Home > Altro > Kippy, una nuova campagna di crowdfunding per conquistare un mercato potenziale che solo nell’UE conta 140 milioni di animali domestici. Dal 20 giugno già raccolti quasi €600.000 su Mamacrowd

Kippy, una nuova campagna di crowdfunding per conquistare un mercato potenziale che solo nell’UE conta 140 milioni di animali domestici. Dal 20 giugno già raccolti quasi €600.000 su Mamacrowd

scritto da: Comunicazioneareapress@gmail.com | segnala un abuso


Con una sensibile crescita nel 2018 del fatturato (+95%) e degli utenti attivi (+369%), la PMI italiana che realizza prodotti IoT di localizzazione e monitoraggio di cani e gatti, punta a rivoluzionare un mercato dalle grandi potenzialità con il nuovo modello Kippy EVO, un passo verso il primo “pet smartphone” al mondo

Milano, 01 luglio 2019 – Dopo aver concluso con successo un round di investimento di €300.000 nel 2015 e di €1.000.000 nel 2017, Kippy, la PMI italiana guidata dai due fondatori Simone Sangiorgi e Marco Brunetti che sviluppa dispositivi Consumer IOT (Internet Of Things) in grado di localizzare e monitorare le attività del proprio animale domestico, ha lanciato la nuova campagna di crowdfunding sulla piattaforma Mamacrowd.com. Partita il 20 Giugno con chiusura il 9 settembre 2019, la campagna ha l’obiettivo di raggiungere una raccolta minima di €500.000 e massima di €1.000.000. Un traguardo già vicino grazie ai quasi €600.000 raccolti in poco più di dieci giorni. Chiunque con un’adesione minima di €497,57 può partecipare al progetto di crescita. Il tutto con un processo semplice e certificato da CONSOB.

