Home > Libri > PRESENTAZIONE IL 21/2 DEL ROMANZO “E ASCOLTAI SOLO ME STESSO” DI GIOVANNI MARGARONE - SALA POLIFUNZIONALE DEL COMUNE DI CHIOPRIS-VISCONE (UD) PER IL CICLO “SERATE D’AUTORE IN BIBLIOTECA”

PRESENTAZIONE IL 21/2 DEL ROMANZO “E ASCOLTAI SOLO ME STESSO” DI GIOVANNI MARGARONE - SALA POLIFUNZIONALE DEL COMUNE DI CHIOPRIS-VISCONE (UD) PER IL CICLO “SERATE D’AUTORE IN BIBLIOTECA”

articolo pubblicato da: Francesca Ghezzani Ufficio Stampa | segnala un abuso

PRESENTAZIONE IL 21/2 DEL ROMANZO “E ASCOLTAI SOLO ME STESSO” DI GIOVANNI MARGARONE - SALA POLIFUNZIONALE DEL COMUNE DI CHIOPRIS-VISCONE (UD) PER IL CICLO “SERATE D’AUTORE IN BIBLIOTECA”

Venerdì 21 FEBBRAIO alle ore 20,45 si terrà la presentazione del romanzo “E ASCOLTAI SOLO ME STESSO” dello scrittore Giovanni Margarone presso la Sala polifunzionale del Comune di Chiopris-Viscone (Ud), via Nazario Sauro, per il ciclo “Serate d’autore in biblioteca”.

--------------------

E ASCOLTAI SOLO ME STESSO | Romanzo

Jacques, un giovane della provincia francese, durante il proprio percorso tardo adolescenziale conosce Michel Dubois, un anziano agricoltore di origine spagnola dal misterioso passato che vive un’esistenza solitaria nel sud della Francia, nei cui confronti la popolazione del paese nutre profondi preconcetti. In questa fase la vicenda umana di Jacques si arricchisce anche del rapporto sentimentale con la coetanea Josephine. Tali incontri, in un crescendo di subitanei colpi di scena, rappresenteranno per il protagonista dei naturali concetti paradigmatici della maturazione esistenziale, nonché una sorta di palingenesi, vista come rinascita spirituale e sociale non solo personale ma collettiva.

 

GIOVANNI MARGARONE | SCRITTORE

Giovanni Margarone è nato il 17 ottobre 1965 ad Alessandria, da padre siciliano e madre ligure, ha vissuto in Liguria fino a ventun anni. Quando lasciò la sua terra per andare in Friuli, per motivi di lavoro, era il 1986. È sempre stato un lettore assiduo, cultore altresì di filosofia e musica. La scrittura e la musica, in particolare, sono stati, sin da quando era ragazzo, le sue vocazioni naturali; per questo a dodici anni, mentre intraprendeva lo studio del pianoforte, si cimentò a scrivere due romanzi, mai pubblicati, che gelosamente ha sempre conservato fra i suoi cimeli. Da allora, ha continuato a scrivere pensieri, brevi racconti che però ha sempre poi riposto nel cassetto, mentre tanti sono andati purtroppo perduti.

Giovanni Margarone è scrittore di narrativa.

I suoi romanzi rientrano maggiormente in quelli di formazione, per via dell’evoluzione che fanno compiere (innanzitutto interiore, e non solo) ai protagonisti (dall’infanzia all’età adulta, risalendo sovente alle origini, scavando nella storia del personaggio). Forte è la componente introspettiva e psicologica, nonché l’evocazione al neorealismo del ‘900 italiano, per cui il personaggio resta sempre e comunque l’elemento centrale delle narrazioni, che potrebbero essere quindi ambientate in qualunque luogo. Per questo, le descrizioni dei luoghi in cui i personaggi si muovono (che evocano quelle dei grandi narratori dell’800) fungono essenzialmente da supporto, senza peraltro appesantire, ma concedendo la giusta enfasi.

