Home > Eventi e Fiere > Successo al Pizza Village per il “XVIII Campionato del Mondo dei Pizzaiuoli” e il “Trofeo delle Nazioni”

Successo al Pizza Village per il “XVIII Campionato del Mondo dei Pizzaiuoli” e il “Trofeo delle Nazioni”

articolo pubblicato da: peppebar | segnala un abuso

Successo al Pizza Village per il “XVIII Campionato del Mondo dei Pizzaiuoli” e il “Trofeo delle Nazioni”
Nell’ambito della nona edizione del “Napoli Pizza Village” in svolgimento dal 13 al 22 settembre sul Lungomare Caracciolo del capoluogo partenopeo, il grande padiglione organizzato da Farina Caputo, ha terminato le sue grandi kermesse che hanno portato, ad accendere 10 forni, ai quali si sono avvicendati nelle gare oltre 600 pizzaioli tra italiani e stranieri provenienti da quasi tutti i continenti. Il tutto, per decretare nei primi tre giorni i vincitori del “XVIII Campionato del Mondo dei Pizzaiuoli” e nella giornata finale la nazione conquistatrice del “Trofeo delle Nazioni”. La XVIII edizione del Campionato del Mondo dei Pizzaiuoli, tenutasi nei giorni 16/17 e 18, ha permesso di vivere tre giornate di intense gare che accanto alle “tradizionali” Pizza STG, Pizza Classica, Pizza di Stagione, Pizza in Teglia, Pizza Metro/Pala, Pizza senza glutine, Pizza Fritta, Pizza Acrobatica (larga, veloce, freestyle), quest’anno hanno visto l’aggiunta della categoria Juniores, dove i pizzaioli si sono sfidati nelle nuove categorie Pizza Contemporanea e Pizza Americana.Questa categoria Contemporanea, ha voluto anche dettare delle regole per quella ultimamente tanto diffusa pizza “Canotto”, una pizza dove il cornicione “a canotto”, ha spinto gli esperti di Mulino Caputo che dal 1824 si impegna a conquistare il mondo come produttore dei migliori grani macinati, ed a mettere a punto le farine “Nuvola” e “Nuvola Super”, che assecondano l’esigenza di “scioglievolezza” di questo tipo di pizza. Questo importante evento creato da Caputo, con il suo Trofeo, ha dimostrato negli anni e dimostra sempre più, di essere la più grande e spumeggiante manifestazione internazionale dedicata alla pizza, invogliando a giungere a Napoli per competere pizzaiuoli da: Giappone, Thailandia, Corea del Sud, Taiwan, Cina, Argentina, Brasile, Stati Uniti, Canada, Francia, Spagna, Germania, Inghilterra, Egitto, Marocco, Tunisia,Russia, Portogallo, Australia ed ovviamente dall’Italia, con oltre 50 Paesi del mondo. Il titolo di Campione del Mondodei Pizzaiuoli - XVIII Trofeo Caputo se l’è aggiudicato per questo 2019, Ciro Magnetti di Melito di Napoli, che nel 2018conquistò il primo posto nella categoria Pizza di Stagione, nel 2016 giunse secondo nella categoria Pizza senza Glutine e nel 2015 divenne campione della categoria pizza a Pizza al Metro. Dopo Magnetti, al secondo posto come miglior pizzaiuolo del mondo 18° Trofeo Caputo per la categoria più ambita, la pizza STG (specialità tradizionale garantita), si è classificatoFerdinando Percoco, in forza presso Rossopomodoro di Rimini, che ha vinto anche la Gran Coppa Rossopomodoro come primo pizzaiuolo Rossopomodoro in tutto il mondo. La categoria della Pizza Contemporanea ha visto trionfare Giuseppe Cutraro, che vive a Parigi dove coordina il lavoro di 80 pizzaioli, mentre la giovane Laura Meyer, italoamericana arrivata direttamente da San Francisco, ha conquistato un’altra delle categorie più innovative e interessanti della competizione, quella della Pizza Americana. Peppe Crapetti titolare della pizzeria Fermento al Vomero, ha vinto il contest Trenitalia premio di pizzaiuolo più veloce del Napoli Pizza Village, realizzando la sua opera in 20 secondi e 76 centesimi. Nella giornata del 19, sempre con gradinate e spalti dello spazio allestito sul Lungomare da Mulino Caputo, gremito di pubblico e coordinato da un instancabile Sergio Miccù, presidente dell’APN, passionario della realizzazione di aspirazioni e professionalità dei pizzaiuoli suoi iscritti, che ha diretto tutte le operazioni di gare, insieme al suo vice Umberto Fornito, pluricampione mondiale di campionati e gare di Pizzaiuoli, con Felicia Annarumma, coordinatrice di una giuria che ha visto solo nomi di grandi esperti del settore, si è giunti alla gara per la conquista della fantastica coppa del “Trofeo delle Nazioni” con la partecipazione di quasi tutte le nazioni sopra citate. A presentare egregiamente al pubblico che ammirava ed applaudiva i concorrenti in gara nelle loro performance, non poteva mancare il presentatore degli eventi Caputo, il mitico conduttore Enzo Calabrese, che ha presentato le intere giornate con la sua magica voce dai riverberi morbidi e gentili, tanto da divenire attraente ed interessante per gli uditori, e questo nonostante diverse difficoltà tecniche verificatesi per il mancato buon funzionamento del server amplificante i microfoni. Il “Trofeo delle Nazioni” con 4210 voti dati dalla qualificatissima giuria se lo è aggiudicato Taiwan, mentre sul secondo scalino del podio con 4145 voti è giunto il Portogallo e la medaglia di bronzo è andata all’Italia che ha ottenuto 3900 voti. I vincitori sono stati premiati da Carmine, Eugenio e Antimo Caputo. Nel salutare concorrenti e ospiti e dare appuntamento per la prossima edizione Carmine Caputo ha detto: “Siamo orgogliosi di avere avuto pizzaiuoli provenienti da tutto il mondo, sia ieri con la tre giorni del XVIII Campionato Mondiale della Pizza, che oggi con il Trofeo delle Nazioni, questa competizione a squadre, innovativa che abbiamo inserita in occasione del 18 compleanno del concorso che si è sviluppato con sempre maggiore successo negli anni. Siamo entusiasti della loro partecipazione, felici di averli accolti e ci auguriamo che loro siano rimasti contenti di aver partecipato a un grande evento che si fa ancora più grande con la loro presenza”. Giuseppe De Girolamo

