Home > Ambiente e salute > PSICOLOGIA DEL FIGLIO UNICO

PSICOLOGIA DEL FIGLIO UNICO

scritto da: Lucamerlo | segnala un abuso

PSICOLOGIA DEL FIGLIO UNICO


 PSICOLOGIA DEL FIGLIO UNICO

In italia il modello del figlio unico è quello più diffuso. La famiglia monofiglio è il futuro? A giudicare dalle statistiche si direbbe di si, ma bisogna considerare che la rinuncia ad avere almeno due figli, più che una scelta culturale possa essere l’effetto della grande crisi economica di questi anni.

L’età per mettere al mondo un figlio si è alzata, perché la precarietà lavorativa ha spostato l’indipenenza econimica intorno ai 40 anni, ed il basso reddito produce insicurezza nei neogenitori.

La paura di non avere sufficenti mezzi finanziari scoraggia le mamme e i papà ad andare oltre il primo genito, questo , dal punto di vista delle relazioni sociali e della psicologia individuale, ha diverse conseguenze.

Chi cresce vivendo a stretto contatto dei sui pari, cioè fratelli, cuginetti, vicini di casa, compagni di classe, impara a collaborare, a mettere in secondo piano i propri bisogni, per favorire il gruppo, ad affrontare e risolvere i problemi in autonomia.

E’ il potere dei cosidetti ‘’rapporti orizzontali’’ : costringono i bambini a mettersi in gioco, a confrontarsi con gli insuccessi ed a sopportare e gestire la competizione sociale.

Un’apprendistato che li rende preparati ad affrontare l’età adulta prima dei coetanei che crescono in un ambiente dove i bambini sono pochi. Ciò non implica, però, che i figli unici non trovino, con tempistiche diverse, la strada per le medesime sfide con altrettanto successo.

L’affetto e la cura possono essere troppi? Chi vede solo i limiti del figlio unico pensa di si, perché ritiene che i genitori, concentrati nel crescere un solo individuo, lo investano di attenzioni e amore ma allo stesso tempo anche di troppe aspettative emotive. Un bimbo senza fratelli è sempre ‘’sotto i riflettori’’ e sia i suoi successi che i suoi errori finiscono per essere ingigantini. Per lui la possibilità di sfuggire al controllo genitoriale e fare esperienze in autonomia è assai limitata e la tentazione di ricorrere alla protezione dei grandi è molto forte. Paradossalmente è chi non ha rivali nell’amore dei genitori a pretendere attenzioni esclusive, ma, come si è detto, nessun comportamento infantile deve essere considerato un ‘’vizio’’.

Il figlio unico che piange se viene minimamente contrariato, pretende di essere portato in braccio quando potrebbe camminare e impone ogni sorta di pretesa sta inviando un messaggio chiaro: è insicuro e non sa affrontare il mondo. Per aiutarlo non è necessario dargli un fratellino, ma occorre ascoltarlo e seguirlo attraverso un percorso che lo porti in contatto con bambini della sua età.

I figli unici sono intellettualmente più precoci della maedia. Questa marcia in più deriva dalla frequentazione quasi esclusiva di individui di età maggiore, che ne stimolano il linguaggio, ma anche di una maestra insospettabile, la noia. Un bimbo che cresce da solo ha molti momenti ‘’vuoti’’ che deve riempire con l’immaginazione. L’introspezione lo aiuta a relazionarsi meglio con le sue emozioni e il bisogno di esprimersi lo avvicina a pratiche come la lettura, la musica, e la pittura. La possibilità di gestire in maniera autonoma lo spazzio della sua cameretta gli fa sviluppare un buon senso dell’ordine e della disciplina.

Psicologo Dott.sa Gaudio 

www.mariangelagaudio.it

 

 

 

 

 

 

 


Fonte notizia: https://www.mariangelagaudio.it


psicologia infantile | figli unici problematiche | problematiche figlio unico | figlio unico psicologo | psicologo figlio unico |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Psicosomatica e Psicologia della Salute: intervista a Giovanni Garufi Bozza


Definizione di psicologia


ANGELO MUSSO, 2021,RESILIENZA E BENESSERE, dallo spirito di adattamento alla capacità di resilienza. Affrontare: bullismo, mobbing, stress da lavoro correlato e sindrome antisociale. Enigma Editore, Firenze


Dottoressa Martirani - La massima esperta di psicologia a Torino


Le future sinagoghe cristiane all'insegna del timore di Dio


Corso Vendita 5 Dicembre


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Scopriamo assieme quando è utile rivolgersi allo Psicologo

Scopriamo assieme quando è utile rivolgersi allo Psicologo
In seguito a situazioni ed eventi particolarmente dolorosi, difficili da gestire e stressanti, una persona può avvertire un forte disagio psicologico e/o di relazione, che con il passare del tempo può finire con il compromettere la qualità di vita della persona, minandone la serenità ed il benessere psicofisico oltre che le relazioni interpersonali della stessa con fami (continua)

Quale è Il futuro della pubblicità sul web.

 La progressiva penetrazione di Internet e della banda larga, con un numero sempre crescente di utenti collegati e dotati di connessioni di qualità, e contestualmente il maggior tempo dedicato alla navigazione – sottratto alla lettura, ai quotidiani o alla televisione – fanno del web un canale sempre più efficace e dunque appetibile per pubblicitari ed investitori&nb (continua)

CANTARE FA BENE AL CORPO STUDIO LO DIMOSTRA

  Il risultato di una ricerca scientifica condotta dalla dottoressa Lauren Stewart (Università di Londra) “Canta che ti passa”, recita un noto motto popolare ed ora si è scoperto in modo inequivocabile e scientifico che quel motto corrisponde a verità. Cantare fa bene al corpo e alla mente, se poi si pensa che non ci vuole nulla, che non costa nulla, all (continua)

Le nuove tecniche di chirurgia estetica che segneranno il tramonto del lifting

Le nuove tecniche di chirurgia estetica che segneranno il tramonto del lifting
 Le nuove tecniche estetiche stanno segnando sempre più il tramonto del lifting. Si va dai trapianti di grasso autologo prelevato da cosce, natiche o addome e adeguatamente preparato prima del reinnesto sul viso. Ai filler, arricchiti di neurotossine, impiegati in una rivoluzionaria procedura non-chirurgica chiamata ‘subliminal difference’. Si tratta di nuove (continua)

Nuovo test per le allergie e le intolleranze

 Nuovo test per le allergie e le intolleranze. Un nuovo test unico al mondo è in grado di testare contemporaneamente 76 allergeni per verificare l'eventuale allergia a uno o più di essi attraverso una sola goccia di sangue.     02/01/2013 - Un nuovo test unico al mondo è in grado di testare contemporaneamente 76 allergeni per verificare l'eventuale allergia (continua)