Home > Libri > Le cose che ho scritto di te (mentre ti aspettavo): il nuovo, emozionante libro di Guido Paolo De Felice

Le cose che ho scritto di te (mentre ti aspettavo): il nuovo, emozionante libro di Guido Paolo De Felice

scritto da: IlTaccuino | segnala un abuso

Le cose che ho scritto di te (mentre ti aspettavo): il nuovo, emozionante libro di Guido Paolo De Felice


 

Il Taccuino Ufficio Stampa

Presenta

 

 

Le cose che ho scritto di te (mentre ti aspettavo)

di Guido Paolo De Felice

 

Guido Paolo De Felice presenta la sua raccolta di poesie e di brevi racconti “Le cose che ho scritto di te (mentre ti aspettavo)”, vincitrice del Premio Self publishing 2018 - Categoria Poesia- nel concorso letterario “Il mio esordio” promosso da IlMioLibro.it. Un’opera che parla d’amore e di ricerca interiore, che rapisce il lettore con la semplicità e la profondità delle sue liriche. Dopo la raccolta poetica “Quella notte a Parigi”, un nuovo, emozionante lavoro dell’autore campano molto amato e seguito sui social network, che solo su Instagram vanta più di 38.000 follower.

 

Titolo: Le cose che ho scritto di te (mentre ti aspettavo)

Autore: Guido Paolo De Felice

Genere: Poesia

Casa Editrice: Self-publishing (IlMioLibro.it)

Pagine: 224

Prezzo: 25 euro

Codice ISBN: 9788892352421

 

 

«Dicono che volere sia potere. Però prima che tu arrivassi  prima che tu cambiassi ogni cosa ogni umore ogni rancore il valore di ogni raggio di sole Io perso con le mani a tenermi la testa Io non sapevo non immaginavo neppure  che in realtà

volersi è potere».

 

Le cose che ho scritto di te (mentre ti aspettavo) è una raccolta di poesie e di brevi racconti, che ha come nucleo pulsante il sentimento bramato, bistrattato, celebrato e sottovalutato dell’amore. Guido Paolo De Felice presenta liriche che toccano l’anima, e che raccontano con semplicità di un sentimento universale, declinato nelle sue infinite manifestazioni. Semplicità che mai come in quest’opera non significa banalità, perché nella leggerezza apparente delle poesie è racchiuso un complesso mondo di sensazioni e di sentimenti, di immagini, odori e sapori. Nel suo stile diretto e asciutto l’autore sa parlare d’amore raccontandolo nel suo potere di mettere le ali ai piedi degli innamorati, così come in quello di incatenare a terra i cuori più tormentati. Un amore per cui vale la pena vivere e morire, per cui vale la pena alzarsi al mattino e addormentarsi di notte fiduciosi del futuro; un amore che riesce ad elevare anche l’anima di chi non è corrisposto, che consuma e rigenera, che porta sorrisi e lacrime. Un sentimento che ha ispirato nei secoli poeti e musicisti, e che come una bussola non smetterà mai di orientare la vita umana, al pari delle stelle per i vecchi lupi di mare. De Felice decide di raccontare l’amore senza filtri e simbolismi, andando dritto al punto; nella raccolta sono presenti poesie che trasudano romanticismo, e altre che con lucidità disarmante raccontano di nostalgia e di mancanza: “E invece noi fummo così bravi a perderci, per sempre”. Ma ciò che conta, alla fine, è aver scelto di tentare nonostante la possibilità concreta del fallimento, piuttosto che non provare, non sentire, non buttarsi nel vasto mare che sa accogliere e cullare così come sommergere: “Non smettere di credere che ogni caduta, ogni livido, ogni bastonata un giorno avrà un senso”. Le cose che ho scritto di te (mentre ti aspettavo) è un’opera coraggiosa in tempi in cui l’amore è spesso visto come un sentimento riservato ai deboli; una raccolta che ha riscosso notevole successo e che ha permesso all’autore di vincere il Premio Self Publishing (categoria Poesia) al concorso letterario nazionale “Il mio esordio”.

 

TRAMA. Questo libro nasce con l'idea di voler raccontare l'amore, in tutte le sue forme e in tutte le sue modalità: c'è l'amore desiderato, l'amore non corrisposto, l'amore che ti consuma, l'amore che ti toglie il sonno e quello che invece ti permette di sognare. C'è amore dalla prima lettera, fino all'ultimo capoverso. È un libro scritto per chi, anche affannosamente, ma cocciutamente, non smette di credere nel lieto fine e non saprà mai accontentarsi di un "quasi" amore.

 

L’AUTORE E’ DISPONIBILE A RILASCIARE INTERVISTE

 

 

BIOGRAFIA. Guido Paolo De Felice (Caserta, 1985) è un chirurgo specializzato in Odontostomatologia e scrittore di poesie e aforismi. Pubblica nel 2018 per Edizioni PensieriParole, nella collana “I migliori 100”, la raccolta di frasi e aforismi Quella notte a Parigi, e sempre nel 2018 pubblica in self publishing la raccolta di poesie e di brevi brani in prosa Le cose che ho scritto di te, vincitrice del premio Self Publishing 2018 categoria Poesia del concorso “Il Mio Esordio 2018”, indetto dal sito IlMioLibro.it. Pubblica inoltre per Pagine Editore alcune poesie in due differenti raccolte: “Le tue parole” (vol. 1) ed “Emozioni”.