Pizza |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Prospettive ed aspettative per i pizzaioli, trovano successo per il loro futuro


Successo al di sopra d’ogni aspettativa per “Pizza sotto il Vesuvio”


A Pesaro gran successo per la pizza Rossini


Dal Pizza Village è partita la Pizza “Scegli Napoli”


A casa Manna, festeggiato un anno ricco di successi


Successo a Campobasso per l’evento UPTeR


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il video del “Come fare la pizza a casa?” su Facebook ottiene oltre 500mila visualizzazioni

Il video del “Come fare la pizza a casa?” su Facebook ottiene oltre 500mila visualizzazioni
La pizza napoletana fatta in casa è una delle maggiori delizie di cui si può godere in questi giorni di vita casalinga. Lo ribadisce Francesco Di Ceglie della pizzeria “Il Monfortino”, reduce da successi e riconoscimenti prestigiosi. «Ho iniziato la carriera da pizzaiolo a 14 anni e dopo tanti sacrifici ho aperto con il socio Fabio Russo la pizzeria “Il Monfortino” a Centurano, una frazione di Cas (continua)

Battaglia (UNSA): "Grido di dolore, basta ammalati e morti nella PA" Lettera a Conte e Dadone: "Più controlli e sanzioni, il decreto non basta"

 Battaglia (UNSA):
"Dopo l’ennesima nota sulle inadempienze nel pubblico impiego inviata al Governo nella giornata di ieri, continuano a pervenire segnalazioni di assembramenti negli uffici pubblici". Lo afferma in una nota Massimo Battaglia, segretario generale della federazione Confsal-UNSA. "Il nostro è un grido di dolore e rabbia che aumenta giorno dopo giorno, perché abbiamo notizie di colleghi che continuano (continua)

Lucia Bosé ci ha lasciati colpita da Coronavirus

Lucia Bosé ci ha lasciati colpita da Coronavirus
Il ricordo di chi l’ha intervistata anni addietro Ancora una vittima illustre. Ricoverata all’ospedale di Segovia (Spagna) in seguito Covid -19, si è spenta Lucia Bosé, in una solitudine che certo, più di tanti, non avrebbe mai voluto si verificasse. Il figlio Miguel, dal Messico dove vive con due dei quattro figli, ne ha dato informazione su Twitter scrivendo “è già nel migliore dei posti". La (continua)

Dichiarazioni di Massimo Battaglia e Giuseppe Carbone su Coronavirus

Dichiarazioni di Massimo Battaglia e Giuseppe Carbone su Coronavirus
“Paese soffre, ma emergono sacrificio ed eccellenze di Sanità e funzioni centrali” «Mentre l’emergenza Coronavirus non dà tregua, i lavoratori dello Stato, da sempre bistrattati, stanno mettendo in campo le risposte più coraggiose che ci si possa aspettare, con grande spirito di sacrificio, nonostante i rischi e con grande professionalità, senso di responsabilità e dello Stato. Il nostro pensier (continua)

Portici si è arricchita di una pizzeria dalle radici storiche

Portici si è arricchita di una pizzeria dalle radici storiche
In piazza San Ciro, “Da Tonino Salvo”, troviamo la storicità della Pizza La pizza nasce da ingredienti semplici e da insegnamenti antichi che nel tempo, tramandarsi di generazione in generazione, solo dalle nostre parti, hanno saputo divenire scuola. Ad esempio Antonio e Sebastiano Salvo, rappresentano la quarta generazione di una attività di pizzaioli in espansione, i due maestri pizzaioli affer (continua)