Home > Ambiente e salute > Maltempo nei boschi: Federforeste lancia l’allarme tarli

Maltempo nei boschi: Federforeste lancia l’allarme tarli

scritto da: Webmasterdeslab | segnala un abuso

Maltempo nei boschi: Federforeste lancia l’allarme tarli


 

Il rischio diffusione parassiti del legno era stato già annunciato dagli esperti nei mesi scorsi allorquando una forte ondata di maltempo aveva abbattuto un milione e duecento mila alberi (in maggioranza abeti rossi) nei boschi del Triveneto, generando il cosidetto “Cimitero degli alberi di Natale”. Oggi, questo rischio è diventato concreto e un trattamento antitarlo ecologico non basta di certo a frenare le drastiche conseguenze economiche che ne derivano.

L’allarme lanciato in questi giorni da Federforeste e Coldiretti è chiaro: il maltempo che continua a imperversare in questa zona dell’Italia non solo rende difficili le operazioni di recupero degli alberi abbattuti, ma favorisce lo sviluppo dei parassiti del legno con ripercussioni sulla salute pubblica. Ma questo è niente rispetto ai danni economici per la filiera italiana del legno. I parassiti, favoriti dal clima umido della pioggia, stanno attaccando, in particolare nella Val di Fiemme, il prezioso legno del violino Stradivari, in un periodo in cui dalla Cina arriva un boom di richieste.

A rimarcarlo è il presidente di Federforeste – Gabriele Calliari – ricordando che ci sono centinaia di chilometri di migliaia di alberi abbattuti ancora da recuperare. Tuttavia, i danni economici non riguardano solo la Val di Fiemme, ma tutto il territorio nazionale. Secondo la Coldiretti, il patrimonio boschivo italiano copre più di 1/3 della superficie della nostra penisola, con 12 miliardi di alberi troppo spesso abbandonati a sé stessi a causa di un’assente o inadeguata gestione di boschi e foreste.

Tutto ciò si configura come una mancata occasione di sviluppo per il nostro Paese, primo nell’Ue come industria del legno, ma tra i primi anche nell’importazione di questo materiale. C’è poi il problema disinfestazione tarli, un fenomeno che diventa più accentuato durante la stagione estiva e che rischia di colpire in maniera serie mobili e strutture in legno delle nostre abitazioni: affidarsi in questo caso ad esperti del settore come Trattamentoantitarlo.net è l’unica soluzione.


Fonte notizia: http://www.trattamentoantitarlo.net


trattamento antitarlo Puglia | trattamento antitarlo Calabria | trattamento antitarlo Basilicata |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Telecamera Hybrid LKM Security: L'allarme perfetto per la Casa Intelligente


Dermatiti estive? La soluzione può essere il trattamento antitarlo a casa


Primavera? I tarli del legno sono pronti all’attacco


KIT ALLARME CASA LKM SECURITY


Trattamento antitarlo: occhio a distinguere i tarli dalle tarme


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Real Estate: la ricetta per il rilancio secondo Confedilizia

Real Estate: la ricetta per il rilancio secondo Confedilizia
Rilancio dell’immobiliare nell’era Covid: Confedilizia propone le sue misure e si auspica un miglioramento del Decreto Agosto. Riaccendere il motore dell’economia in un contesto di emergenza sanitaria è oggi quanto mai una condizione essenziale per il futuro del nostro Paese, e sfruttare la congiuntura negativa del momento potrebbe essere un’occasione preziosa per riformare alcuni settori chiave. Tra questi, c’è sicuramente quello immobiliare e il mondo delle case in vendita.Il Decreto Agosto è sicuramente un primo pa (continua)

Agroalimentare: dal Recovery Fund una spinta al rinnovamento

Agroalimentare: dal Recovery Fund una spinta al rinnovamento
Agricoltura e futuro: dal Recovery Fund un forte impulso a efficientamento e ammodernamento delle macchine agricole. Le ripercussioni economiche scaturite dalla pandemia non impediscono all’agricoltura di porre le basi per un futuro all’insegna dell’innovazione e della sostenibilità, e il Recovery Fund rappresenta in questo caso un’imperdibile occasione di rinnovamento. Tecnologizzazione delle macchine agricole, investimenti, logistica ecc, sono solo alcuni degli obiettivi che tutto il settore primario è chi (continua)

Finestre: mercato europeo in affanno, ma vola il legno-alluminio

Finestre: mercato europeo in affanno, ma vola il legno-alluminio
Mercato europeo delle finestre: vendite in calo nel 2020 e in tutto il 2021. Sale la quota degli infissi in legno-alluminio. Il mercato europeo di serramenti e finestre in legno si avvia a registrare un calo consistente nel 2020: è il quadro tracciato da uno studio condotto da Interconnection Consulting – società di studio di mercati – che prevede un meno 9,8% delle vendite rispetto allo stesso periodo dello scorso anno in tutta l’Europa occidentale.Facile intuire la causa di questa frenata, ovvero la crisi sanitar (continua)

Venezia, spray antiaggressione salva commessa da violenza sessuale

Venezia, spray antiaggressione salva commessa da violenza sessuale
Difesa delle donne: l’utilizzo di uno spray antiaggressione consente a una commessa di Venezia di sfuggire a un tentativo di violenza sessuale. Un corteggiamento insistente finito per diventare un tentativo di stupro. È quanto accaduto a una giovane commessa di un negozio a Venezia alcuni giorni fa. A metterla in salvo, uno spray peperoncino.A raccontare la triste vicenda è la stessa ragazza al Gazzettino.it. Il malintenzionato, un uomo tedesco sulla sessantina, inizialmente apparso come un normale cliente, da diversi giorni bazzicava (continua)

Termiti del legno: scoperta in Brasile una nuova specie

Termiti del legno: scoperta in Brasile una nuova specie
Trattamento antitarlo: Tauritermes Bandeirai, la termite del Caatinga brasiliano che ama il legno secco. La famiglia dei tarli del legno, in particolare delle termiti, si arricchisce di un nuovo elemento oggetto di studio di biologi e ricercatori. Dalla lontana Caatinga – una vasta regione vegetativa del deserto nord-orientale del Brasile – e dalla suggestiva foresta atlantica brasiliana, è stato scoperto un nuovo esemplare del genere Tauritermes, ovvero la quinta specie mai individuata.Diciamo (continua)