Si nota nell’autore una spiccata attenzione verso la letteratura ottocentesca russa, francese e tedesca (in particolare, Dostoevskij, Proust, Goethe, Tolstoj, Prevost, Balzac per citarne alcuni); senza dimenticare i riferimenti al Novecento italiano, nelle figure, fra gli altri, di Svevo, Cassola, Calvino e Cesare Pavese.

Autori, come dice Margarone, che mi hanno fatto scuola, contribuendo ineludibilmente alla sua cifra stilistica. È un fermo sostenitore della versione cartacea delle opere letterarie, trovandosi d’accordo con Camilleri quando dice che il libro è caldo; pur ritenendo che l’informatica e il web in generale siano strumenti ormai essenziali per qualsiasi tipo di attività, compresa quella letteraria.

Nel 2011, approfittando delle opportunità della rete, aveva creato un blog dal quale aveva tratto spunti per il saggio di scienze sociali “Oltre l’orizzonte” pubblicato nel 2013.

Margarone Giovanni ha finora scritto e pubblicato quattro romanzi:

“Note fragili” (2018, seconda edizione), “Le ombre delle verità svelate (2018, seconda edizione), “E ascoltai solo me stesso” (2019, seconda edizione) e “Quella notte senza luna” (2018).

Inoltre, nel 2019 un suo racconto “Il segreto del casone” è stato inserito nell’antologia “Friulani per sempre” – con postfazione di Bruno Pizzul - edito da “Edizioni della sera”.

Pubblica con la Casa Editrice Kimerik.

Riconoscimenti:

“Note fragili”

“1° Posto” al Concorso letterario e fotografico “La voce della Natura: Armonia, Benessere e Spiritualità” 2^ Edizione di Roma 2019;

“Menzione Speciale” finalista al premio letterario “Mino De Blasio” 2019 di San Marco dei Cavoti;

“Segnalazione di Merito” al 10° concorso letterario “Città di Grottammare” 2019.

“Premio Miro Penzo” al 2° concorso letterario internazionale “Gian Antonio Cibotto” 2019 di Rovigo

“Le ombre delle verità svelate”

“2° posto” finalista ex aequo” al Concorso “Eccellenze” di Castiglione Cosentino 2018 con la prima edizione;

“3° posto” al Premio Internazionale Asas 2019 di Messina;

“4° posto” finalista ex aequo del concorso “III Premio Maria Cumani Quasimodo” 2019;

 “Menzione d’onore” finalista al Concorso nazionale artisti per Peppino Impastato – 2^ Edizione 2019 di Milano;

“Attestato di segnalazione” al Concorso letterario Torneo Unicamilano 2018;

“Attestato di Merito” finalista al Trofeo Medusa Aurea – Premio Salvatore Quasimodo dell’A.I.A.M.  Roma.

“Le ombre delle verità svelate” è stato e recensito, per la qualità letteraria mostrata, nella rivista “Le Muse” nello scorso dicembre 2018.

Le opere sono state recensite e segnalate in vari blog letterari e riviste. L’autore ha al suo attivo varie interviste radio e tv.


 



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Intervista di Alessia Mocci a Francesco S. Mangone: vi presentiamo “La spazzola dell’ingegnere”


Darcy Ribeiro e il romanzo utopico: la prefazione di Giancorrado Barozzi del romanzo Utopia selvaggia


Intervista di Alessia Mocci a Marco Incardona ed al suo Domande al silenzio


Un romanzo femminista del primo Novecento


Arianna, il robot da biblioteca


Intervista di Alessia Mocci a Federico Li Calzi, autore del romanzo Nove periodico


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Nuova uscita editoriale per la scrittrice Manuela Chiarottino: dal 13 marzo "Tesoro d'Irlanda" vi aspetta in libreria

