Home > Arte e restauro > Pasquale Lettieri e la sua visione su Pietro Gardano

Pasquale Lettieri e la sua visione su Pietro Gardano

articolo pubblicato da: cristinavannuzzi | segnala un abuso

Pasquale Lettieri e la sua visione su Pietro Gardano
Pasquale Lettieri e la sua visione su Pietro Gardano La ricerca pittorica di Pietro Gardano, in arte Gard, si sviluppa in una fusione di irrazionalità e razionalità, che si avvale di elementi scaturenti dalle suggestioni e propone una realtà che, trascendendo la stessa materia, si evolve verso un’espressività spirituale percepita con rigore più assoluto nelle stesse immagini cromatiche dall’essenza conturbante in continuo rapporto percettivo con la sua psicologia. L’opera di Gardano si fonda sul succedersi scandagliato delle tramature di colore, più o meno ordinate, passando da una prevalente attitudine di ricerca, nell’ordine e nella simmetria, ad una strutturazione che rasenta l’informale. La spazialità si conferma come punto cardinale di un lavoro nello spazio che si snoda, ad inverare una sua discendenza astratto/geometrica, che può volere dire, una consonanza intellettuale dell’improbabilità, della diffusione del gesto, della trasparenza, della sovrapposizione, in uno sperimentalismo che non si ferma, perché non si pone obiettivi e non trova ostacoli, nella sua fenomenicità pura, assoluta, quasi, nel suo essere processualità di un accadere, che poi si ferma, per un momento, ma è pronta per ripartire, non avendo nessuna simbolicità di riferimento, ma solo la propria materialità, la propria continua composizione e scomposizione, la propria visibilità. Le opere che popolano lo studio di Gardano convivono armoniosamente abitando lo stesso spazio fisico, in una dimensione temporale sospesa. Sono loro che accolgono l’artista ogni giorno in maniera nuova, inaspettata a seconda delle luci o della colorazione, sempre diversa, con cui l’artista dispone la pittura nello spazio, in una costante ricerca di ordine e di equilibrio perfetto. “Poetico”, non tanto nel senso di vaghezza di pensiero o di ricercatezza del gesto elevato ma, in ultima analisi, effimero: si tratta di un artista che costruisce un ponte fra sé ed il mondo in modo decisamente concreto, e che adopera tutte le strategie che conosce, dalla bellezza fisica a consapevoli riferimenti pittorici, per raggiungere questo scopo. Notoriamente è difficile, se non addirittura impossibile, definire la bellezza. Eppure, l’opera di Gardano offre dei piaceri visivi apprezzabili da tutti: superfici delicate e quasi sensualmente tattili, colori e forme appena sufficientemente diversi dalla familiarità così da intrigare e stupire ogni volta lo spettatore. E sebbene i suoi colori altamente seducenti siano quasi naturali, essi si oppongono con forza a quanto affermato dall’Urna greca di Keats: la bellezza non è tutto quello che sappiamo né tutto quello che dobbiamo sapere. La storia d’artista, di Pietro Gardano, è tipicamente architetturale, quindi, queste sue liberazioni spaziali, sono una conseguenza, delle sue misure proiettate nell’ermetica del profondo, nella segnaletica autosufficiente dell’indefinito. L’opera spesso è una proiezione di ambienti, che si fanno geometria, che si fanno scrittura, trovando lo spessore di un panottico, a più schermi, che visti nel loro insieme, diventano enigma geometrico, matematico, con un suo preciso fascino visivo, quasi una carta assorbente, che da un lato si fa spugnosa, contenitrice di labirinti, che affasciano un vuoto e lo rendono pieno, dall’altro si fa tutta riflettente, come una posizione stellare che illumina un buio e rimanda indietro i segni e le macchie, di un vedere che è sospeso, ondivago, come avviene ad una lievitazione, ad una leggerezza. Un mondo intimo quello di Pietro Gardano diviso tra la ricerca della purezza assoluta e la consapevolezza della percettibile contaminazione del reale.

cultura | arte | gard |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Intervista di Alessia Mocci a Pietro De Bonis ed al suo Tempeste Puniche – Il Profumo della quiete


Il manager Borreggine Pasquale è esperto di tecnologie per progetti di sostenibilità ambientale


Il percorso professionale del General Manager di MCM S.p.a., Pasquale Borreggine


Spoleto Art Festival. Art in the City 2018: un week end d’arte a Spoleto


Pietro Colucci, l’intervento sulla produzione di beni e servizi al Meeting di Primavera 2014


Woytek “Habemus Papam. Il gallo è morto”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

a Sassari SPIANA' di Fabio Nurra

a Sassari SPIANA' di Fabio Nurra
SPIANA’ La semplicità dello street food di Fabio Nurra Sembra dire “metti in borsa e porta a casa” ed è il passaggio più rapido per definire Spianà, lo street food inventato da Fabio Nurra, chef/architetto di Sassari, che di mestiere fa il cuoco ma, nei reconditi meandri della sua fantasiosa istruzione, rimane un creativo, architetto del bello. E sicuramente è il bello che lo circonda il tema (continua)

Trionfo di "Tosca" e di eleganza alla Scala di Milano

Trionfo di
Trionfo di “Tosca” e di eleganza alla Scala di Milano La prima della Scala come sempre incanta ed emoziona e, come lo scorso anno, l'ovazione prima che il maestro Riccardo Chailly desse il via con l'Inno di Mameli, è stata tutta per il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Protagonista assoluta per la prima della Scala 2019 “la sobrietà e l’eleganza”: domina il nero, impera il vel (continua)

Intervista a Maria Nazionale

Intervista a Maria Nazionale
Maria Nazionale “Ho capito quanto gli artisti siano importanti per la nostra città” Senti cantare Maria Nazionale e vedi Napoli, la sua gestualità, l’espressione del bel volto, la sua voce hanno il potere di trasportarti in un viaggio virtuale che ti fa conoscere l’essenza della sua città, infatti Napoli non basta visitarla ma c’è bisogno di viverla, e Maria te la fa vivere, mentre canta le (continua)

LIBERALDEMOCRATICI ITALIANI

LIBERALDEMOCRATICI ITALIANI
Liberaldemocratici italiani Coordinamento Toscana Regionali 2020. Firenze, dicembre 2019. Carla Ceretelli, coordinatore Regionale dei Liberaldemocratici Italiani, si rivolge ai fiorentini e ai toscani tutti esprimendo l’ augurio, in previsione delle regionali della prossima primavera 2020, di coordinare una rete di alleanze al fine di attivare un cambiamento reale, alternativo alla sol (continua)

Tele Nascoste

Tele Nascoste
“Tele Nascoste” a Catania anteprima mondiale del nuovo libro di Lorenzo Chinnici Il 14 dicembre alle 18, verrà presentato a Catania il nuovo libro su Lorenzo Chinnici: “Tele Nascoste scritto dal chirurgo Diego Celi e arricchito dalla prefazione di José Van Roy Dalí (figlio di Salvador Dalí), pubblicato da Giambra Editori. Il testo non celebra l’arte di Chinnici, ma scandaglia emozioni e retr (continua)