Home > Economia e Finanza > Svalutazione competitiva dello Yuan, ecco la contromossa di Pechino

Svalutazione competitiva dello Yuan, ecco la contromossa di Pechino

scritto da: Elleny | segnala un abuso


La guerra commerciale tra USA e Cina è ufficialmente sfociata in guerra valutaria. Come risposta alla nuova ondata di dazi voluta da Trump, la Cina ha consentito che la propria valuta subisse un svalutazione pesante contro il dollaro, tanto da giungere al valore minimo in 11 anni.

La svalutazione competitiva dello Yuan

svalutazione yuanChe le cose stessero volgendo al peggio si era capito da qualche giorno. Settimana scorsa Trump aveva annunciato via Twitter che da settembre scatteranno nuovi dazi del 10% su 300 miliardi di beni cinesi. La rezione di Pechino non si era fatta attendere, con la minaccia di contromosse. Che puntualmente sono arrivate. La Cina non solo ha deciso di bloccare le importazioni di prodotti agricoli statunitensi, ma la sua banca centrale (People’s Bank of China) ha consentito che il renminbi avesse una forte svalutazione contro il dollaro, imputato in maniera esplicita la perdita di valore all’aspettativa dei nuovi dazi.

Come detto, le autorità cinesi hanno consentito che lo yuan perdesse il livello psicologicamente importante di 7 per dollaro (calo giornaliero dell’1,4%), cosa che non si vedeva sulle migliori piattaforme di trading Forex online dalla crisi finanziaria globale del 2008. Anzi, proprio l'istituto centrale ha dato l’impulso iniziale questa svalutazione, fissando un tasso giornaliero per la valuta al suo livello più debole in otto mesi (midpoint giornaliero a 6,9225 per dollaro prima dell’apertura del mercato, il suo livello più debole dal 3 dicembre 2018).

L'effetto contagio su altre valute

C'è bastato poco perché la paura cominciasse a propagarsi su tutti i mercati, e che i migliori segnali operativi Forex gratuiti cominciassero ad accendersi furiosamente. Del resto una mossa così forte da parte delle autorità cinesi, potrebbe essere il segnale chiaro che i negoziatori hanno quasi abbandonato le speranze di un accordo commerciale con gli Stati Uniti. Intanto Trump - con l'ennesimo Tweet - ha accusa la Cina di manipolazione valutaria, e di aver operato una svalutazione competitiva.

Le valute più legate all'economia cinese sono cadute a lovo volta, come il Won coreano (che si avvia verso la più grande perdita giornaliera dall'agosto 2016) e il dollaro australiano (che scende a un minimo di sette mesi contro il dollaro). Le valute rifugio invece hanno avuto una forte spinta, tanto che lo yen giapponese è giunto ai massimi da inizio anno sul dollaro ed euro.

Ma non finisce qui. Poichè la mossa di Pechino sta rafforzando il dollaro, finisce per mettere più pressione alla Federal Reserve perché allenti la politica monetaria. Non a caso adesso il mercato prezza tagli dei tassi da parte della Fed per 60 punti base entro fine anno.

yuan | segnali operativi forex | piattaforme di trading forex |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Denaro, flussi in uscita dalla Cina. Pechino pensa ai future sullo yuan sul mercato onshore


Yuan ancora sotto pressione a causa della guerra dei dazi


Miguel Benancio Sanchez e la Corsa di Miguel, 38 anni dal suo sequestro


Svalutazione, la Lira precipita ancora e la CBRT deve intervenire


Omar Galliani in Cina, L’opera “Lontano da Xian” nelle collezioni del Museo Nazionale d’Arte della Cina (NAMOC)


Intervista di Alessia Mocci a Laure Gauthier: vi presentiamo kaspar di pietra


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Banca Centrale USA, Powell confermato alla guida della Federal Reserve

La Banca Centrale statunitense nel corso del meeting di marzo ha alzato il costo del denaro di un quarto di punto Come era ampiamente prevedibile, la Banca Centrale Americana avrà per un altro ho mandato al timone Jerome Powell. Il Senato federale ha infatti confermato il numero uno della Fed, con un forte slancio bipartisan. I voti infatti sono stati 80 favorevoli contro 19 contrari.Ancora alla guida della banca centraleScelto una prima volta da Donald Trump per guidare la Fed, il 69enne Powell ha lavorato c (continua)

Profitti raddoppiati malgrado la carenza di chip e la guerra in Ucraina volkswagen può brindare

La situazione del mercato dell'auto rimane molto incerta a causa principalmente della carenza di semiconduttori e delle conseguenze del conflitto in Ucraina. Nonostante questo Volkswagen è riuscito a raddoppiare i propri profitti nel primo trimestre.Volkswagen vendite e profittiIl colosso automobilistico tedesco quotato sull'indice DAX 40 è una delle società che ha alzato il velo sui conti del pri (continua)

Mercati finanziari timorosi ma intanto il dollaro vola

Gli investitori digeriscono il rischio di frenata dell'economia cinese e le mosse preannunciate dalla Federal Reserve Mercati finanziari timorosi ma intanto il dollaro vola L'umore degli investitori è decisamente cambiato negli ultimi giorni. Sui mercati finanziari già da qualche giorno si è abbattuto l'uragano Powell, che con le sue dichiarazioni ha preannunciato una svolta molto aggressiva da parte della Federal Reserve. Ma pesano enormemente anche i timori riguardo alla frenata cinese.Lo scenario sui mercati (continua)

Investitori nei prossimi giorni gli eventi clou saranno le elezioni in Francia e la BCE

La settimana che ci aspetta sarà molto interessante, soprattutto per due motivi. Gli investitori attendono novità dalla Francia, dove sono in corso le elezioni presidenziali. E aspettano notizie da Bruxelles, dove si riunisce in meeting la Banca Centrale Europea. Chiaramente sullo sfondo ci sono le notizie che giungono dal fronte della guerra, che resta il primo driver dei mercati.Gli eventi chia (continua)

Pagamento del gas in Rubli: Putin riceve lo stop anche dal fronte interno

La provocatoria mossa di Putin contro l'occidente, ha segnato il primo momento in cui qualcuno all'interno del Cremlino gli ha dovuto dire la verità. L'idea di pretendere il pagamento del gas in rubli non è praticabile. Gliel'hanno detto, ed è la prima volta che il dittatore russo si è trovato di fronte a un'opposizione interna. Che però ha avuto la meglio, tanto che Putin ha dovuto guadagnare te (continua)