Home > Ambiente e salute > Autofagia: Il Segreto Per Rimanere Sempre Giovani

Autofagia: Il Segreto Per Rimanere Sempre Giovani

scritto da: Risar0 | segnala un abuso

Autofagia: Il Segreto Per Rimanere Sempre Giovani

L'autofagia è un processo catabolico naturale che ti permette di ripulire e rigenerare l'organismo. Un meccanismo fondamentale per combattere l'invecchiamento precoce e mantenersi in salute a lungo.


Autofagia: Che Cos'è?

L'autofagia è un processo catabolico basilare per mantenere il corpo e la pelle in salute nel tempo. Stiamo parlando di un meccansismo cellulare in grado di sostituire o riparare le cellule danneggiate e di "ricostruirne" di nuove, attraverso il riutilizzo del materiale di "scarto" presente nel corpo.

Il fatto è che più si diventa vecchi e più questo processo perde di intensità ed efficacia, portando al ristagno e all'accumulo eccessivo di "spazzatura" cellulare che accatastandosi si erge come ostacolo al funzionamento della cellula.

"Autofagia" è un termine che descrive il processo di degradazione del materiale di scarto raccolto nel citoplasma e condotto dall'autofagosoma al lisosoma, dove avviene la scomposizione, il riciclo o l'eliminazione definitiva. E' un processo catabolico comune negli uomini, nelle piante e negli animali. Perfmette l'eliminazione di batteri, virus e parassiti.

L'autofagia è un processo altamente regolato che può essere suddiviso in 3 fasi: induzione, esecuzione e maturazione. Si verifica sempre in condizioni basali e può essere stimolata o inibita da diversi comportamenti e da vari fattori. Il suo innesco principale è il verificarsi di una situazione di stress a livello cellulare.

Gli scienziati hanno evidenziato tre tipologie di autofagia nel nostro organismo:

  1. La Microautofagia
  2. La Macroautofagia
  3. L'Autofagia Mediata da Chaperoni

La Microautofagia

E' una tipologia di autofagia in grado di:

- Eliminare porzioni di citolasma, organelli vecchi o danneggia3, membrana plasma3ca, proteine a emivita lunga
- Eliminare aggregati proteici citotossici
- Contrastare la proliferazione di patogeni penetranti nella cellula
- Differenziare  cellulare, rimodellare i tessuti 

Gli studiosi hanno tentanto di circoscrivere nello specifico i modi con cui la cellula riesce a degradare il materiale di scarto. E' emerso che nel lisosoma dove avvivene questo processo di scomposizione, arrivano degli ezimi specializzati a far questo. Da questo "operazione chimica" la cellula ottiene degli elementi per rciostruire le proprie strutture danneggiate.

La Macroautofagia


E' un processo che non si svolge in tutte le cellule ma solo in quelle con particolari caratteristiche. In questa tipologia di autofagia c'è l'intervento degli autofagosomi, delle strutture cellulari che hanno il preciso compito di trasportare lo scarto cellulare raccolto allo stomaco della cellula, il lisosoma. La macroautfagia è chiamata anche fagocitosi.

L'Autofagia Mediata da Chaperoni

E' stata scoperta di recente ed è un processo catabolico in cui entrano in gioco delle catene proteiche specializzate che hanno il preciso fine di condurre determinati elementi nel lisosoma per essere degradati. E' un meccanismo altamente selettivo.



Fonte notizia: https://www.vadoalmassimo.net/autofagia


autofagia | autofagia cellulare | autofagia significato | macroautofagia | microautofagia |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

È uscito Autofagia, il nuovo disco di Diego Ribechini


“La particella di Dio. Un segreto mai rivelato”, il nuovo romanzo di Matteo Stefani


“Il segreto di Vivaldi” di Luciano Varnadi Ceriello


Stefano Antonini presenta “Segreto di madre. Parole nascoste di un amore infinito”


Come affrontare la solitudine durante il coronavirus


L’intervista ad Erno Rossi & William Vittori: Date un’impronta la vostro lavoro


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore