Home > Altro > Fondazione Poliambulanza: POLIS, in tre anni il nuovo centro di ricerca e cura

Fondazione Poliambulanza: POLIS, in tre anni il nuovo centro di ricerca e cura

articolo pubblicato da: F.Antonioli | segnala un abuso

Fondazione Poliambulanza: POLIS, in tre anni il nuovo centro di ricerca e cura

Brescia, 21 febbraio 2020 – Un centro per il cancro riconosciuto riconosciuto a livello europeo per una cura personalizzata e multidisciplinare è questo l’ambizioso progetto di Poliambulanza che si svilupperà all’interno di Poliambulanza Innovation Space, POLIS. La struttura, su 5 piani per 15.000 mq complessivi, sarà realizzata in tre anni e sorgerà nell’area antistante l’ospedale. Non un semplice edificio, ma un polo di innovazione. La massima qualità della cura sarà assicurata oltre che dall’utilizzo di robot e strumentazioni iper-sofisticate, da una grande expertise multidisciplinare e internazionale che svolgerà anche attività di ricerca e didattica.  “Si configura una struttura che ruota intorno al paziente per la massima personalizzazione del trattamento diagnostico-terapeutico.Un centro in cui convergeranno tre elementi fondamentali: la cura, la ricerca e la didattica, funzionali non solo a individuare il miglior iter terapeutico per il paziente di oggi, ma anche a fare di Poliambulanza un importante centro di riferimento, dove potranno essere stilati i protocolli personalizzati per il paziente di domani” commenta Paolo Magistrelli, Direttore Scientifico di Fondazione Poliambulanza. Ampio spazio nel progetto è riservato alla didattica. L’istituto bresciano punta a diventare Training Center per l’Europa e a trasmettere, anche all’esterno, le metodiche più innovative. In particolare l’acquisizione di un centro di simulazione robotica permetterà al personale sanitario di affinare il processo di apprendimento delle tecniche di ecografia cardiaca, polmonare, addominale e ginecologica. In grande espansione anche la chirurgia robotica, con l’ingresso della piattaforma più evoluta per gli interventi di chirurgia complessa e del Robot Rosa Knee System, che affiancherà Navio per la protesica del ginocchio. “Si tratta di un progetto in cui è l’intera struttura ospedaliera ad essere coinvolta e a partecipare attivamente ed è per questo che richiede un adeguato lavoro di pianificazione” – chiarisce Paolo Magistrelli. Per ricevere la certificazione di “Clinical Cancer Center” dall’Organisation European Cancer Institute (OECI) è necessario, infatti, possedere specifici requisiti tra cui: una struttura idonea, personale dedicato, un programma di ricerca oncologico strutturato, un approccio multidisciplinare, la garanzia della presa in carico integrale del paziente, dallo screening al follow up, fino alle cure palliative. A tal fine Poliambulanza ha intrapreso un accurato lavoro di auto-valutazione per verificare l’aderenza ai requisiti internazionali richiesti. “L’alto livello di ricerca e cura raggiunto nel trattamento delle neoplasie al pancreas, fegato, vie biliari, stomaco e colon retto – conclude Magistrelli - legittimano il nostro istituto a chiedere la certificazione, in linea anche con i parametri numerici indispensabili: oltre 1.500 pazienti oncologici trattati annualmente, un team multidisciplinare con decine di superspecialisti e vari reparti dedicati e ben attrezzati per la cura del paziente oncologico”.


poliambulanza | polis | ricerca | cancer center | ricerca | brescia | ospedale |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

POLIAMBULANZA E UNIVERSITA’ CATTOLICA ANTICIPANO LA LAUREA PER GLI INFERMIERI


COSMODONNA: L’UNIVERSO DONNA PER QUATTRO GIORNI A BRESCIA


POLIAMBULANZA: UNA ‘SENSORY ROOM’ PER LA RIABILITAZIONE DEI PAZIENTI CON DEFICIT NEUROLOGICI


POLIAMBULANZA: CORONAVIRUS, LA TESTIMONIANZA DI MICHELE


NAPOLI CITTÀ DELLA CONVERSAZIONE


Polis Policy, domani (sabato 17 novembre) a Torino si parla di welfare e sistemi sanitari


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

CORONAVIRUS, ARRIVA IL VADEMECUM PER GLI ORTODONTISTI

CORONAVIRUS, ARRIVA IL VADEMECUM PER GLI ORTODONTISTI
  Supporto telematico e appuntamenti in studio solo se indispensabile. Il Presidente SIDO Giuliano Maino: “Momento critico, ma trasformiamo la crisi in un’occasione.   Milano, 24 marzo 2020 – Videochiamate per valutare lo stato degli apparecchi, tutorial per provvedere alla riparazione fai-da-te e appuntamento in studio solo se necessario. Queste le direttive tr (continua)

POLIAMBULANZA: CORONAVIRUS, LA TESTIMONIANZA DI MICHELE

POLIAMBULANZA: CORONAVIRUS, LA TESTIMONIANZA DI MICHELE
 “I MEDICI DI POLIAMBULANZA MI HANNO SALVATO" Brescia, 19 marzo 2020 – La voce ancora stanca, ma la serenità è quella di chi ce l’ha fatta. “Mi hanno tolto l’ossigeno, sto per uscire!” – è così che esordisce il signor Michele, 41 anni, Consulente informatico forense e perito per 20 tribunali di Italia, tra cui quello (continua)

SIIA: ipertesi non sono a maggior rischio contagio di coronavirus

SIIA: ipertesi non sono a maggior rischio contagio di coronavirus
 Milano, 18 marzo 2020 – “Non esistono evidenze che associano l’ipertensione alla malattia COVID-19: se l’ipertensione fosse un fattore predisponente all’infezione da coronavirus dovrebbero esserci più pazienti ipertesi tra i malati COVID-19 rispetto a quanto osservato nella popolazione generale. Ad oggi, non ci sono prove che le persone con ipertensione s (continua)

CORONAVIRUS, SIIA: “NO ALLA SOSPENSIONE DELLA TERAPIA ANTIIPERTENSIVA”

Milano, 13 marzo 2020 – “I pazienti ipertesi non devono modificare o abbandonare la terapia antiipertensiva, che si è dimostrata nel corso del tempo in grado di proteggere le persone dal rischio di gravi complicanze cardiovascolari, quali l’infarto miocardico, lo scompenso cardiaco, la morte improvvisa e l’insufficienza renale”. È la raccomandazione dell (continua)

CORONAVIRUS: PARTE DA NAPOLI IL PONTE DELLA RICERCA FRA ITALIA E CINA

CORONAVIRUS: PARTE DA NAPOLI IL PONTE DELLA RICERCA FRA ITALIA E CINA
Napoli, 11 marzo 2020 – “Serve subito un protocollo nazionale per estendere l’impiego di tocilizumab nei pazienti contagiati da coronavirus e che si trovano in condizioni molto critiche. Il farmaco, utilizzato per la cura dell’artrite reumatoide, ha dimostrato di essere efficace nel trattamento della polmonite interstiziale causata dal Covid-19”. La richiesta viene da (continua)