Home > Festival > La desiderabilità del segno

La desiderabilità del segno

scritto da: Redoffice3 | segnala un abuso

La desiderabilità del segno


La desiderabilità del segno Un incontro tra arte, design e trasformazione urbana, a cento anni dall’esperienza Bauhaus con al centro la desiderabilità, motore che fa girare l'esistenza “La desiderabilità del segno”. Un incontro a tre voci, Paolo Rossetti, Matteo Pettinaroli, Simonetta Ferrante in cui è possibile immergersi in una ramificazione di segni, una texture di relazioni, una trama di gesti: ecco il senso dell’incontro. “La desiderabilità del segno”, viene ospitato all’interno del Festival della Crescita 2019, tappa di Milano presso il Palazzo delle Stelline, il 19 ottobre. La desiderabilità del segno. Il motore che fa girare l'esistenza Sotto il cappello del “design thinking” un vero e proprio viaggio tra i segni concreti di un progetto di brand design, le linee immateriali di “agopuntura urbana” fino a giungere alla leggerezza dell’arte calligrafica, per tracciare un linguaggio binario che sintetizzi passato e presente. La complessità dei nostri giorni trova rilevanza nella contaminazione tra tre figure molto differenti ma sintonizzate nella ricerca di significati. Un brand designer, un esperto di agopuntura urbana e un’artista calligrafa, tutti e tre insieme per condividere suggestioni utili alla costruzione di una grammatica del III millennio per poter meglio affrontare la complessità odierna. I protagonisti Paolo Rossetti. Partner e Direttore Creativo di Rossetti Brand Design e già partner e direttore creativo di Testa Pella Rossetti, esperto nella creazione di Package e Identity Design, Naming e Graphic Design Ambientale. Matteo Pettinaroli. Architetto specializzato in processi di rigenerazione urbana, con competenze nel design partecipativo, urbanismo tattico e architettura temporanea. Fondatore di Needle_agopuntura urbana Simonetta Ferrante. Artista Calligrafa di fama internazionale, già Graphic Designer, sue opere sono esposte a Mosca, Berlino, Milano presso il Castello Sforzesco e all’interno del Museo del ‘900 e in numerose collezioni private. L’incontro è a cura di Luisa Cozzi, corporate & digital P.R., qui anche in qualità di Ambassador del Festival. Dove e quando “La desiderabilità del segno”, si terrà presso il Palazzo delle Stelline- Sala Open Hub, il 19 ottobre 2019 dalle ore 15 alle ore 16 all’interno del Festival della Crescita 2019. Entrata libera con iscrizione obbligatoria al link: http://bit.ly/2mcbxB1

Fonte notizia: http://bit.ly/2mcbxB1


Brand design | calligrafia | agopuntura urbana |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

I REGALI IDEALI DI NATALE, SEGNO PER SEGNO


Il Fantafestival al Cinema Trevi


La desiderabilità del segno a Milano: brand design, calligrafia e agopuntura urbana


Monsignor Giovanni Carrù La croce da patibolo a simbolo di resurrezione


Natalia Simonova in "Lasciando un Segno: Le ali" - Al Teatro Arciliuto di Roma (5/6/7 novembre)


Segni: dalla mano alla luce. Hans Hartung e Bruno Di Bello i protagonisti dello special project di Eidos per Artefiera 2018


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Diretta con “Da Gutenberg a Zuckerberg, che emozione!”, martedì 26 maggio 2020 dalle ore 14.30 alle 16

Diretta con “Da Gutenberg a Zuckerberg, che emozione!”, martedì 26 maggio 2020 dalle ore 14.30 alle 16
Le frontiere dell'editoria del terzo millennio ed i segreti per una strategia di content curation e storytelling efficace, fra tecnologia ed umanità Come riconoscere le nuove forme di editoria digitale che possono diventare modelli di business validi e replicabili? Come rendere la propria comunicazione multi-canale coerente ed efficace? Risponderà a queste ed altre domande un evento AISM - Associazione Italiana Sviluppo Marketing a cura di Emotional Marketing Lab e MIURA: dalla prima Bibbia sino a «Facebook Augmented Reality» passando per (continua)

La desiderabilità del segno a Milano: brand design, calligrafia e agopuntura urbana

La desiderabilità del segno a Milano: brand design, calligrafia e agopuntura urbana
“La desiderabilità del segno” è un concept a tre voci con Paolo Rossetti, Simonetta Ferrante e Matteo Pettinaroli, in cui è possibile immergersi in una ramificazione di segni, una texture di relazioni, una trama di gesti Designing Happiness a 100 anni da Bauhaus L’incontro “La desiderabilità del segno”, avvenuto nel centesimo annive (continua)

“Robots & Rinascimento”, l’intelligenza artificiale si connette con il patrimonio creativo italiano e la visione 4.0

“Robots & Rinascimento”, l’intelligenza artificiale si connette con il patrimonio creativo italiano e la visione 4.0
Il meeting svoltosi il 30 gennaio 2018 ha visto protagonista il robot NAO della Scuola di Robotica che ha interagito con gli ospiti. L’incontro, presentato da “LA LOGICA DEL FLUIRE. CHE MERCATO SAREMO” e “COPERNICO”, ha incluso gli interventi di Fiorella Operto, Fabrizio Bellavista e Stefano Lazzari e un saluto di benvenuto di Federico Lessio mentre Luisa Cozzi ha (continua)

“Water Brands” e “Super Brands”: il 21 ottobre 2017 a Milano due grandi eventi al Festival della Crescita

“Water Brands” e “Super Brands”: il 21 ottobre 2017 a Milano due grandi eventi al Festival della Crescita
Al Palazzo delle Stelline di Milano (il primo alla Cult Library, il secondo alla Visions Hall), sabato 21 ottobre alle ore 17 e alle 18.30 si svolgeranno due eventi, all’interno del Festival della Crescita: il primo tratterà di “Water Brand” e del libro “La logica del fluire. Che mercato saremo”, il secondo di “Super Brands” e del volume "S (continua)

Milano Food City 2017. Gifasp premia la prevenzione dello spreco alimentare

Milano Food City 2017. Gifasp premia la prevenzione dello spreco alimentare
Durante l’evento Milano Food City #famedivero, il 9 maggio 2017 presso lo Spazio BASE, nell’epicentro del ‘fuorisalone’ della Food Week, Francesca Meana, designer e membro del comitato esecutivo di Gifasp, ha consegnato un doppio riconoscimento ai migliori lavori presentati per il progetto-laboratorio “140 caratteri o un'immagine” a due classi della Scuola p (continua)