da tenere d’occhio nel 2017


19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


I motoscafi, le vele, le Jaguar e i velivoli storici: celebrati sul Lago Maggiore i 30 anni dell’Associazione Scafi d’Epoca e Classici


Enogastronomia Tipica Veneta, scopriamo il Lugana La Rifra con Made Rural


 

Stesso autore

Gioielli Veronica Tordi, identità e stile italiano

Gioielli Veronica Tordi, identità e stile italiano
E' una giovane italiana la vincitrice del programma AIC mentorship della Accessories Council, la no-profit affiliata con il Fashion Institute of Technology, prestigiosa Università di moda a New York. Si chiama Veronica Tordi, è emiliana e da qualche anno vive a New York dove ha creato "Veronica Tordi" un brand di bijoux artigianali (continua)