Home > Economia e Finanza > Borsa del Giappone di slancio oltre i 20mila. La grande paura è passata?

Borsa del Giappone di slancio oltre i 20mila. La grande paura è passata?

scritto da: Elleny | segnala un abuso


Si respira un clima positivo sulle borse, come dimostra la chiusura di Tokyo vicina ai massimi di otto settimane. La spinta alla Borsa del Giappone arriva dai promettenti risultati preliminari di un farmaco sperimentale contro il Covid-19, ma anche dalla FED. Ieri la banca centrale americana ha lasciato i tassi Usa nel range tra lo zero e lo 0,25%. Ad accendere le speranze, anche il virologo della Casa Bianca, Antony Fauci, che ha citato i risultati di un altro test, che hanno mostrato “un effetto positivo palese nel ridurre i tempi di recupero” dei malati.

L'andamento della Borsa del Giappone

borsa del giapponeL’indice Nikkei è salito del 2,6% a 20.193,69, sui massimi dal 9 marzo. Ma la crescita dell'indice principale della Borsa del Giappone era arrivato anche fino al +3% circa, uscendo dal canale di Donchian channel. L'indice nipponico supera così in modo perentorio la resistenza rappresentata dal massimo del 17 aprile posizionato appena sopra i 19900. I corsi hanno in tal modo riattivato il rally originato dai minimi del mese scorso

Pure il più ampio indice Topix della Borsa del Giappone guadagna l’1,0% a 1.464,03, ai massimi dal 6 marzo. Per chi conosce cos'è il trading sui mercati otc, è importante sapere che l'indice di volatilità Nikkei è sceso a 29,4 come non accadeva da otto settimane. Questo riflette il placarsi dei timori degli investitori.

Dati macro

Sul fronte macro, i dati confermato l'impatto forte della pandemia, ma comunque migliori delle attese o in linea. A marzo le vendite al dettaglio del Giappone sono scese del 4,5% su base mensile. Su base annua il dato è sceso del 4,6%, meno della contrazione -4,7% attesa. La produzione industriale nipponica a marzo è scesa del 3,7% su base mensile, a 95,8 punti, facendo meglio della flessione -5% attesa ma peggiorando in modo significativo rispetto al precedente -0,3%. Il dato, preliminare, è sceso inoltre al minimo in sette anni. Su base annua, la contrazione è stata del 5,2%, contro il -7,4% stimato e il precedente -5,7%. Su base annua, la contrazione è stata del 5,2%, contro il -7,4% stimato e il precedente -5,7%. Il trend negativo si spiega con la diffusione del coronavirus COVID-19 nel paese, che ha interrotto l’attività produttiva delle fabbriche, zavorrando la domanda sia interna che estera.

Le altre Borse asiatiche

Anche le Borse cinesi hanno evidenziato una performance positiva nonostante la frenata del PMI manifatturiero: Shanghai sale dell'1,3% e Shenzhen dell'1,88%. Meglio Taiwan che porta a casa un vantaggio del 2,06%. Le piazze di Hong Kong e Seoul sono invece rimaste ferme per la celebrazione della nascita di Buddha (festa legata al calendario lunare che cambia data ogni anno).

borsa | giappone | nikkei | canale di donchian | mercati otc |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Daiichi Sankyo: contemplazione dei ciliegi in fiore nel Parco EUR a Roma


Paura a parte di Sebastiano Zanolli, Franco Angeli Edizioni


Borsa Da Donna Da Lavoro , Come Trovare Quella Migliore


Intervista di Alessia Mocci ad Uccia Paone: vi presentiamo Fu al suono di un’arpa eolica


In fase di arrivo la Borsa del Turismo Extralberghiero


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Investitori, tanti appuntamenti in focus nei prossimi giorni

La settimana che ci aspetta sui mercati finanziari. Dati PMI evidenzieranno la salute economica di USA, UE e Regno Unito Tra meeting di banche centrali, dati macro molto importanti e verbali del FOMC, l'ultima settimana di novembre si preannuncia intensa per gli investitori dei mercati finanziari. Nel frattempo, il primo assaggio è arrivato dalla Cina, dove la banca popolare ha mentenuto invariato il tasso di interesse per il 19esimo meeting di fila. Dove guarderanno gli investitoriI dati clou per gli investitori (continua)

Moneta australiana in ripresa dopo il report arrivato dalla Cina

I dati macro in arrivo dalla Cina consentono al dollaro australiano di respirare. La moneta australiana infatti comincia bene questa settimana, spinta dalla produzione industriale cinese, che è aumentata del 3,5% su base annua nell'ottobre 2021, accelerando da un progresso del 3,1% nel mese precedente e battendo le previsioni di mercato.La Cina e la moneta australianaRicordiamo che la moneta austr (continua)

Investimenti, è in corso al rivoluzione utility: da settore difensivo a occasione

La transizione energetica ha avuto un impatto notevole sul settore delle utility. Quella che tradizionalmente era considerata una asset class tipicamente difensiva, adesso sta diventando una grossa occasione per gli investimenti.Da settore divensivo a occasione per investimentiI dati evidenziano infatti che le ex municipalizzate hanno chiuso il bilancio dei primi 9 mesi del 2021 con una crescita a (continua)

Mercati europei titubanti prima della FED (che poi vara il tapering)

Le Borse Europee hanno marciato blande prima che la FED prendesse la sua decisione La Federal Reserve ha deciso di varare il tapering, ossia di ridurre il suo stimolo all'economia. Nell'attesa di questa decisione, che è stata presa quando i mercati europei erano già chiusi, le borse del Vecchio continente si erano mosse in ordine sparso. Proprio l'attesa del meeting della banca centrale americana, aveva indotto i mercati a muoversi con cautela. In giornata aveva però parlato Ch (continua)

Mercato valutario, il dollaro comincia la settimana con il piede giusto

Comincia in modo blando ma in risalita, la settimana del dollaro USD. Il biglietto verde si è ripreso subito dal calo avuto nelle prime ore di negoziazioni, poi ha invertito la rotta. Ma cosa succede sul mercato valutario?Il dollaro sul mercato valutarioPer comprendere l'andamento del dollaro sul mercato valutario, occorre fare un passo indietro. Venerdì scorso durante una tavola rotonda, ha (continua)