Home > Cibo e Alimentazione > I Cuochi Toscani chiedono di prevedere una ripartenza della ristorazione

I Cuochi Toscani chiedono di prevedere una ripartenza della ristorazione

scritto da: Marcocavini | segnala un abuso

I Cuochi Toscani chiedono di prevedere una ripartenza della ristorazione


Un coinvolgimento dei cuochi nella “Fase 2” dell’emergenza Coronavirus. A richiederlo è l’Unione Cuochi Toscani che, forte di 1.500 professionisti in tutta la regione, fa sentire la propria voce in merito alla difficile situazione vissuta dal settore a causa del Covid-19 e avanza la necessità di prevedere la ripresa delle attività di ristorazione con gradualità e con le dovute attenzioni. Questo comparto, unito a quello del turismo e dell’accoglienza, risulta tra i più colpiti dalle settimane di stop previste per la gestione dell’emergenza, con svariate criticità legate agli stagionali e agli occupati nel settore della banchettistica che rischiano di veder saltare la stagione, ai ristoratori e agli chef patron che registrano perdite di fatturato e criticità relative ai prodotti alimentari giacenti già deperiti ed in scadenza. Ulteriori problematiche sono correlate ai pagamenti di mutui, leasing ed affitti dei locali, oltre al pagamento di tasse e bollette. «Un sondaggio effettuato presso i nostri 1.500 associati in tutta la Toscana attraverso i dodici presidenti provinciali - dichiara Roberto Lodovichi, presidente regionale dei Cuochi Toscani, - ha contribuito a configurare un quadro chiaro di quella che è la situazione attuale e delle richieste da avanzare negli opportuni tavoli di discussione. La necessità di una ripresa attenta e graduale delle nostre attività è stata estesa in primo luogo alla Federazione Italiana Cuochi, nostra casa madre, ed al presidente nazionale Rocco Pozzulo che già si era attivato presso il ministero per portarlo a conoscenza delle problematiche interne alla categoria, alla Regione Toscana che da sempre ci sostiene e con cui condividiamo numerose attività, e alla Federazione Italiana Pubblici Esercizi».

I Cuochi Toscani hanno richiesto un sostegno per una spinta all’accesso alla “Fase 2”, con la necessità di riattivare parzialmente le attività di ristorazione attraverso modalità quali la vendita diretta da asporto previo ordine ed appuntamento. Gli aderenti all’unione esprimono infatti il bisogno di poter ripartire il prima possibile, in funzione degli sviluppi dello stato d’emergenza, seguendo le linee guida per ridurre il rischio di eventuali contagi che già sono state indicate per la vendita di alimenti: distanze, ingressi contingentati, misure di sicurezza ed igiene personale. L’urgenza è di poter tornare a registrare flussi economici anche modesti, favorendo una rotazione nelle giacenze dei prodotti alimentari e un graduale reinserimento del personale che dovrà essere necessariamente sottoposto ad una specifica formazione per la conoscenza delle norme sanitarie. «Numerose attività legate al settore alimentare sono aperte - continua Lodovichi, - perché non estendere questa possibilità anche ai ristoranti di quartiere? Questo potrebbe rappresentare per la popolazione un valore aggiunto: supermercati e generi alimentari sono chiusi nei giorni festivi, dunque andremo a fornire un servizio, una risposta e un’alternativa per sopperire alle necessità delle persone. Comprendiamo perfettamente la drammaticità del momento e sempre ci siamo attenuti alle linee guida indicate dallo stato, ma adesso la necessità di una ripartenza, anche timida, si avverte in modo impellente. La Toscana, terra di infinite suggestioni, è sempre stata rappresentata da arte, cultura e bellezze naturali ma anche da cibo e cucina: se non verremo sostenuti in una pronta ripresa, seppur blanda, rischieremo di non poter più offrire quello che il mondo si aspetta da noi».



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Beer Attraction e BBTech Expo 2019 al taglio del nastro


29° Congresso nazionale della FIC


Cibo e salute, Serenissima Ristorazione inserita nel manuale del CNR


Mario Putin: il sostegno di Serenissima Ristorazione al plesso scolastico di Costabissara


“Impariamo l’arte del cuoco”, l’iniziativa per l’educazione alimentare sostenuta da Mario Putin


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Un’estate all’insegna dell’inglese con l’Accademia Britannica

Un’estate all’insegna dell’inglese con l’Accademia Britannica
Un’estate di corsi, workshop e laboratori dedicati all’apprendimento on-line dell’inglese. A promuoverla è l’Accademia Britannica IH Arezzo che giovedì 28 maggio, alle 18.00, presenterà il programma di “rESTATEacasa” attraverso un inedito open-day in videoconferenza su Zoom che permetterà ad allievi e ad aspiranti allievi di conoscere un ricco calendario di iniziative al via dal mese di giugn (continua)

La creatività aretina al servizio del colosso europeo del trasporto di gas

La creatività aretina al servizio del colosso europeo del trasporto di gas
La creatività aretina al servizio del colosso europeo dei trasporti di gas e carburanti. L’immagine della Acerbi di Alessandria, leader continentale nella produzione di cisterne dal 1962 e recentemente acquisita dal Menci Group, è stata ridisegnata da un’agenzia del territorio che ha effettuato un delicato restyling del suo storico marchio che verrà apposto su veicoli in movimento sulle strade (continua)

Valtiberina Tennis&Sport, tornano in campo i tennisti di Sansepolcro

Valtiberina Tennis&Sport, tornano in campo i tennisti di Sansepolcro
Tornano in campo gli atleti del Valtiberina Tennis&Sport. Il circolo di Sansepolcro sta vivendo una graduale ripartenza dell’attività sportiva rivolta ad oltre duecento persone di diverse discipline e di tutte le età e, negli ultimi giorni, è tornato ad animarsi con la ripresa degli allenamenti individuali e con la riapertura dei corsi della scuola tennis fissata da lunedì 25 maggio. Il c (continua)

La Casa di Riposo Fossombroni programma le visite dei parenti

La Casa di Riposo Fossombroni programma le visite dei parenti
Gli anziani non possono più attendere: la Casa di Riposo “V. Fossombroni” procede verso una ripartenza umana e affettiva. Lo storico istituto cittadino, a partire da martedì 26 maggio, programmerà le visite dei parenti degli ospiti attraverso incontri che si svolgeranno nel rigido rispetto delle regole necessarie per prevenire il contagio da Covid-19. La Casa Pia aveva attuato un’immediata e (continua)

RidiCasentino, torna il concorso nazionale di letteratura comica

RidiCasentino, torna il concorso nazionale di letteratura comica
RidiCasentino riaccende la sfida tra “scrittori della risata” di tutta Italia. L’associazione culturale Noidellescarpediverse ha pubblicato il bando della settima edizione del concorso nazionale di letteratura comica che troverà il proprio apice nella finale estiva di sabato 1 agosto, con una formula che garantirà lo svolgimento a prescindere dall’evolversi della situazione sanitaria. Per dec (continua)