Nata a Milano nel 2014, Kippy non sviluppa semplici pet tracker. Grazie alle più avanzate tecnologie di localizzazione e ad algoritmi proprietari, permette anche di ricevere in tempo reale consigli su come migliorare la salute del proprio cane o gatto in base alle sue effettive necessità ed al suo comportamento tracciato con l’activity monitor. Proprio in questi giorni, infatti, Kippy ha lanciato il rivoluzionario Kippy EVO, il pet tracker più avanzato al mondo, dotato di una tecnologia innovativa, frutto di tre anni di studio in collaborazione con l’Università di Bologna e con il Dipartimento di Medicina Veterinaria dell’Università di Milano. Kippy EVO è un dispositivo unico nel suo genere, che consente, utilizzando l’app dedicata sul proprio smartphone, di sapere cosa sta facendo il nostro animale in qualsiasi momento, di localizzare in tempo reale la sua posizione, di verificare la sua attività motoria (corsa, sonno, gioco, ecc.) e di ricevere messaggi personalizzati per conoscere meglio i suoi bisogni e il suo stato di benessere. In altre parole, Kippy EVO permette di essere sempre connesso col proprio amico a quattro zampe. Nel 2018 Kippy ha venduto 70mila pezzi in 15 paesi europei, registrando un fatturato di €3,4 milioni (+95% vs 2017), e prevede di raggiungere €7 milioni di ricavi entro il 2020. Nello stesso periodo sono cresciute anche le attivazioni dei servizi in abbonamento (+369% vs 2017), con un totale di 17.000 utenti attivi e l’obiettivo di superare i 300.000 abbonati entro il 2023. Kippy distribuisce in 30 Paesi attraverso l’attività di e-commerce (www.kippy.eu e Amazon), partnership con grandi operatori (Vodafone, Europ Assistance, ecc.) e retail (catene pet shop, telco store) con oltre 3.000 punti vendita attivi in Europa.
Kippy può contare su un mercato dalle grandi potenzialità. Secondo i dati Assalco-Zoomark 2019, solo nell’Unione Europea sono registrati circa 140 milioni di cani e gatti e ogni anno 7 milioni di animali domestici si smarrisce; oltre il 18% di questi non viene più ritrovato. “Kippy nasce proprio con l’obiettivo di risolvere questo problema, fornendo ai proprietari di cani e gatti uno strumento in grado di localizzare e monitorare le attività del proprio amico a quattro zampe” - ha dichiarato Simone Sangiorgi, Founder & CEO di Kippy. “Un prodotto che con il tempo si è evoluto, fornendo nuove funzioni per il benessere degli animali, e per i prossimi anni ci siamo posti un obiettivo chiaro e ambizioso: creare il primo “pet
smartphone” al mondo, uno smartphone pensato per gli animali domestici, che migliori il loro benessere e la serenità dei loro proprietari. I risultati positivi raggiunti sinora sono un chiaro segnale di fiducia da parte degli investitori che credono nelle potenzialità di sviluppo di Kippy.” “La campagna di crowdfunding ci aiuterà a raccogliere i fondi necessari per sviluppare ulteriormente il prodotto, lanciare il Kippy Cat, un prodotto ideato appositamente per i gatti, e sviluppare ulteriormente l’e-commerce per la distribuzione retail di Kippy” – ha aggiunto Marco Brunetti, Founder & CEO di Kippy. “Il settore pet wearable è in forte ascesa e si stima raggiungerà i 3,2 miliardi di euro entro il 2024*. In questo contesto, il nostro obiettivo è quello di ottenere le risorse necessarie per portare il team ad un nuovo livello di sviluppo, accompagnando Kippy nell’evoluzione da startup ad azienda per diventare sempre più competitivi in Italia e nel mondo. Entro il 2023 prevediamo di passare dagli oltre 17.000 utenti attivi attualmente a 300.000, mentre il fatturato raddoppierà entro il 2020.” *Fonte: Grand View Reasearch: Pet Wearable Market Reasearch, 2018 CHI SIAMO Nel 2014 Simone Sangiorgi e Marco Brunetti, intuendo le grandi potenzialità di un mercato ancora vergine, hanno fondato la start-up Kippy (www.kippy.eu/it), una PMI innovativa che sviluppa dispositivi Customer IOT in grado non solo di localizzare il proprio animale domestico in qualsiasi momento, ma anche di monitorare le sue attività quotidiane e capire in tempo reale i suoi bisogni.
Dopo tre anni di studio e di investimenti in R&S e la stretta collaborazione con l’Università di Bologna e con il Dipartimento di Medicina Veterinaria dell’Università di Milano, è nato Kippy EVO, il pet tracker più avanzato e completo finora mai realizzato. Una vera e propria rivoluzione che consente, utilizzando l’app dedicata sul proprio smartphone, di localizzare in tempo reale la posizione del proprio amico a 4 zampe, di verificare la sua attività motoria (corsa, sonno, gioco, ecc.) e di ricevere messaggi personalizzati per conoscere meglio i suoi bisogni e il suo stato di benessere. Nel 2018 la start-up Kippy ha venduto 70mila pezzi in 15 paesi europei, registrando un fatturato di €3,4 milioni (+95% vs 2017) e una forte crescita delle attivazioni dei servizi in abbonamento (+369% vs 2017). A oggi Kippy conta più di 17.000 utenti attivi e distribuisce in 30 paesi attraverso l’attività di e-commerce (www.kippy.eu e Amazon), partnership con grandi operatori (Vodafone, Europ Assistance, ecc.) e retail (catene pet shop, telco store) con oltre 3.000 punti vendita attivi in Europa.
Per ulteriori informazioni:
MY PR - Ufficio stampa Kippy
Roberto Grattagliano – 02 54123452 – 338 9291793 - roberto.grattagliano@mypr.it
Fabio Micali – fabio.micali@mypr.it


Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

II° Edizione Expo Food Open Day Ristopiù Lombardia apre l’Azienda 18 -19 Aprile - dalle 9:30 alle 18:30 Via Monte Tre Croci, 5 - Varedo (MB)


Yakkyofy, la startup che rivoluziona il modo di fare eCommerce, arriva su Mamacrowd.


Rivoluzione eCommerce: Yakkyofy raggiunge l'obiettivo massimo nella sua campagna di crowdfunding.


Divertiti con Dimillecolori


Trackting sbarca su Mamacrowd e balza a 100.000 € in 6 ore.


SANIDESIGN: PERFETTO BINOMIO TRA FUNZIONALITA’ ED ESTETICA


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Al via la nuova edizione di Open-F@b Call4Ideas di BNP Paribas Cardif: verso il futuro della protezione per un’assicurazione più accessibile.

Sono aperte le iscrizioni per l’ottava edizione del contest che premierà i progetti più innovativi sul tema dell’accessibilità dell’offerta assicurativa. Le proposte dovranno essere presentate entro il 26 settembre 2021. Tra le novità di quest’anno più spazio ai giovani grazie alla partnership con PNICube. Un mondo nuovo richiede nuove forme di protezione. Nell’era dell’immediatezza, in cui il cambiamento è costante e imprevedibile, il settore assicurativo si trova davanti a una sfida complessa: adattarsi alle nuove esigenze e offrire ai clienti soluzioni di protezione sempre più semplici da comprendere e utilizzare, personalizzate nelle coperture e nei rimborsi, inclusive. “L’Assicurazione + (continua)

Quando l’innovazione incontra la salute e la sostenibilità: dalla collaborazione con Healthy Virtuoso nasce la BNP Paribas Cardif Health Challenge 2021.

