Home > Economia e Finanza > Detrazioni Bonus infissi: aggiornato il Vademecum ENEA

Detrazioni Bonus infissi: aggiornato il Vademecum ENEA

scritto da: Webmasterdeslab | segnala un abuso

Detrazioni Bonus infissi: aggiornato il Vademecum ENEA


 Seppur con un sistema produttivo paralizzato dalla crisi causata dal Covid-19, il tema delle agevolazioni fiscali correlate alla riqualificazione e al risparmio energetico resta di vitale importanza sia per gli operatori del comparto serramenti e infissi in legno, che per gli stessi consumatori finali.

Con l’aggiornamento del Vademecum infissi e serramenti dello scorso 25 marzo, l’ENEA ha voluto fornire alcune precisazioni riguardo l’applicazione delle aliquote agevolate, spiegando quando è possibile detrarre gli infissi al 50% e quando al 65%.

Partiamo innanzitutto dal fondamento giuridico dell’art. 1 comma 345 L. 296/2006, il quale stabilisce che è agevolabile la sostituzione di finestre comprensive di infissi, delimitanti il volume riscaldato verso l’esterno o verso vani non riscaldati, che rispettino i requisiti di trasmittanza termica U (W/m2K) riportati in tabella 2 del D.M. 26 gennaio 2010. Nel dettaglio, ENEA ha definito quando applicare le due aliquote agevolate, ovvero:

-          detrazione del 50% delle spese totali sostenute fino al 31 dicembre 2020 in caso di singole unità immobiliari

-          detrazione del 65% delle spese totali sostenute dal 1 gennaio 2020 fino al 31 dicembre 2020 nel caso di interventi che interessino le parti comuni di edifici condominiali o per tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio.

Il beneficio della detrazione, inoltre, è vincolato a un limite massimo di 60 mila euro per unità immobiliare, nonché alla documentazione da produrre: è necessario inviare esclusivamente al sito ENEA (https://detrazionifiscali.enea.it) entro 90 giorni dalla data di fine lavori o di collaudo delle opere la “Scheda descrittiva dell’intervento”, che può essere redatta anche dal soggetto beneficiario in caso di singola unità immobiliare, ovvero da un tecnico abilitato (ingegnere, architetto, geometra o perito iscritto al proprio albo professionale) nei casi diversi dal precedente, come ad esempio gli interventi che riguardano le parti comuni di un condominio.

Altrettanto importante è la documentazione da conservare, è cioè l’originale della scheda dell’intervento riportante il codice CPID assegnato dal sito ENEA e firmata da beneficiario e, nei casi previsti, dal tecnico abilitato, l’asseverazione redatta da un tecnico abilitato attestante il rispetto dei requisiti tecnici specifici (sostituita dalla certificazione del fornitore/assemblatore/installatore nel caso di interventi in singole unità immobiliari), schede tecniche di prodotto e marcatura CE con relative dichiarazioni di prestazione (DoP), copia dell’Attestato di Prestazione Energetica (APE), eccezion fatta per la singola unità immobiliare.

Ricordiamo, infine, che tra le spese ammissibili per ottenere le agevolazioni fiscali rientrano anche quelle per la fornitura e posa in opera di scuri, avvolgibili, portoni blindati, cassonetti (se solidali con l’infisso), nonché le prestazioni professionali come la produzione della documentazione necessaria.


Fonte notizia: http://www.infissimodesti.it/


infissi in legno | finestre in legno | portoni blindati |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Quale finestre tra pvc o legno


Sear Infissi, produzione di serramenti e vendita di infissi in pvc


Posti auto, tecnologie robotiche e mobili thailandesi: 8 consigli per sfruttare al meglio i bonus fiscali


CONFERMATE DALLA LEGGE DI BILANCIO LE DETRAZIONI FISCALI 2019


Monasterodue - Il Top Degli Infissi In PVC a Lecce


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Termite Formosa: dall’Asia un nemico del legno devastante

Termite Formosa: dall’Asia un nemico del legno devastante
Le Termiti Formosa, la specie divoratrice del legno che resiste a qualsiasi trattamento antitarlo tradizionale. Una specie invasiva ed estremamente distruttiva per la vegetazione e gli ambienti in cui vive l’uomo. Dopo il nuovo coronavirus in grado di generare una pandemia a livello globale, dal continente asiatico un curioso parassita sta minacciando il legno di milioni di case nel mondo: la Termite Formosa, un piccolo parassita resistente a qualsiasi trattamento antitarlo tradizionale.Originario di F (continua)

Donne e lockdown: il dramma “fantasma” della violenza domestica

Donne e lockdown: il dramma “fantasma” della violenza domestica
Covid-19: isolamento e limitazione agli spostamenti hanno aumentato i casi di violenza domestica sulle donne in tutto il mondo. Il lockdown delle ultime settimane imposto dall’emergenza sanitaria non ha avuto solo ripercussioni economiche e sociali. L’obbligo di restare in casa e le limitazioni agli spostamenti, infatti, non hanno mai fermato un fenomeno che, di contro, ha continuato a mietere vittime nel silenzio più assordante: quello della violenza sulle donne. In tutto questo periodo di isolamento migliaia di donn (continua)

Prezzi, preferenze e digitalizzazione: come cambia l’immobiliare con il Coronavirus

Prezzi, preferenze e digitalizzazione: come cambia l’immobiliare con il Coronavirus
Immobiliare: con gli effetti del Coronavirus cambiano gli scenari del mercato e il ruolo di intermediazione degli agenti immobiliari. Con la fine del lockdown e l’inizio della Fase 2, riparte l’attività dei professionisti del settore immobiliare, seppur nel rispetto delle nuove misure anti-Covid. E riparte più decisa che mai anche Immobiliare Cambio Casa, l’agenzia immobiliare a Taranto vicina alla sua clientela anche durante il periodo di chiusura, grazie ai sui servizi di consulenza online. Ma quali scenari si intravedono (continua)

Infissi ed edilizia: in arrivo misure straordinarie per la ripartenza

Infissi ed edilizia: in arrivo misure straordinarie per la ripartenza
Con l’avvio della “Fase 2” e il ritorno all’operatività per migliaia di attività economiche, è tempo di far ripartire l’economia del Paese. Per farlo, è necessario pensare a misure strategiche in grado di contrastare gli effetti devastanti derivanti dal lockdown, a cominciare da un settore chiave, l’edilizia, che insieme al suo indotto fornisce un contributo essenziale al Pil nazionale. Indot (continua)

Meccanica agricola e Covid-19: gli scenari per il 2020 sono poco rassicuranti

Meccanica agricola e Covid-19: gli scenari per il 2020 sono poco rassicuranti
L’impatto Covid-19 sul comparto della produzione dei macchinari per agricoltura avrà effetti devastanti per i prossimi mesi dell’anno. A lanciare il grido d’allarme è la CAI – Confederazione Agromeccanici e Agricoltori Italiani – per bocca del suo presidente Gianni Della Bernardina, il quale prevede un calo delle immatricolazioni di trattrici e mietitrebbiatrici da parte delle imprese agromec (continua)