Nuova uscita editoriale per la scrittrice Manuela Chiarottino: dal 13 marzo
A neppure un mese di distanza dal toccante romanzo “Fiori di loto” la scrittrice Manuela Chiarottino esce sul mercato editoriale con “Tesoro d’Irlanda”, una nuova storia dalla forza di un amore incontenibile edita da More Stories.   Non sempre il cuore ha radici nel luogo in cui vive, ed Eillen lo sa bene. Cresciuta con suo padre fin dalla tenera età, (continua)

Il 3 marzo il Circolo dei Lettori di Torino presenta il libro "Fiori di loto" di e con MANUELA CHIAROTTINO

Il 3 marzo il Circolo dei Lettori di Torino presenta il libro
Martedì 3 marzo ore 21.00 si terrà al Circolo dei Lettori di Torino in Via Bogino 9 presso la Sala Gioco la presentazione del libro "Fiori di loto" di e con MANUELA CHIAROTTINO edito da BUENDIA BOOKS. Intervengono con l'autrice Arianna Garrone Direttrice dell'Istituto Artemisia Formazione in Counseling Relazionale e Coaching & Fondazione Ricerca Molinette Onlus. (continua)

IL CASO EDITORIALE “LE ASSASSINE” PRESENTE A “FEMINISM”, LA FIERA DELL’EDITORIA DELLE DONNE 2020 DAL 5 ALL’8 MARZO A ROMA

IL CASO EDITORIALE “LE ASSASSINE” PRESENTE A “FEMINISM”, LA FIERA DELL’EDITORIA DELLE DONNE 2020 DAL 5 ALL’8 MARZO A ROMA
Nella bellissima cornice dell’antico Palazzo del Buon Pastore di Roma, ideata ed organizzata da Archivia, Leggendaria, Sessismoerazzismo, la Casa Internazionale delle Donne, torna dal 5 all’8 marzo Feminism, la Fiera dell’editoria delle donne, ormai giunta alla terza edizione.   L’evento, aperto alla cittadinanza, si articola su 4 giorni di incontri, focus, spettacol (continua)

“QUEL POCO CHE BASTA”, IL NUOVO LIBRO DI SAMUELA PIERUCCI DAL 17 FEBBRAIO IN LIBRERIA

“QUEL POCO CHE BASTA”, IL NUOVO LIBRO DI SAMUELA PIERUCCI DAL 17 FEBBRAIO IN LIBRERIA
«Sono morto tre anni fa. Ricordo tutto perfettamente, tra l’altro. Non proprio i particolari precisi, a essere sincero, ma le circostanze sì, quelle le ho presenti». “Quel poco che basta” della scrittrice Samuela Pierucci, in uscita sul mercato editoriale lunedì 17 febbraio, è la tragica storia, raccontata in chiave ironica, dell’amore e d (continua)

ESCE IL 17 FEBBRAIO “MEMORIALE DI UN ANOMALO OMICIDA SERIALE” DELLO SCRITTORE DAVIDE BUZZI, UN ROMANZO RICCO DI SUSPENSE CHE CI OBBLIGA A RICONSIDERARE I LIMITI DELLA NOSTRA COSCIENZA

ESCE IL 17 FEBBRAIO “MEMORIALE DI UN ANOMALO OMICIDA SERIALE” DELLO SCRITTORE DAVIDE BUZZI, UN ROMANZO RICCO DI SUSPENSE CHE CI OBBLIGA A RICONSIDERARE I LIMITI DELLA NOSTRA COSCIENZA
Esce lunedì 17 febbraio il nuovo libro dello scrittore ticinese Davide Buzzi dal titolo “MEMORIALE DI UN ANOMALO OMICIDA SERIALE”, edito dalla casa editrice toscana 96, Rue de-La-Fontaine Edizioni.   Si tratta di un romanzo biografico (spoof) di Antonio Scalonesi con la supervisione di Giuseppe Cortesi che, tramite la sapiente penna di Buzzi, si propone al lettore nelle (continua)