Home > Ambiente e salute > COVID-19 e rischio coagulazione, nasce il primo registro italiano dei pazienti a cura degli scienziati della Fondazione Arianna Anticoagulazione

COVID-19 e rischio coagulazione, nasce il primo registro italiano dei pazienti a cura degli scienziati della Fondazione Arianna Anticoagulazione

scritto da: GiadaRossi | segnala un abuso


Il registro START-COVID-19 è una delle attività supportate da Italfarmaco e si inserisce nella nuova piattaforma di progetti medico-scientifici GHEMAVID che l’azienda mette a disposizione della Comunità Scientifica e di tutti i Medici allo scopo di approfondire le conoscenze sul COVID-19 e contrastarne le complicanze tromboemboliche

Imparare al più presto a conoscere e contrastare gli effetti letali del COVID-19 sulla coagulazione del sangue, attraverso lo studio delle decine di migliaia di cartelle cliniche dei pazienti ricoverati finora negli ospedali italiani. Sono questi i principali obiettivi dello START-COVID-19, il primo e più vasto registro sulle complicanze della coagulazione nei pazienti COVID-19. Questo progetto, tutto italiano, è fra le iniziative di punta della nuova piattaforma di progetti medico-scientifici GHEMAVID messa a disposizione e finanziata da Italfarmaco, azienda italiana da sempre impegnata nello studio, nella produzione e nella distribuzione di eparine standard ed eparine a basso peso molecolare, farmaci chiave nella prevenzione e nella cura dei problemi della coagulazione e nel controllo della trombosi.

Il Registro START-COVID-19, utilizzando i dati delle cartelle cliniche dei pazienti COVID-19, già disponibili negli ospedali italiani, consentirà, tra l’altro, di correlare l’uso e le dosi di farmaci quali l’enoxaparina con le condizioni cliniche dei pazienti con COVID-19 e con l’evoluzione della loro malattia. In questo modo si avranno dati preziosi direttamente dalla “vita reale” e in un tempo molto più rapido rispetto a una sperimentazione clinica tradizionale.

START-COVID-19 è un’iniziativa della Fondazione Arianna Anticoagulazione presieduta dal professor Gualtiero Palareti. La Fondazione Arianna riunisce i più importanti specialisti italiani impegnati nella cura e nella prevenzione dei disturbi della coagulazione e ha lo scopo di ampliare e migliorare le conoscenze in questo campo e di favorire il corretto impiego dei trattamenti anticoagulanti. La Fondazione agisce sotto l’egida delle due società scientifiche italiane della coagulazione, FCSA (Federazione Centri per la diagnosi della trombosi e la Sorveglianza delle terapie Anticoagulanti) e SISET (Società Italiana per lo Studio dell’Emostasi e della Trombosi).

Il registro START-COVID-19 coinvolgerà numerosi centri ospedalieri italiani, prevalentemente nel centro-nord dove si è verificata la maggior parte dei casi di COVID-19, e punta a raccogliere e studiare i dati di un vasto campione di pazienti, ampiamente rappresentativo della realtà italiana.

“Abbiamo un Registro general, chiamato Start attivo da molti anni - spiega il Professor Gualtiero Palareti, Presidente della Fondazione Arianna Anticoagulazione e Professore in Malattie Cardiovascolari all’Università di Bologna - che riguarda i pazienti che seguono terapia anticoagulante antitrombotica. La diffusione del COVID-19 ha creato però una nuova condizione clinica, mai vista prima, che ha dei profondi coinvolgimenti con il sistema coagulativo e la tendenza trombotica, quindi nell’ambito del Registro generale è stata avviata una nuova specifica che riguarda questi pazienti per seguire le loro condizioni cliniche, valutare quali sono i risultati degli interventi, quali problemi si verificano più frequentemente e anche quali opportunità si aprono per avere quindi una valutazione e una conoscenza più idonea della patologia. Il Registro START-COVID-19 è quindi una filiazione del Registro Start, è anonimo nel pieno rispetto del diritto alla privacy e includerà pazienti che sono ricoverati in reparti COVID-19 o in terapia intensiva per verificare gli effetti dei trattamenti, tra cui anche gli effetti dell’uso dell’eparina a basso peso molecolare con l’obiettivo di definirne il giusto dosaggio in relazione alle diverse fasi della malattia”.

Le eparine a basso peso molecolare, come ad esempio l’enoxaparina, sono già oggi utilizzate di routine a diversi dosaggi negli ospedali sia per la prevenzione (medica o chirurgica), sia per il trattamento delle trombosi in atto nei pazienti COVID-19, come previsto dalle linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e dalle recenti raccomandazioni di AIFA.

Il Registro START-COVID-19 è realizzato con il supporto incondizionato di Italfarmaco e fa parte della piattaforma GHEMAVID di attività medico-scientifiche che Italfarmaco ha individuato e intende supportare per accrescere le conoscenze scientifiche sul COVID-19 e identificare le strategie terapeutiche ottimali in grado di prevenire e controllare le complicanze di questa patologia.

“Nella situazione drammatica che stiamo vivendo, un’azienda farmaceutica – afferma Paolo Zambonardi Amministratore Delegato Italfarmaco - deve fare il possibile per offrire alla comunità scientifica tutti i dati e le informazioni che ha a disposizione, sperando che l’epidemia si risolva presto; il nostro compito è quello di essere in prima linea per dar tutto il supporto necessario in tutti i campi: dalla ricerca, alla produzione e alla distribuzione dei farmaci.

