Home > Turismo e Vacanze > La Penisola Sorrentina eletta come meta da sogno per antonomasia, lunedì 16 a Vico Equense si svolgerà un incontro sul Turismo 4.0

La Penisola Sorrentina eletta come meta da sogno per antonomasia, lunedì 16 a Vico Equense si svolgerà un incontro sul Turismo 4.0

scritto da: Renail87 | segnala un abuso

La Penisola Sorrentina eletta come meta da sogno per antonomasia, lunedì 16 a Vico Equense si svolgerà un incontro sul Turismo 4.0


 Lunedì 16 dicembre saranno presentati a Vico Equense, precisamente presso la Sala delle Colonne dell’Istituto della SS. Trinità e Paradiso (ubicato in via Filangieri 151), nel corso dell’evento “Turismo 4.0, una nuova prospettiva per la Penisola Sorrentina”, i risultati dell’Indagine di Tourist Satisfaction effettuata proprio in Penisola nel periodo agosto-ottobre 2019. L’iniziativa è promossa dal Patto Territoriale della Penisola Sorrentina, in collaborazione con l’Istituto di Ricerca IRCSIA, e con la partecipazione della Regione Campania. L’incontro, il cui inizio è previsto per le ore 17, sarà animato da: Andrea Buonocore, Sindaco del comune di Vico Equense, a cui toccheranno i saluti iniziali;  Donato Aiello, Presidente del Patto Territoriale della Penisola Sorrentina, che introdurrà il progetto; dal Prof. Carlo Lauro, Emerito Università Federico II e Presidente del Comitato Scientifico di IRCSIA, che parlerà di “Big data e nuove tecnologie per trasformare la Penisola Sorrentina in una Destinazione Quality Committed”, dal dott. Maurizio Lauro, Responsabile Market Research di IRCSIA, che esporrà i risultati dell’indagine di Tourist Satisfaction effettuata in Penisola Sorrentina; dal Prof. Derrik de Kerckhove, Sociologo e Direttore Scientifico Media Duemila, che parlerà di “Felicità Urbana”; dall’Avv. Luigi Raia, Direttore Generale Agenzia per il Turismo Regione Campania, a cui saranno affidate le conclusione dei lavori. Interverranno gli amministratori dei territori coinvolti dal progetto. Modererà il giornalista Vincenzo Califano.

Il progetto

L’obiettivo del progetto “Big Data e Tecnologie 4.0” è trasformare la Penisola Sorrentina in una destinazione "Quality Committed”, ovvero "impegnata sulla qualità". Per concretizzare questa finalità è necessario che i Comuni e gli operatori turistici propongano servizi basati sulle esigenze del turista ed in linea con i trend emergenti in termini di sostenibilità, esperienze enogastronomiche differenziate, e attenzione alla personalizzazione del servizio sulla base della diversa provenienza dei visitatori. Gli oltre tre milioni di turisti che visitano la Penisola rappresentano un enorme potenziale di flussi informativi e di conoscenza per gli operatori della destinazione turistica, dati da raggiungere attraverso tecnologie e modelli legati ai big data.  Per creare la base informativa utile a sviluppare applicativi e soluzioni nell’ambito del turismo 4.0 è stata realizzata un’Indagine di Tourist Satisfaction, la prima che abbia riguardato non solo la città di Sorrento ma l’intera Penisola, per poter conoscere fabbisogni e soddisfazione dei turisti stanziali che dormono almeno una notte nelle strutture alberghiere ed extra-alberghiere di Sorrento, Vico Equense, Meta, Piano di Sorrento, Sant’Agnello e Massa Lubrense. L’indagine ha coinvolto turisti italiani e stranieri (22% di italiani e 78% di stranieri provenienti soprattutto da Gran Bretagna, Irlanda, Stati Uniti, Canada e diversi paesi extra-europei).

I risultati

Dall’analisi dei dati raccolti è emerso che l’86% dei turisti che hanno visitato la Penisola Sorrentina si definisce soddisfatto o molto soddisfatto del proprio soggiorno: tre turisti su quattro dichiarano che vi tornerebbero volentieri l’anno successivo e nove su dieci consiglierebbero ad amici e parenti una visita in Penisola. In particolare, l’Immagine della località è molto apprezzata dai turisti che hanno visitato la Penisola nel periodo agosto-ottobre 2019: di essi il 92% apprezza l’attenzione al benessere ed all’intrattenimento, ed il 93% circa gradisce la capacità di valorizzare le tipicità locali e il patrimonio naturale, culturale ed artistico dell’area. Per quanto riguarda la qualità percepita dei diversi elementi dell’offerta turistica, il 95% dei turisti apprezza particolarmente gli “attributi fisici”, ovvero l’ambiente naturale, il paesaggio, i monumenti e i siti storico-culturali. Anche l’offerta turistica in senso stretto ha ricevuto grandi apprezzamenti col 96% dei turisti soddisfatto o molto soddisfatto con particolare attenzione alla qualità, all’estetica, al confort e alle dotazioni delle strutture alberghiere, extra-alberghiere e ristorative.
I trasporti e a gli aspetti infrastrutturali come la viabilità hanno incassato meno gradimenti: il 23% di insoddisfatti segnala l’inadeguatezza  dei trasporti ferroviari (principalmente Circumvesuviana), il 31% di quelli via terra come gli autobus, e il 34% della viabilità e dei parcheggi, mentre sono buone le valutazioni dei trasporti via mare, dei taxi, e del trasporto privato.
Per quanto riguarda l’utilizzo di app via smartphone durante il soggiorno è emerso che un turista su tre non le utilizza, mentre il 40% degli intervistati usa applicazioni per esperienze turistiche qualche volta, ed il 23,4% le utilizza spesso. Tra i servizi più utili usufruibili tramite app i turisti trovano particolarmente utili le informazioni sui trasporti, meglio se in tempo reale, la possibilità di lasciare e consultare recensioni, le informazioni sugli eventi e le guide interattive.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