 

 

Contatti                                                                                     

https://www.instagram.com/guidopaolodefelice

https://www.facebook.com/guidopaolodefelice/

 

 

Link di vendita

https://www.amazon.it/cose-che-scritto-mentre-aspettavo/https://ilmiolibro.kataweb.it/libro/poesia/412396/le-cose-che-ho-scritto-di-te/

 

 

IL TACCUINO UFFICIO STAMPA

Via Silvagni 29 - 401387 Bologna - Phone: +39 3396038451

Facebook: www.facebook.com/iltaccuino.ufficiostampa/

Mail: iltaccuinoufficiostampa@gmail.com

 

 


Fonte notizia: https://www.instagram.com/guidopaolodefelice


le cose che scritto di te mentre ti aspettavo | guido paolo de felice | libri | poesie | racconti | scrittore | raccolta | il taccuino | il taccuino ufficio stampa |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

"Domenica In " - Mara Venier e Gianni Boncompagni i più amati della fortunata trasmissione. Lo dice il Web!


L’espansione di Surplex S.r.l., newco guidata dal Managing Director Guido Franchini


I nuovi timorati di Dio nelle nostre future sinagoghe


“Alberto Sordi segreto” - il primo libro sulla vita privata del grande attore scritto dal cugino Igor Righetti


Surplex S.r.l., società guidata dall’Amministratore Delegato Guido Franchini


Adriana Fenzi intervista Guido Guglielminetti per UNFOLDINGROMA MAGAZINE


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

“Vite strappate in Italia dagli anni ’70 ad oggi”, il saggio d’inchiesta di Antonella Betti

“Vite strappate in Italia dagli anni ’70 ad oggi”, il saggio d’inchiesta di Antonella Betti
Con partecipazione e professionalità l’autrice parla del dilagante fenomeno degli allontanamenti coatti dei bambini dalle loro famiglie d’origine, e della piaga delle adozioni e degli affidi gestiti da enti istituzionali disonesti, che hanno interesse solo nel guadagno e non nel benessere del minore. Il Taccuino Ufficio Stampa Presenta Vite strappate in Italia dagli anni ’70 ad oggidi Antonella BettiLa scrittrice e assistente sociale romana Antonella Betti presenta “Vite strappate in Italia dagli anni ’70 ad oggi”, un libro autobiografico d’inchiesta in cui espone un’appassionata difesa dell’infanzia rubata attraverso il racconto di storie vere e della sua esperienza personale. (continua)

“Amori elusivi”, la nuova raccolta di racconti di Fabio Zuffanti

“Amori elusivi”, la nuova raccolta di racconti di Fabio Zuffanti
In situazioni bizzarre al limite del parossismo così come nelle storie più lineari, tante sono le domande sull’amore alle quali né l’autore né il lettore riescono a dare una risposta. Perché forse, semplicemente, una risposta non c’è. Il Taccuino Ufficio Stampa Presenta Amori elusivi di Fabio ZuffantiLo scrittore e musicista genovese Fabio Zuffanti presenta la raccolta di racconti “Amori elusivi”: una serie di venticinque istantanee che fissano su pellicola la realtà delle relazioni interpersonali, e in particolare di quelle amorose, utilizzando il filtro del surreale e dell’ironia. Sono racconti malinconici, a vol (continua)

Enrico Casartelli presenta il romanzo “Condannato da internet”

Enrico Casartelli presenta il romanzo “Condannato da internet”
La storia di Marco è quella di tante persone che hanno sperimentato sulla propria pelle la gogna mediatica, quella più crudele che colpisce il privato, che stravolge non solo la vita virtuale ma soprattutto quella reale. Il Taccuino Ufficio StampaPresentaCondannato da Internet di Enrico CasartelliLo scrittore brianzolo Enrico Casartelli presenta “Condannato da Internet”, un romanzo che tratta di un argomento estremamente attuale, di una piaga sociale che miete vittime ogni giorno e crea disastri irreparabili: il cyberbullismo. La storia di Marco è quella di tante persone che hanno sperimentato sulla propri (continua)

"Sulle orme del massone. Studio ragionato e comparato sulla Massoneria" il nuovo saggio di Thomas Moreau


Una complessa analisi supportata da fonti storiche e dall’esperienza personale dell’autore, che offre gli strumenti indispensabili per comprendere la Massoneria nei suoi oscuri scopi, nella sua occulta struttura e nei suoi inganni universali. Sulle orme del massone. Studio ragionato e comparato sulla Massoneria di Thomas MoreauLo scrittore Thomas Moreau presenta “Sulle orme del massone. Studio ragionato e comparato sulla Massoneria”, un’opera in sei volumi che demolisce una dopo l’altra le false credenze che hanno intrappolato l’essere umano in un’esistenza/prigione della quale non ha però piena coscienza, convinto dai suoi stessi (continua)

Stefano Sciacca presenta il saggio di critica cinematografica “Prima e dopo il noir”

Stefano Sciacca presenta il saggio di critica cinematografica “Prima e dopo il noir”
Un genere in continua definizione osservato nei suoi stretti rapporti con la letteratura e l’arte visiva, dalle quali ha trasposto in linguaggio cinematografico i temi del dissenso e della disillusione, gli scenari desolati e disorientanti e i personaggi reietti e chiaroscurali. Il Taccuino Ufficio Stampa Presenta Prima e dopo il noir di Stefano SciaccaLo scrittore torinese Stefano Sciacca presenta “Prima e dopo il noir”, un saggio di critica cinematografica che traccia la storia del genere noir americano che inizia idealmente molto prima della sua consacrazione negli anni quaranta, e che continua anche dopo la chiusura del suo periodo d’oro alla fine degli an (continua)