Home > Arte e restauro > CARLA GIOLITO, ISPIRAZIONE GENUINA E COERENTE LIRISMO CHE SI TRADUCONO IN EQUILIBRIO E RIGORE ESTETICO E SOSTANZIALE: VIRTU’ RARE CAPACI DI CREARE ARTE.

CARLA GIOLITO, ISPIRAZIONE GENUINA E COERENTE LIRISMO CHE SI TRADUCONO IN EQUILIBRIO E RIGORE ESTETICO E SOSTANZIALE: VIRTU’ RARE CAPACI DI CREARE ARTE.

scritto da: MIKATA | segnala un abuso

CARLA GIOLITO, ISPIRAZIONE GENUINA E COERENTE LIRISMO CHE SI TRADUCONO IN EQUILIBRIO E RIGORE ESTETICO E SOSTANZIALE: VIRTU’ RARE CAPACI DI CREARE ARTE.


L’artista vive la stessa realtà e riceve le medesime sollecitazioni di tutte le altre persone, In più, rispetto agli altri, è in grado di interpretare gli stimoli esterni utilizzando il filtro della propria specifica sensibilità e, infine, è capace di rielaborare le sensazioni e tradurle in forma. Il gesto creativo allora, sostanziandosi in un’opera, diviene sintesi mirabile dell’interazione tra realtà, ispirazione, sensibilità e amore per la natura che nasconde, dietro all’apparente semplicità, una fitta rete di citazioni colte e simbolismi. Questa premessa appare fondamentale per presentare Carla Giolito, brillante e talentuosa pittrice al debutto con le sue opere. Artista autodidatta, di grande capacità espressiva, dotata di una immaginazione vivace e spontanea, padroneggia una tavolozza estesa e una tecnica minuziosa, Carla Giolito appare animata da un innato desiderio di sperimentare e mettersi in gioco. Nel suo immaginario creativo coglie i suggerimenti dei grandi maestri che trasforma in idee e immagini riuscendo a manifestare una genuina ispirazione e un coerente lirismo che si traducono in rigore ed equilibrio estetico e sostanziale. Concentrata sull’’esattezza e sull’armonia dei rapporti plastici, l'artista trasfonde nelle sue composizioni una luminosità ed espressività che mette in evidenza ed esalta la sua ispirazione, cedendo alla seduzione dell'immagine stilizzata, attenta al cromatismo sempre accurato, al ritmo formale delimitato da precisi ed armonici effetti di enigmatica poesia. Carla Giolito affronta diverse tematiche e tecniche artistiche in piena libertà, esplorando il suo universo creativo secondo criteri soggettivi che rispondono più all’esigenza di comunicare ciò che colpisce la sua sensibilità e fantasia che descrivere semplicemente ciò che vede, percorrendo una lunga successione di stati d'animo in un processo di marcata interiorizzazione, con la leggerezza espressiva di chi interpreta il reale, mantenendo teso il filo di connessione con il potere trasfigurante della poesia e giungendo infine alla definizione di una propria sintassi stilistica, a una personale linea espressiva e a una originale poetica. Interpretazione più che rappresentazione quindi, trattando i soggetti della sua pittura con pennellate volte sempre più all’essenziale, con tocchi ora rapidi e leggeri ora meditati e decisi, creando l’effetto di una particolarità espressiva improntata soprattutto sul colore luminoso e sulla levità dei contenuti che rivelano la virtù rara e antica di creare arte. Si avverte nella cifra artistica di Carla Giolito una matrice, un segno e un cromatismo neoespressionisti, un filo rosso che garantisce, pur nell’originalità e nella diversità della forma espressiva, l’unità stilistica dei suoi lavori. Quando a muovere la sua ispirazione è il paesaggio l’artista riesce a riprodurre sulla tela le sensazioni e le percezioni visive che stimolano l’osservazione nelle varie ore del giorno e in particolari condizioni di luce, con lo studio del cielo, dell'atmosfera, delle acque. Dell’universo femminile l'artista esplora, dal suo osservatorio privilegiato di donna, le interne dinamiche; ne scruta, con acuminata percezione gli stati d'animo più profondi e complessi, restituendoci figure di travolgente impatto emotivo che trovano compimento nel decorativismo dell’Art Decò. Le architetture delle sue metropoli sono immerse in atmosfere iridescenti, rarefatte e silenziose, che ne accentuano l’irrealtà e la drammaticità. I fiori, attraverso forme evocative e colori forti, sanno comunicare la carica emotiva dell’artista ed esprimere il suo personale percorso di ricerca. Tematiche diverse, che l’artista predilige affrontare singolarmente o sintetizzare in composizioni spontanee caratterizzate da forme armoniose e tratti semplici in cui l’istinto e la fantasia giustificano interventi di garbata gestualità e inserzioni materiche che richiamano le avanguardie artistiche del ‘900, caricando le opere di simbolismo e suggestioni. Le opere esprimono così idee e sentimenti attraverso forma, materia e colore. L’artista abbandona l’idea del quadro come semplice esercizio estetico, non considerandolo più, o solo, una finestra aperta sul mondo, ma, al contrario, abbracciando il concetto dell’opera d’arte che, come per magia, spalanca un’apertura per scendere fino al fondo del proprio animo per esplorare sensazioni e pensieri nascosti, naturale conseguenza d’una lettura del mondo che avviene attraverso l’immersione dell’artista nella totalità della percezione, liberata dalle affascinanti ma fuorvianti elaborazioni dell’intelletto. Carla Giolito realizza in questo modo una pittura limpida e genuina, sostanzialmente figurativa, con tocchi intimisti e semplicità di linguaggio, che riesce a cogliere gli umori di una realtà ai margini del frastuono quotidiano, dentro un ambito di pace che consente di ascoltare le voci più impercettibili della coscienza, assecondando l'intensità dell'emozione, la freschezza del ricordo, l'immediatezza della sintonia con gli elementi del mondo circostante. E’ il mondo dell’artista ed è il nostro mondo, il confine su cui ci incontriamo per camminare insieme. M.C. Giugno, 2019