ANSENUM (Antichi Semi Nuovi Mercati), la riduzione dell’impatto ambientale passa attraverso il recupero dei vecchi ecotipi


Ricominciamo dal Verde: boschi, parchi e giardini storici, attrattori turistici di eccellenza al tempo del distanziamento sociale


Flavio Cattaneo (Terna): Investimenti per 800 milioni in Campania


A Sorrento si riparte dalla cultura per guardare al futuro


Il nuovo portale del benessere: Relaxingarda.com


La Penisola Sorrentina, una destinazione Quality Committed nel workshop sul Turismo 4.0 a Massa Lubrense sabato 15 febbraio


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Un quasi amore in quarantena nel primo libro di Davide Gambardella, giornalista napoletano

Un quasi amore in quarantena nel primo libro di Davide Gambardella, giornalista napoletano
È già in libreria il racconto “Storia di un (quasi) amore in quarantena”, primo libro del giornalista napoletano Davide Gambardella, edito da Graus e scritto in piena quarantena, quasi un instant book si potrebbe dire. In molti hanno parlato di amori e storie in quarantena, persino di tradimenti, eppure la narrazione di Gambardella è abbastanza insolita e si distingue bene dalle altre pub (continua)

ARTISTI DEL GUSTO, NASCE IN CAMPANIA LA SQUADRA DEL FOOD

ARTISTI DEL GUSTO, NASCE IN CAMPANIA LA SQUADRA DEL FOOD
Un progetto ambizioso nasce al Sud, in Campania, e si presenta, con autorevolezza, come un’iniziativa di cui molto probabilmente se ne avvertiva l’esigenza già da mesi, prima del difficile periodo collegato al lockdown. Nasce infatti Gruppo Artisti del Gusto, grazie ad un accentuato spirito di gruppo, ad una coesione tanto visionaria quanto forte tra una quindicina di professionisti, di varia (continua)

Arte e dolci nel ricordo di Luciano De Crescenzo ai Quartieri Spagnoli di Napoli

Arte e dolci nel ricordo di Luciano De Crescenzo ai Quartieri Spagnoli di Napoli
A un anno dalla scomparsa di Luciano De Crescenzo i Quartieri Spagnoli di Napoli celebrano l’indimenticabile scrittore napoletano con un’iniziativa artistica a vico Tre Regine (angolo via De Deo): l’inaugurazione sabato 18 luglio alle 11.30 di un mural dal titolo “O pallone miez ‘e macchine”, opera di Michele Quercia e Francesca Avolio. Alla manifestazione, promossa dall’Associazione Quartier (continua)

La proposta del Maestro Pasticcere Gennaro Volpe, la zeppola di San Giuseppe dolce per la festa della Mamma

La proposta del Maestro Pasticcere Gennaro Volpe, la zeppola di San Giuseppe dolce per la festa della Mamma
La Festa della Mamma non ha un dolce simbolo, come il panettone a Natale o la colomba a Pasqua. Perciò Gennaro Volpe, pluripremiato Maestro della storica pasticceria "Volpe" ubicata ai Colli Aminei (Napoli), ha proposto la "Zeppola di San Giuseppe" - già dolce simbolo della Festa del Papà - anche come emblema dei festeggiamenti legati alla Festa della Mamma. Perchè un dolc (continua)

Sei torte dai nomi di madri famose nella cultura pop, l’idea della Pasticceria Seccia per la festa della mamma

Sei torte dai nomi di madri famose nella cultura pop, l’idea della Pasticceria Seccia per la festa della mamma
Il covid 19 avrà pure sacrificato la festa del papà e il consueto assaggio delle zeppole di San Giuseppe a marzo, ma non la festa della mamma in questa fase due appena iniziata in Italia. La tradizione vuole che la seconda domenica di maggio, mese mariano, si festeggino le mamme nel nostro paese e non può mancare perciò domenica 10 maggio una torta ad hoc, pensata per l’occasione. Seguendo se (continua)