Home > Esteri > Legge sulla sicurezza di Hong Kong: la soluzione politica cinese per la pace sociale

Legge sulla sicurezza di Hong Kong: la soluzione politica cinese per la pace sociale

scritto da: Legogaia | segnala un abuso

Intervista con Armando Soldaini, presidente di ‘RomExpo International Consulting and Exhibition’


È un periodo storico in cui si stanno incrociando, a livello mondiale, degli eventi che vale la pena analizzare con un po’ di attenzione. Partendo dal Coronavirus, e quindi dal Covid-19, si sono verificate tante tragedie, tante morti, tanta sofferenza e di conseguenza tante paure. I governanti di tutti i Paesi si sono trovati a dover affrontare una situazione del tutto inedita, in molti casi difficile perché fatta di una lotta contro un nemico sconosciuto. Anche a livello politico, chi governa ogni Stato ha messo in campo strategie diverse per uno stesso fine: debellare la pandemia e riportare la normalità. Purtroppo non sempre le soluzioni trovate da uno Stato sono state condivise da tutti gli altri Stati. Alcuni Paesi hanno messo in dubbio l’efficacia delle misure adottate da altri Paesi, seppur agendo in alcuni casi allo stesso modo. Cina e America sono un esempio chiaro e lampante di ciò. Gli Stati Uniti hanno considerato le decisioni prese dalla Cina, durante la fase iniziale Covid-19 e immediatamente dopo, lesive dei diritti umani. Parliamo delle misure restrittive per contenere i contagi ma anche dell’approvazione della legge sulla sicurezza di Hong Kong da parte dell’Assemblea Nazionale del Popolo, organo legislativo cinese. Per via di questa legge, gli Usa hanno accusato la Cina di privare Hong Kong della sua autonomia e hanno deciso di revocare lo statuto speciale di Hong Kong in base alla legge americana. “Sono affari interni della Cina”, ha commentato, invece, in un tweet l’ambasciatore di Pechino all’ONU, Zhang Jun. 

Su questa situazione, e non solo, abbiamo intervistato Armando Soldaini, presidente di ‘RomExpo International Consulting and Exhibition’. Mentre Trump ha richiesto l’intervento dell’esercito per reprimere le proteste pubbliche scoppiate a causa del caso George Floyd, il giovane di colore morto dopo essere stato accusato di avere una banconota falsa, ha anche condannato la Cina per la legge sulla sicurezza a Hong Kong. Cosa che Soldaini considera strumentale. Ciò che serve, secondo lui, è più una soluzione politica, non militare. Sostenendo la libertà della Cina di agire in modo autonomo sul proprio territorio, così come per ogni Stato, sempre nel rispetto dei diritti umani, il presidente di RomExpo considera auspicabile una discussione politica superiore rispetto al vantaggio economico di una parte o dell’altra. “L’interesse del mondo – dichiara nella nostra intervista - non è nella supremazia dell’economia ma è nella supremazia dell’essere umano e nell'internazionale pacifica tra tutti i popoli del mondo”.

Intervista con Armando Soldaini, presidente di ‘RomExpo International Consulting and Exhibition’:

Cina | Stati Uniti | Coronavirus | LeggeSicurezzaHongKong | Hongkong |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il capodanno cinese e l'impatto sulle importazioni


Scuderia Italia alla Fiera di Hong Kong si conferma ambasciatrice del vino italiano di eccellenza


VIOLENZA DOMESTICA: ALLONTAMENTO DA CASA ANCHE PER IPOTESI LIEVISSIME


Gli Sbandieratori dei Rioni di Cori a Hong Kong


America-Cina 2020 tra elezioni americane,legge sicurezza Hongkong e caso Floyd. Intervista con l’indigena di Vancouver, Mrs. Ardith Cooper


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

America-Cina 2020 tra elezioni americane,legge sicurezza Hongkong e caso Floyd. Intervista con l’indigena di Vancouver, Mrs. Ardith Cooper

Può uno Stato applicare le proprie leggi sulla sicurezza agendo in totale autonomia? Può uno Stato intervenire sulle leggi di un altro Stato? Fino a che punto? E fino a che punto la libertà di scelta di un Paese può essere legittima? Qual è il limite entro cui si ha rispetto per i diritti umani? E se le leggi permettono atti di razzismo? Sono ancora legittimi? In questo momento in cui in tu (continua)

Italia-Cina tra fake news e verità

Italia-Cina tra fake news e verità
Dalla comparsa del Coronavirus e della conseguente malattia chiamata COVID-19 si è susseguita tutta una serie di versioni dei fatti. Le notizie si sono sparse, come sempre, molto velocemente ma sempre più spesso le fake news hanno fatto da padrone nell’intero panorama mondiale. Il fatto che il virus fosse partito dalla Cina ha inizialmente scaldato gli animi di molti che non hanno impiegato m (continua)

Italia-Cina: cooperare per tornare a crescere

Italia-Cina: cooperare per tornare a crescere
Prima che scoppiasse l’emergenza Covid-19, Italia e Cina avevano già intrapreso un percorso molto importante di collaborazione. La cosiddetta ‘Nuova via della Seta’ voluta nel 2013 dal Presidente cinese, Xi Jinping, a fine 2019 stava vedendo un’accelerata nella visita di Luigi Di Maio, volato a Shanghai per partecipare alla China International Import Expo da ministro degli Esteri competen (continua)

Il virus dell’egemonia in Tibet: l’imperialismo statunitense contro il nazionalismo cinese

Nell'ultimo mese l'ordine del giorno di ogni notiziario di ciascuna emittente operante su tutto il pianeta è incentrato sull'emergenza sanitaria legata alla diffondersi del nuovo Coronavirus. L'epidemia, il cui focolaio è esploso nella città di Wuhan in Cina, ha già causato oltre mille decessi, principalmente proprio tra la popolazione cinese. La Cina in questi giorni & (continua)

LA VIA DELLA SETA: UN PONTE CHE GUARDA AL FUTURO

LA VIA DELLA SETA: UN PONTE CHE GUARDA AL FUTURO
    lunedì 4 novembre si è concluso il week end di spettacoli che ci ha portato in viaggio alla scoperta dell’affascinante cultura del lontano Oriente, iniziato venerdì 1 novembre a Roma, nella storica cornice del Teatro Argentina, e approdato a Firenze al TuscanyHall. Il grandioso show, “Arrivederci fra mille anni, rappresenta un viaggio alla scoperta (continua)