Home > Economia e Finanza > Costo del denaro, la mossa a sorpresa della FED non scuote le Borse

Costo del denaro, la mossa a sorpresa della FED non scuote le Borse

scritto da: Elleny | segnala un abuso

Costo del denaro, la mossa a sorpresa della FED non scuote le Borse


Arriva come una stoccata improvvisa la decisione della FED di tagliare il costo del denaro di 50 punti base. Powell ruba così la scena ai ministri del G7 con l'annuncio di una manovra accomodante, decisa all'unanimità dal board dell'istituto centrale americano.

La Fed e il costo del denaro

borse e costo del denaroQuello che scuote i mercati non è tanto il taglio in sé, che porta il costo del denaro tra 1-1,25%, quanto il fatto che sia stato deciso con una riunione di "emergenza" (la prima dal 2008) soltanto una settimana prima del meeting già programmato. La mossa quindi diventa dirompente, se non altro perché lancia il chiaro messaggio/invito alle altre banche centrali di fare altrettanto (se è per questo la RBA australiana lo aveva già fatto nel corso della notte, tagliando i tassi di interesse per la quarta volta quest’anno, portandoli allo 0,5%).

Nonostante questo però, l'annuncio a sorpresa del taglio dei tassi non è riuscito a dare la scossa ai mercati, se non per un brevissimo lasso di tempo. Come si può vedere su qualsiasi piattaforma online trading forex e non solo, Piazza Affari dopo aver toccato il picco del +2,6% (subito dopo l’annuncio di Powell), ha poi rallentato di colpo. Le Borse europee sono riuscite comunque a chiudere in territorio positivo una seduta caratterizzata da forte volatilità, mentre Wall Street non sembra accontentarsi del taglio del costo del denaro della Fed e perde terreno dopo una fiammata iniziale.

Annotazione: uno dei primi passi che un investitore online può fare è imparare il trading con medie mobili, perché sono lo strumento in generale più utilizzato dai trader di tutto il mondo.

Piazza affari zavorrata dai bancari

A Milano, il FTSEMib ha terminato la giornata in crescita dello 0,43% a 21.748 punti, dopo aver toccato anche un massimo di 22.340 punti. Il FTSE Italia All Share ha recuperato lo 0,47%. Bene anche FTSE Italia Mid Cap (+0,79%) e FTSE Italia Star (+1,47%). Complessivamente, su 434 titoli trattati, 333 hanno registrato una performance positiva, mentre i segni meno sono stati 97; invariate le restanti quattro azioni. A zavorrare il listino milanese è soprattutto il comparto del credito, dove spicca il crollo di Banco Bpm che perde dell'8,2% dopo la presentazione del piano. Male anche Unicredit (-4,2%) e Bper (-2,3%). Del resto il fatto di finanziarsi a un costo più basso non è una bella notizia per le banche, che vivono e prosperano sul prestito del denaro, che con tassi più bassi rende evidentemente molto di meno e comprime i loro profitti.

In generale in Europa gli acquisti hanno premiato soprattutto le società delle materie prime, delle costruzioni, dei servizi finanziari e dei viaggi.

borse | fed | tassi | piattaforma online trading | medie mobili |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Borse Da Lavoro , Come Trovare Quelle Migliori


Banche USA, nuovi limiti da parte della FED per fronteggiare il Covid


La Federal Reserve si avvicina al taglio dei tassi. Dollaro in discesa


Dollaro, la settimana comincia con il freno a mano tirato nel Forex


Federal Reserve pronta alla marcia indietro? Probabilmente, ma non da subito


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Mercato valutario, il dollaro comincia la settimana con il piede giusto

Comincia in modo blando ma in risalita, la settimana del dollaro USD. Il biglietto verde si è ripreso subito dal calo avuto nelle prime ore di negoziazioni, poi ha invertito la rotta. Ma cosa succede sul mercato valutario?Il dollaro sul mercato valutarioPer comprendere l'andamento del dollaro sul mercato valutario, occorre fare un passo indietro. Venerdì scorso durante una tavola rotonda, ha (continua)

Prezzo del caffé, diversi fattori lo stanno spingendo sempre più in alto

I problemi produttivi e quelli della catena di approvvigionamento hanno colpito quasi tutti i settori produttivi. Non solo energia e metalli, ma anche il mondo del caffé, dove i prezzi sono in netta crescita e si avviano a raggiungere massimi pluriennali.Come si sta muovendo il prezzo del cafféI futures sul caffè Arabica hanno infatti esteso i guadagni a oltre $ 2,1 per libbra, avvicinandosi al ma (continua)

Mercati finanziari, in settimana rapporto sui nonfarm payroll e vertice OPEC+

I mercati finanziari guarderanno con attenzione soprattutto a due avvenimenti questa settimana. In ordine cronologico sono il vertice OPEC+ sul petrolio, e il rapporto sui nonfarm payroll negli USA. Ma in mezzo ci sono anche i meeting della Banca centrale d'Australia e quella neozelandese.Gli eventi clou per i mercati finanziariPartiamo dal petrolio. L'OPEC e i suoi alleati si incontreranno lunedì (continua)

Banca del Giappone senza sorprese: tassi fermi in terriotrio negativo

Con un voto favorevole di 8 membri contro 1 contrario, la Banca del Giappone ha lasciato invariato il tasso di interesse di riferimento a -0,1%, dove si trova dal 2016. La BoJ ha inoltre lasciato immutato il target di rendimento dei titoli di stato a 10 anni intorno allo 0%. La banca centrale ha anche affermato che inizierà a erogare prestiti per il cambiamento climatico a dicembre.Il meeting del (continua)

Banche centrali e riserve auree, gli Usa battono tutti ma l'Italia è terza

L'oro è da sempre un metallo importante non solo per i consumatori e gli investitori al dettaglio, ma anche per le banche centrali. I caveau sono pieni di riserve auree (per lo più in lingotti), che rappresentano una garanzia di rimborso per i depositanti, i detentori di banconote e gli operatori commerciali. Ma il ruolo di tali riserve è importane anche al fine di supportare il valore della valut (continua)