Home > Arte e restauro > Pasquale Lettieri e la sua visione su Pietro Gardano

Pasquale Lettieri e la sua visione su Pietro Gardano

scritto da: Cristinavannuzzi | segnala un abuso

Pasquale Lettieri e la sua visione su Pietro Gardano


Pasquale Lettieri e la sua visione su Pietro Gardano La ricerca pittorica di Pietro Gardano, in arte Gard, si sviluppa in una fusione di irrazionalità e razionalità, che si avvale di elementi scaturenti dalle suggestioni e propone una realtà che, trascendendo la stessa materia, si evolve verso un’espressività spirituale percepita con rigore più assoluto nelle stesse immagini cromatiche dall’essenza conturbante in continuo rapporto percettivo con la sua psicologia. L’opera di Gardano si fonda sul succedersi scandagliato delle tramature di colore, più o meno ordinate, passando da una prevalente attitudine di ricerca, nell’ordine e nella simmetria, ad una strutturazione che rasenta l’informale. La spazialità si conferma come punto cardinale di un lavoro nello spazio che si snoda, ad inverare una sua discendenza astratto/geometrica, che può volere dire, una consonanza intellettuale dell’improbabilità, della diffusione del gesto, della trasparenza, della sovrapposizione, in uno sperimentalismo che non si ferma, perché non si pone obiettivi e non trova ostacoli, nella sua fenomenicità pura, assoluta, quasi, nel suo essere processualità di un accadere, che poi si ferma, per un momento, ma è pronta per ripartire, non avendo nessuna simbolicità di riferimento, ma solo la propria materialità, la propria continua composizione e scomposizione, la propria visibilità. Le opere che popolano lo studio di Gardano convivono armoniosamente abitando lo stesso spazio fisico, in una dimensione temporale sospesa. Sono loro che accolgono l’artista ogni giorno in maniera nuova, inaspettata a seconda delle luci o della colorazione, sempre diversa, con cui l’artista dispone la pittura nello spazio, in una costante ricerca di ordine e di equilibrio perfetto. “Poetico”, non tanto nel senso di vaghezza di pensiero o di ricercatezza del gesto elevato ma, in ultima analisi, effimero: si tratta di un artista che costruisce un ponte fra sé ed il mondo in modo decisamente concreto, e che adopera tutte le strategie che conosce, dalla bellezza fisica a consapevoli riferimenti pittorici, per raggiungere questo scopo. Notoriamente è difficile, se non addirittura impossibile, definire la bellezza. Eppure, l’opera di Gardano offre dei piaceri visivi apprezzabili da tutti: superfici delicate e quasi sensualmente tattili, colori e forme appena sufficientemente diversi dalla familiarità così da intrigare e stupire ogni volta lo spettatore. E sebbene i suoi colori altamente seducenti siano quasi naturali, essi si oppongono con forza a quanto affermato dall’Urna greca di Keats: la bellezza non è tutto quello che sappiamo né tutto quello che dobbiamo sapere. La storia d’artista, di Pietro Gardano, è tipicamente architetturale, quindi, queste sue liberazioni spaziali, sono una conseguenza, delle sue misure proiettate nell’ermetica del profondo, nella segnaletica autosufficiente dell’indefinito. L’opera spesso è una proiezione di ambienti, che si fanno geometria, che si fanno scrittura, trovando lo spessore di un panottico, a più schermi, che visti nel loro insieme, diventano enigma geometrico, matematico, con un suo preciso fascino visivo, quasi una carta assorbente, che da un lato si fa spugnosa, contenitrice di labirinti, che affasciano un vuoto e lo rendono pieno, dall’altro si fa tutta riflettente, come una posizione stellare che illumina un buio e rimanda indietro i segni e le macchie, di un vedere che è sospeso, ondivago, come avviene ad una lievitazione, ad una leggerezza. Un mondo intimo quello di Pietro Gardano diviso tra la ricerca della purezza assoluta e la consapevolezza della percettibile contaminazione del reale.

cultura | arte | gard |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Intervista di Alessia Mocci a Pietro De Bonis ed al suo Tempeste Puniche – Il Profumo della quiete


Il manager Borreggine Pasquale è esperto di tecnologie per progetti di sostenibilità ambientale


Il percorso professionale del General Manager di MCM S.p.a., Pasquale Borreggine


Spoleto Art Festival. Art in the City 2018: un week end d’arte a Spoleto


Pietro Colucci, l’intervento sulla produzione di beni e servizi al Meeting di Primavera 2014