carla giolito | pittrice | vercelli |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

CARLA GIOLITO PARTECIPA CON L’OPERA “DESTINI” AL PREMIO ARTEMIDE - MOSTRA INTERNAZIONALE D’ARTE CONTEMPORANEA ALLA BAUHAUS HOME GALLERY DI ROMA.


CMP presenta la sua Heritage Ski Capsule ispirata a Mondrian


Summer School 2021 Malattie rare e farmaci: ancora poche ricerche di nuove soluzioni. Prioritaria la ricerca e l’assistenza in rete dei pazienti


Malattie rare: le esperienze del Lazio Andare verso una forma di Reti cliniche integrate per una presa in carico del paziente condivisa tra medicina generale e medicina specialistica


DALL'O' WINE ATELIER DEL VINO : elegante degustazione sulle note della famosa pianista Giulia Vazzoler e doppia vernice d'arte di Carla Mura e del duo Henjam


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

CON L'ARTE SI RIPARTE: AL VIA LA PRIMA EDIZIONE DELLA "BIENNALE D'ARTE CITTA' DI VERCELLI"

CON L'ARTE SI RIPARTE: AL VIA LA PRIMA EDIZIONE DELLA
CON L'ARTE SI RIPARTE - A Vercelli presso lo Studio d’Arte 256 del pittore Ezio Balliano prende via la prima edizione della “Biennale d’Arte Città di Vercelli” 2021/2022. Il ProgettoUn’idea nata quasi per gioco, complici le possibilità di comunicazione che offre il WEB, per esorcizzare l’incubo sanitario dal quale, seppure a fatica, stiamo faticosamente uscendo: la formula è semplice: uno spazio espositivo, una mostra collettiva che presenta ogni due settimane una selezione di opere di un gruppo di artisti sempre diverso, che permetta loro di presentare i pr (continua)

ANNA CALLEGARI: CREATIVITA’ COMPOSITIVA E RAZIONALITA’ TRA FIGURAZIONE E ASTRAZIONE IN SINTESI PERFETTA CON L’ARMONIA E LA RICERCA DEL BELLO E DEL VERO, ALL’AFFASCINATE CONFINE TRA REALTA’ E SOGNO.

ANNA CALLEGARI: CREATIVITA’ COMPOSITIVA E RAZIONALITA’ TRA FIGURAZIONE E ASTRAZIONE IN SINTESI PERFETTA CON L’ARMONIA E LA RICERCA DEL BELLO E DEL VERO, ALL’AFFASCINATE CONFINE TRA REALTA’ E SOGNO.
Creatività compositiva e razionalità in sintesi perfetta con l’armonia e la ricerca del bello e del vero sono alla base della produzione artistica di Anna Callegari. Il tratto e la pennellata risultano istintive, la mano felice e leggera, Anna ha il dono dell'equilibrio e delle proporzioni, e ciò rende le opere di piacevole godimento, con forme geometriche semplici, zone piatte di colore delimitate da contorni scuri, volumi sovrapposti e compenetrati fra loro, esaltazione della memoria e dell’immaginazione; opere lontane da ogni accademismo e mai banali. In ogni creazione di Anna è possibile ritrovare traccia della sua personale ricerca di un ideale di bellezza; Ciascuna opera svela il costante tentativo di realizzare un equilibrio tra la tradizione e la modernità in una concezione soggettiva dello spazio con l’utilizzo dei moduli espressivi - forma e contenuto, volume e colore - in maniera più congeniale al suo temperamento, elaborati in una sua (continua)

PIER GIORGIO DOIMO, ATTRAVERSO LA SPERIMENTAZIONE, IL COLLAGE, L’ASSEMBLAGGIO, FONDENDO ESTETICA ANTICA CON TECNICA CONTEMPORANEA, INDAGA LE POSSIBILITA’ COMUNICATIVE DELLA MATERIA.

