Home > Primo Piano > IL GOVERNO DEI PERDENTI.

IL GOVERNO DEI PERDENTI.

scritto da: Millevoci | segnala un abuso


Quando ho ascoltato il video al link www.facebook.com/GianniTurcoMV/videos/3535936566431871/  mi è stato immediatamente chiaro il motivo per il quale Di Maio (M5S) ha provocato Salvini (Lega) con i suoi continui "NO" a tutto o quasi, infrangendo così il contratto di Governo che aveva firmato contravvenenedo quindi alla parola data ma anche e soprattutto agli interessi ed alle aspettative dei suoi iscritti. Ed ho capito il vero ruolo di Conte, tanto amato in Europa. Conte, "l'avvocato degli italiani" che inciuciava con la tedesca Merkel contro Salvini in un video "rubato". Ed ho avuto conferma, contrariamente alla speranza che avevo espresso in un post di qualche giorn fa, che Mattarella, dando l'incarico al Governo col PD (perdente alle elezioni del 4 marzo 2018), secondo me ha voluto restituire il favore a questi ultimi, per l'elezioe alla carica che ricopre. Tutto torna! I potenti della finanza in Europa - e non solo - avevano predisposto ogni cosa, evidentemente. Oltre che coloro che hanno votato il perdente Partito Dremocrarico, invito sopratutto le persone iscritte al M5S a capire tutto alla luce di questa importamtissima verità andata in onda quache settimana fa su "Italia 53".


Fonte notizia: .


GOVERNO | COINTE | DI MAIO | PARTITO DEMOCRATICO | M5S PD SALVINI | EUROPA |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il governo populista di M5S e Lega nasce per fare gli interessi dei padroni e dei ricchi, piegandosi a UE, NATO e Vaticano


Contrapporre la lotta di massa alla demagogia populista e ai diktat UE


Covid-19, I partiti di destra in calo


Il Governo Letta copia (male) Fare


Governo: fari puntati sul Senato, l'icognita è ancora Verdini


Piazza della Vittoria 8 Genova: dichiarazioni riforma pensioni


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Autori più attivi
Ottobre

Recenti

Stesso autore

MilleVoci, un format al quale siamo affezionati.

MilleVoci, un format al quale siamo affezionati.
Niente compensi né gettoni di presenza ma uno show televisivo con tutti i crismi, diffuso gratuitamente alle emittenti che lo vogliono. È ‘MilleVoci’, cui la nostra rivista da sempre dà volentieri una mano. “MilleVoci” è uno spettacolo musicale in onda su molte Tv italiane, regionali, nazionali, su Sky per l'Europa. E' senza fini di lucro, diretto ad un pubblico d'ogni età, distribuito gratuitamente alle emittenti televisive che ne fanno richiesta ma adatto anche alla diffusione radiofonica. È anche inserito su portali musicali in internet. 'MilleVoci”, realizzato ogni anno in primavera (fatta ec (continua)

Giovanna Nocetti: "Chi non è stato almeno una volta a MilleVoci... è nessuno!"

Giovanna Nocetti:
Studia canto e chitarra con la professoressa Ida Neukusler, ed inizia a partecipare a numerosi concorsi canori per dilettanti. Si trasferisce a Milano e studia armonia jazz con il maestro Sante Palumbo, che riesce a procurarle un contratto con la Meazzi, etichetta con cui debutta nel 1967. Nel 1969 partecipò al gioco televisivo Settevoci con il brano Il muro cadrà facendosi conoscere a livello nazionale.Nel 1970 passò alla Ariston Records e partecipò al Cantagiro (quello vero di un volta) con Canne al vento, scritta da Mino Reitano; nello stesso anno partecipò alla Mostra internazionale di musica leggera  (continua)

MilleVoci senza Dino? Impossibile!

MilleVoci senza Dino? Impossibile!
Dino, all'anagrafe è Eugenio Zambelli, dotato di una buona intonazione, partecipava ai primi concorsi quando era ancora bambino. Si trovava spesso a gareggiare con una sua coetanea, Gigliola Cinquetti. La incontrò nel 1959 ad uno spettacolo di operetta per ragazzi. Due anni dopo, il primo Pinocchietto d'oro con il celebre successo di Mina Le mille bolle blu. Proprio durante una di queste esibizioni nel dicembre 1961 viene notato da Ennio Ottofaro, che gli propone di entrare come voce solista nel gruppo musicale de "Kings". Dotato di una buona intonazione, ancor bambino partecipò ai primi concorsi e spesso si ritrova a gareggiare con una certa  Gigliola Cinquetti, che incontrò per la prima volta nel 1959 durante uno spettacolo di operetta per ragazzi che, due anni dopo, superò arrivando primo al Pinocchietto d'oro col celebre successo di Mina Le mille bolle blu.Proprio durante una d (continua)

Michele Maisano: MilleVoci da non trascurare.

Michele Maisano: MilleVoci da non trascurare.
Si trasferisce ancora bambino da Vigevano, sua città Natale, a Genova, città dove frequenta l'Istituto Nautico; a soli 14 anni incide il primo 45 giri con due brani, Sono dannato e Flirt, due pezzi Rock 'n' roll che esegue con l'accompagnamento dell'Orchestra Zanti e con la denominazione Gianfranco Maisano. Durante il periodo scolastico si esibiva dal vivo con un suo gruppo nei locali della sua città, e venne notato dal maestro Gian Piero Reverberi che gli fece incidere una sua canzone, Ma se tu vorrai, per la Assolo, una sottoetichetta della Karim. Il disco suscitò l'attenzione della RCA Italiana, che decise di contrattarlo.Nel 1963 partecipò, con Se mi v (continua)

I "Romans" non potevano mancare a MilleVoci.

I
Il gruppo dei "Romans" vide la sua fondazione nel 1959 per iniziativa di Renato Lodispoto che, lasciato il gruppo "The Happy Friends" per formarne uno più moderno, contattò lo studente di ragioneria Ignazio Polizzi (poi Polizzy) Carbonelli che si presentava come pianista e cantante. Insieme contattarono un collega di Polizzy, Alberto Cori, sassofonista. A loro volta i tre contattarono uno studente dell'Accademia nazionale di Santa Cecilia, Diego Petrera, batterista, ed assieme diedero vita ai primi concerti nella loro città col nome de "I Romans". Mancava un chitarrista e proprio durante un'esibizione al dancing Olimpo, al quartiere Tuscolano, furono contattati da un "pischello", un certo Claudio Natili, allora studente di liceo classico. L'accordo fu raggiunto ed il sodalizio iniziò con esibizioni in tour, con un repertorio di  canzoni scritte dal duo Polizzy-Natili.Nel 1957 si classificarono al terzo posto nella quarta (continua)