ART&FASHION SENSIBILITY


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

FRISCIANO ALLA MILANO VIRTUAL FASHION WEEK DONNA

FRISCIANO ALLA MILANO VIRTUAL FASHION WEEK DONNA
Sartorialità e creatività per la Collezione SS 2021 del Brand FRISCIANO alla 4° edizione di Fashion Vibes in calendario della Milano Virtual Fashion Week Donna il giorno 9 settembre ore 18.00 in virtuale, FRISCIANO FRISCIANO ( ITALY ) Runway Show Fashion Vibes giorno 28 settembre ore 18:00 Milano Virtual Fashion Week Donna 22/28 settembre 4° edizione FASHION VIBES Il presidente di Camera Moda Carlo Capasa presenta la rassegna in calendario dal 22 al 28 settembre con le collezioni donna primavera/estate 2021: “quella di settembre sarà un’edizione della Milano fashion week phygital, co (continua)

FALESIAS di Loja Kel Ferey alla Milano Virtual Fashion Week Donna

FALESIAS di Loja Kel Ferey alla Milano Virtual Fashion Week Donna
Un messaggio di VITA, la collezione “FALESIAS” del designer Loja Kel Ferey, attivato attraverso il fashion, un messaggio utilizzando per la salvaguardia dell’ambiente, l’ecologia, la scelta di materiali riutilizzabili, ecosostenibili, riciclabili, la priorità del lavoro locale per la sopravvivenza umana. Alla Milano Fashion Week Donna il dolore dell’Amazzonia attraverso la fantasia e i colori di “FALESIAS” di LOJA KEL FEREY BRAND Le attuali problematiche ambientali e culturali, aggravate anche dall’epidemia mondiale che stiamo vivendo hanno dato l’ispirazione di una collezione che evidenzia gli elementi della cultura indigena brasiliana e la biodiversità dell'Amazzonia, per portare agli oc (continua)

4a edizione di Fashion Vibes al Milano Virtual Fashion Week Donna

4a edizione di Fashion Vibes al Milano Virtual Fashion Week Donna
La MILANO DIGITAL FASHION WEEK DONNA nasce come risposta al distanziamento sociale e alla difficoltà di viaggiare imposta dalla situazione sanitaria mondiale, ma vuole anche essere una soluzione dinamica alle complessità del presente, uno strumento progettato per vivere di vita propria o per sostenere l’appuntamento con le sfilate fisiche, quando sarà possibile tornare agli appuntamenti in presenza, che restano fondamentali nel promuovere l’enorme valore produttivo e creativo della Moda nel mondo. Milano Virtual Fashion Week Donna 22/28 settembre Collezioni SS 2021 4° edizione RUNWAY SHOW FASHION VIBES La MILANO DIGITAL FASHION WEEK DONNA nasce come risposta al distanziamento sociale e alla difficoltà di viaggiare imposta dalla situazione sanitaria mondiale, ma vuole anche essere una soluzione dinamica alle complessità del presente, uno strumento progettato per vivere di vita propr (continua)

I racconti di Giancarlo Campopiano a Siena , Accademia dei Rozzi

I racconti di Giancarlo Campopiano a Siena , Accademia dei Rozzi
Giancarlo Campopiano già fondatore e per molti anni direttore del periodico culturale Accademia dei Rozzi, accademico lui stesso, ha voluto con questa rassegna “ raccontare” i suoi ricordi e condividere le sue riflessioni attraverso la pittura. Un modo di pensare in contrapposizione al decadentismo, con uno stile che ricorda il modernismo. I RACCONTI DI GIANCARLO CAMPOPIANO Accademia dei Rozzi In illo tempore 2 – 9 settembre Giancarlo Campopiano già fondatore e per molti anni direttore del periodico culturale Accademia dei Rozzi, accademico lui stesso, ha voluto con questa rassegna “ raccontare” i suoi ricordi e condividere le sue riflessioni attraverso la pittura. Un modo di pensare in contrapposizione al decadentismo, con u (continua)

Al Cipiglio ....il Mare in tavola!

Il meglio della tradizione culinaria di pesce, con piatti tipici della cucina viareggina e piatti tipici della cucina campana. Il tutto realizzato sempre con ingredienti freschi e di primissima qualità, selezionati con cura ogni giorno. Al Cipiglio ....il mare in tavola! Il meglio della tradizione culinaria di pesce toscana, con piatti tipici della cucina viareggina e piatti tipici della cucina campana. Il tutto realizzato sempre con ingredienti freschi e di primissima qualità, selezionati con cura ogni giorno. L’abbinamento del pesce del nostro mare, crostacei e molluschi freschissimi oltre a verdure di stagione per una c (continua)