A maggior ragione Italfarmaco, che da 40 anni si occupa di eparine, ha quindi il dovere di agire offrendo una gestione ottimale delle informazioni relative ad una terapia che si è rivelata importantissima: la piattaforma che presentiamo, è stata ideata proprio per questo.

Oltre al Registro sopracitato, che è un’analisi retrospettiva per analizzare e capire se da qui emergono soluzioni per la gestione della malattia, stiamo approntando un progetto per la medicina del territorio e per supportare i medici di Medicina Generale”.

salute | medicina | covid | italfarmaco | anticoagulazione |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Congresso ESC 2018: Combattere la fibrillazione atriale, registro globale ETNA-AF


Fibrillazione atriale, i pazienti diabetici e insulina aumenta rischio di ictus


Lixiana lancio Italia edoxaban il nuovo anticoagulante di Daiichi Sankyo


Fibrillazione atriale TEV: Edoxaban vince la sfida nei pazienti più fragili e anziani


SIC 2018 edoxaban: Primi dati di real life dal Registro ETNA-AF


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

CNA Milano, Matteo Reale è il nuovo presidente. Hub metropolitano per le PMI, digitalizzazione e transizione ambientale: le linee guida del programma

CNA Milano, Matteo Reale è il nuovo presidente. Hub metropolitano per le PMI, digitalizzazione e transizione ambientale: le linee guida del programma
Reale: “Il nostro obiettivo è rafforzare l’associazione metropolitana per farla divenire un punto d’ingresso per imprenditori, professionisti e PMI verso opportunità di sviluppo e di rete” Eletti anche: · 15 responsabili verticali di mestieri · 3 Presidenti di Raggruppamenti dei settori Pensionati, Cinema Audiovisivo e Professioni · 3 Presidenti Territoriali per Milano, Rho e Cinisello Balsamo Matteo Reale è il nuovo presidente di CNA Milano. Consulente d'impresa e con esperienze nel campo del marketing e della sostenibilità, Reale al suo primo mandato, succede a Daniela Cavagna (presidente per 2 mandati) sarà affiancato dalla direttrice Laura Buscarini e dalla Presidenza composta da Fabio Massimo, Paolo Ponzini, Massimo Pagani e Antonio Casabona. Consulente di direzione atti (continua)

Pensiline fotovoltaiche innovative: il progetto GeVERI

Pensiline fotovoltaiche innovative: il progetto GeVERI
Il progetto, condotto da Green Utility SpA e il Dipartimento di Ingegneria dell’Università Roma Tre ha costruito e testato un sistema integrato di gestione dei vettori energetici incorporando le ultime innovazioni fv Pensiline fotovoltaiche intelligenti ed innovative, capaci di produrre energia sfruttando anche la luce diffusa e riflessa per ricaricare i veicoli elettrici. Questo l’obiettivo raggiunto da GeVERI, progetto di ricerca tutto italiano, cofinanziato dal POR-FESR 2014-2020 della Regione Lazio. A realizzarlo, Green Utility SpA, azienda leader nel settore delle energie rinnovabili, (continua)

Un piatto unico squisito, genuino e fresco, tipico della cucina australiana e americana ma amatissimo anche in Italia, l’avocado toast di Sonia Peronaci

Un piatto unico squisito, genuino e fresco, tipico della cucina australiana e americana ma amatissimo anche in Italia, l’avocado toast di Sonia Peronaci
Gamberi con frutti di bosco e pomodorini delicati lavati con Bicarbonato Solvay® in Microgranuli per Frutta & Verdura per il toast dell’estate, perfetto come piatto unico per pranzi e cene veloci Non perdete Lunedì 26 Luglio sulla pagina FB di Bicarbonato Solvay® e suicanali IG e FB di Sonia Peronaci, la ricetta personalizzata e rivisitata daSonia Peronaci:l’avocado toast con gamberi, frutti di bosco e pomodorini.Piatto unico per pranzi e cene veloci ma anche per un brunch tra amici, una colazione proteica salata e una merenda sostanziosa. (continua)

Mangrovia Blockchain Solutions e REVO: partnership strategica per la digitalizzazione del settore assicurativo

Mangrovia Blockchain Solutions e REVO: partnership strategica per la digitalizzazione del settore assicurativo
La software house Mangrovia Blockchain Solutions ha sottoscritto un accordo vincolante con REVO, Special Purpose Acquisition Company (SPAC), promossa da Alberto Minali e Claudio Costamagna, quotata all’AIM Italia. La finalità della partnership è quella di accelerare lo sviluppo di prodotti parametrici. Questi ultimi sono una nuova tipologia di soluzioni assicurative che, attraverso l’utilizzo della tecnologia blockchain e degli smart contract, subordina la liquidazione dell’indennizzo direttamente alla certificazione automatizzata del verificarsi di un evento, rendendo superfluo l’accertamento del danno.L’e (continua)

Sentenza Elder: giudici influenzati dalla divisa. Sono state nascoste le verità processuali

Sentenza Elder: giudici influenzati dalla divisa.    Sono state nascoste le verità processuali
entenza non solo ingiusta, ma anche sbagliata nel merito Ci troviamo di fronte ad una sentenza non solo ingiusta, ma anche sbagliata nel merito – hanno dichiarato gli avvocati Renato Borzone Roberto Capra difensori di Finnegan Lee Elder - La lettura delle motivazioni, mostra la precisa volontà di non voler vedere la verità processuale. Con che coraggio i giudici affermano che non sono emerse negligenze da parte delle forze dell’ordine quando dive (continua)