PIER GIORGIO DOIMO, ATTRAVERSO LA SPERIMENTAZIONE, IL COLLAGE, L’ASSEMBLAGGIO, FONDENDO ESTETICA ANTICA CON TECNICA CONTEMPORANEA, INDAGA LE POSSIBILITA’ COMUNICATIVE DELLA MATERIA.
Sicurezza del tratto, gestualità dinamica e grande senso del colore svelano un’indiscutibile maturità pittorica; la sperimentazione, il collage, l’assemblaggio, fondendo estetica antica con tecnica contemporanea, pongono Pier Giorgio Doimo, con i suoi lavori più recenti, in sintonia con il linguaggio informale, offrendo allo spettatore una forma espressiva aliena da riferimenti realistici o citazioni di maniera. E’ possibile leggere le vicende dell’arte del novecento secondo due linee parallele: in arte come in natura istinto e razionalità si incontrano e si scontrano, determinando i comportamenti. Questa sorta di dualismo affonda le sue radici nel mondo classico che collegava questi due diversi modi di espressione all’influsso di Apollo e Dionisio: il primo, Apollo, simbolo di perfezione, che si affida a (continua)

VERCELLI: Pio Mario Arini festeggia i suoi 75 anni di attività artistica tra poesia e pittura con un nuovo atelier e una mostra virtuale

VERCELLI: Pio Mario Arini festeggia i suoi 75 anni di attività artistica tra poesia e pittura con un nuovo atelier e una mostra virtuale
Oltre settanta anni di attività artistica, una produzione vastissima che esplora tendenze e stili, tecniche e materiali, dal figurativo all’astratto, dall’impressionismo all’espressionismo fino all’informale: ritratti, nature morte, paesaggi soprattutto, evocati da memorie remote, immersi in un’atmosfera di sognante malinconia che impregna le opere di luminosa trasparenza, resi con una emotività tale da renderli unici ed inimitabili, poiché il senso profondo della sua arte è il reale, vissuto intensamente nelle sue espressioni di gioia, dolore, estasi o pace. L'UOMO:Nato nel 1926 ad Ancona, Pio Mario Arini dimostra da subito vivace intelligenza e grande curiosità per tutto ciò che lo circonda. Naturalmente portato per l'espressione artistica comincia giovanissimo a disegnare e poi a dipingere e comporre versi. Le drammatiche e concitate vicende belliche segneranno la sua adolescenza e faranno crescere il suo desiderio di libertà, la capacità di ap (continua)

DOPO IL LOCKDOWN RIPRENDE L’ATTIVITA’ DELL’ASSOCIAZIONE CULTURALE “LA VOCE” CON LA MOSTRA DI PAOLO SALVARANI PRESSO LA GALLERIA CIVICA JACOPO DURANDI DI SANTHIA’ (VC).

DOPO IL LOCKDOWN RIPRENDE L’ATTIVITA’ DELL’ASSOCIAZIONE CULTURALE “LA VOCE” CON LA MOSTRA DI PAOLO SALVARANI PRESSO LA GALLERIA CIVICA JACOPO DURANDI DI SANTHIA’ (VC).
Dopo la lunga pausa causata dal lockdown e dall’emergenza sanitaria purtroppo ancora in atto, riprendono gradualmente le iniziative presso la Galleria Civica Jacopo Durandi di Santhià, in provincia di Vercelli. L’Associazione Culturale La Voce, grazie al patrocinio concesso dall’Amministrazione Comunale di Santhià e all’attiva collaborazione dell’Assessore alla Cultura Renzo Bellardone, apre il nuovo ciclo espositivo con la mostra d’arte contemporanea di Paolo Salvarani. Nato nel 1962 Paolo Salvarani, in arte “Otto”, dimostra presto il suo talento nel disegno, autodidatta e “bricoleur”, (prepara da se’ le tele utilizzando vecchie lenzuola trattate con ricette segrete), si appassiona al lavoro dei maestri dell'impressionismo e animato da un innato desiderio di creare arte procede nel suo cammino attraverso vari stili, dall'espressionismo alla Pop Art, fino all’info (continua)