Quando l’innovazione incontra la salute e la sostenibilità: dalla collaborazione con Healthy Virtuoso nasce la BNP Paribas Cardif Health Challenge 2021.
Sport, camminata, riposo notturno, meditazione e tanto altro: con queste attività i collaboratori di BNP Paribas Cardif possono prendersi cura di sé, accumulando crediti e sfidando i colleghi, e donare attrezzature sportive a persone con disabilità grazie alla partnership con l’associazione PlayMore!. E per ogni partecipante Healthy Virtuoso pianterà un albero in giro per il mondo. In un’Italia più sedentaria, in cui, secondo le ultime stime dell’Istituto Superiore di Sanità, 4 persone su 10 combattono con la bilancia, e solo 1 su 10 consuma la corretta quantità di frutta e verdura, occorrono idee innovative in grado di generare il cambiamento anche in tema di benessere. E se queste riescono anche a coniugare i valori della prevenzione e della sostenibilità, a favore de (continua)

BNP Paribas Cardif a tutela della salute delle persone: nasce il “New health journey”, la nuova strategia su protezione, prevenzione e digitalizzazione

La Compagnia rinnova il proprio impegno per soddisfare i nuovi bisogni generati dall’emergenza sanitaria. Con la polizza Unica BNL, la soluzione di protezione salute realizzata in sinergia con la Banca, sono a disposizione 4 aree di intervento in campo socio-sanitario e strumenti di Digital Care per dare ai clienti assistenza digitale e a domicilio BNP Paribas Cardif, tra le prime dieci compagnie assicurative in Italia[1], consolida la propria strategia orientandola sempre più su salute e prevenzione per i propri clienti e i loro familiari. Nasce così “New health journey”, l’evoluzione di un percorso iniziato nel 2018 che si rinnova per andare incontro ai nuovi bisogni di salute delle persone mettendo al centro la prevenzione, ancora pri (continua)

Difendere i giovani dal cyberbullismo con un'app: ecco “Bodyguard per le famiglie”, la soluzione di protezione digitale sviluppata da Bodyguard e BNP Paribas Cardif in collaborazione con Fare X Bene Onlus

Difendere i giovani dal cyberbullismo con un'app: ecco “Bodyguard per le famiglie”, la soluzione di protezione digitale sviluppata da Bodyguard e BNP Paribas Cardif in collaborazione con Fare X Bene Onlus
BNP Paribas Cardif, tra le prime dieci compagnie assicurative in Italia, Bodyguard, start-up a vocazione sociale e Fare x Bene Onlus, associazione che sostiene promuove e tutela i diritti inviolabili della persona, presentano “Bodyguard per le famiglie”, una soluzione di protezione dal cyberbullismo che permette ai genitori di proteggere i figli in tempo reale da qualsiasi forma d’odio sui social network.  Stop cyberbullismo: ecco “Bodyguard per le Famiglie”, la rete di protezione digitale sviluppata da Bodyguard e BNP Paribas Cardif per difendere i più giovani dall’odio e dalla violenza sui social La start-up a vocazione sociale e la Compagnia assicurativa, in collaborazione con FARE X BENE Onlus, hanno creato il primo servizio di cyberprotection che permette di bloccare preventiva (continua)

Ricerca BNP Paribas Cardif Benvenuta Generazione Alpha: i primi passi di una nuova umanità iperconnessa, green e inclusiva

Ricerca BNP Paribas Cardif Benvenuta Generazione Alpha: i primi passi di una nuova umanità iperconnessa, green e inclusiva
Nativi digitali che amano la tecnologia, gli altri e la natura: ecco la generazione dei bambini che sta cambiando le regole superando gli stereotipi tradizionali Moderni, iperconessi, green, inclusivi: i bambini della Generazione Alpha, nati dal 2010 in poi, sono i primi veri “nativi digitali a 360 gradi”, i primi di una nuova umanità che sembra non conoscere barriere, né tra reale e virtuale, né tra uomo e donna, né tra etnie, e che ha a cuore il futuro del pianeta. È questo l’identikit emerso dalla ricerca "Tecnologica, inclusiva e green: benvenuta (continua)