Home > Ambiente e salute > Salvatore di caprio :Leonardo Fca dedicato alla nuova Fiat 500 elettrica, disponibile da ottobre 2020.

Salvatore di caprio :Leonardo Fca dedicato alla nuova Fiat 500 elettrica, disponibile da ottobre 2020.

scritto da: Nando345 | segnala un abuso

Salvatore di caprio :Leonardo Fca dedicato alla nuova Fiat 500 elettrica, disponibile da ottobre 2020.


 

Leonardo DiCaprio è protagonista del nuovo spot della Fiat 500 elettrica. Uno spot che fa sua la sfida che abbiamo di fronte: combattere la crisi climatica.

 

È l’attore e attivista per il clima Leonardo DiCaprio il protagonista del nuovo spot di Fca dedicato alla nuova Fiat 500 elettrica, disponibile da ottobre 2020. Uno spot che coglie pienamente la sfida lanciata dalle Nazioni Unite e dai vari movimenti per il clima, come quello dei Fridays for Future guidato da Greta Thunberg: stiamo vivendo il decennio delle soluzioni alla crisi climatica e per questo è giunto il tempo di giocarsi ogni carta a disposizione per risolvere la minaccia più grande che abbiamo di fronte.

Lo spot si chiama, appunto, All-In, un termine usato dai giocatori di poker quando decidono di puntare tutto ciò che hanno, come fosse l’ultima mano della partita. È la prima volta che la 500 diventa solo elettrica e “la Prima” è proprio il nome di questa nuova generazione di 500. DiCaprio non è sceso a compromessi e nello spot tocca i temi che da sempre lo contraddistinguono affermando che questo è il momento di dare tutto. Nella descrizione dello spot si legge che Di Caprio “ha voluto offrire il proprio contributo alla mission di Fiat invitando ognuno di noi a recitare un ruolo da protagonista nel contrastare i cambiamenti climatici, puntando sulla sostenibilità. Fiat ha accettato la sfida ispirata dal cambiamento e dal desiderio di riservare un futuro migliore al nostro Pianeta, puntando tutto sulla nuova 500 completamente elettrica”.

Giancarlo Bergamotta |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Leasys cresce ancora in Europa e apre nei Paesi Bassi


Leasys acquisisce WinRent


La TOP cover dedica la cover ad Angela Ruggeri fotomodella, atleta professionista


Più vero del film. Uno scandalo finanziario travolge anche Leonardo Di Caprio, il “lupo di Wall Street”


Askanews: l’intervista all’AD e DG Luigi Ferraris sulla collaborazione Terna-Fca


Via Amedeo Parmeggiani 8 Bologna annuncia l'auto del futuro


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

impec costruzioni spa

impec costruzioni spa
Ore 16.30. La Bce è pronta ad aumentare le dimensioni del PEPP, il programma di acquisti di titoli in risposta alla pandemia, già a partire dalla riunione di giugno del consiglio direttivo nel caso le dimensioni dello stimolo risultassero inferiori a quanto necessario. E' quanto emerge dai resoconti dell'ultima riunione del board della Bce, il 30 aprile. Il Consiglio direttivo della Bce - si legge nei verbali - si dice pronto ad adeguare tutte le misure messe in MILANO - Ore 16.30. La Bce è pronta ad aumentare le dimensioni del PEPP, il programma di acquisti di titoli in risposta alla pandemia, già a partire dalla riunione di giugno del consiglio direttivo nel caso le dimensioni dello stimolo risultassero inferiori a quanto necessario. E' quanto emerge dai resoconti dell'ultima riunione del board della Bce, il 30 aprile.  Il Consiglio direttivo (continua)

Leonardo DiCaprio ha rivelato di aver donato due milioni di dollari per aiutare il parco del Virunga, in Congo.

Leonardo DiCaprio ha rivelato di aver donato due milioni di dollari per aiutare il parco del Virunga, in Congo.
ra le molte star del mondo hollywoodiano, Leonardo DiCaprio è sicuramente una di quelle maggiormente attive quando si parla di donare denaro per aiutare persone in difficoltà. Vi avevamo già raccontato di quando, attraverso la fondazione ambientalista Ea ra le molte star del mondo hollywoodiano, Leonardo DiCaprio è sicuramente una di quelle maggiormente attive quando si parla di donare denaro per aiutare persone in difficoltà. Vi avevamo già raccontato di quando, attraverso la fondazione ambientalista Earth Alliance, di cui è co fondatore, era riuscito a raccogliere insieme a Apple la cifra record di 12 milioni da des (continua)

Michele Bertucca Si chiama Greencube, è grande poco meno di una scatola di scarpe, visto che misura 30 x 10 x 10 cm

Michele Bertucca Si chiama Greencube, è grande poco meno di una scatola di scarpe, visto che misura 30 x 10 x 10 cm
ROMA - Si chiama Greencube, è grande poco meno di una scatola di scarpe, visto che misura 30 x 10 x 10 cm e si basa su colture idroponiche a ciclo chiuso. È tutto italiano il primo micro orto spaziale per coltivare verdure in orbita. Sarà ospitato da un mini satellite a 6.000 chilometri dalla Terra e verrà spedito in orbita con il volo inaugurale del nuovo lanciatore europeo, il razzo Vega-C dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa)  Michele Bertucca  - Si chiama Greencube, è grande poco meno di una scatola di scarpe, visto che misura 30 x 10 x 10 cm e si basa su colture idroponiche a ciclo chiuso. È tutto italiano il primo micro orto spaziale per coltivare verdure in orbita. Sarà ospitato da un mini satellite a 6.000 chilometri dalla Terra e verrà spedito in orbita con il volo inaugurale del nuovo lanciat (continua)

Michele Bertucca Per andare su Marte la Cina sceglie il nome di un antico poema filosofico. il paradigma mai creato

Michele Bertucca Per andare su Marte la Cina sceglie il nome di un antico poema filosofico. il paradigma mai creato
PECHINO - Il nome di un antico poema filosofico, scritto oltre duemila anni fa, per la prima missione esplorativa cinese su Marte. Sarà chiamata "Tianwen-1" (Domande rivolte al cielo), il lancio della sonda è programmato già nel 2020, con l'obiettivo ambizioso di centrare in un'unica spedizione il raggiungimento dell'orbita, l'atterraggio di un rover e l'esplorazione del pianeta rosso. Lo ha (continua)

Vincenzo Pompeo Bava : Svizzera dovrà sostenere i costi della crisi del coronavirus sull’arco di un lungo periodo. Lo ha detto il presidente

Vincenzo Pompeo Bava :  Svizzera dovrà sostenere i costi della crisi del coronavirus sull’arco di un lungo periodo. Lo ha detto il presidente
La Svizzera dovrà sostenere i costi della crisi del coronavirus sull’arco di un lungo periodo. Lo ha detto il presidente della Banca nazionale svizzera Thomas Jordan in un’intervista apparsa sulla Son La Svizzera dovrà sostenere i costi della crisi del coronavirus sull’arco di un lungo periodo. Lo ha detto il presidente della Banca nazionale svizzera Thomas Jordan in un’intervista apparsa sulla SonntagsZeitung, precisando che l’attività dell’economia è attualmente solo al 70-80% circa dei livelli normali, con costi che vanno dagli 11 ai 17 miliardi di franchi al mese. Anche molte azie (continua)