Home > News > Un plauso e un ringraziamento al personale della Casa Pia

Un plauso e un ringraziamento al personale della Casa Pia

scritto da: Marcocavini | segnala un abuso

Un plauso e un ringraziamento al personale della Casa Pia


Un plauso al personale per il lavoro svolto con dedizione e passione nel corso dell’emergenza sanitaria. Il Consiglio di Amministrazione della Casa di Riposo “V. Fossombroni” ha rivolto il proprio ringraziamento agli infermieri e a tutti gli altri operatori dell’istituto cittadino che, negli ultimi mesi, sono riusciti a far fronte alle condizioni di estrema delicatezza e incertezza collegate alle diverse mansioni al servizio degli anziani.

Il recente periodo ha costretto la Casa Pia ad operare sotto organico per il passaggio di una parte dei dipendenti alle strutture pubbliche e per l’impossibilità di poter fare affidamento sul contributo dei volontari, costringendo ad una repentina e improvvisa riorganizzazione delle tradizionali mansioni, per mantenere la qualità del servizio e per prevenire i contagi. In questo senso, il personale ha ricoperto un ruolo fondamentale adeguandosi alle nuove prescrizioni dettate dall’emergenza, relazionandosi con rinnovata sensibilità agli ospiti dell’istituto e facilitando l’attuazione delle diverse misure igienico-sanitarie varate dalla dirigenza. «Riteniamo doveroso - commenta Maria Paola Petruccioli, presidente della Casa di Riposo “Fossombroni”, - rivolgere un ringraziamento pubblico a tutti i nostri operatori per l’eccezionale lavoro svolto da febbraio ad oggi. La gestione della casa di riposo ha richiesto, negli ultimi mesi, un lavoro imprevisto e imprevedibile, oltre ad uno sforzo eccezionale per la riorganizzazione delle attività quotidiane, per i timori collegati al rischio del contagio e per le tensioni dettate da un’emergenza sanitaria in costante evoluzione, ma l’azienda ha affrontato questo periodo positivamente grazie alla serietà professionale e alla dedizione di ogni dipendente, nessuno escluso. E purtroppo, ancora, non possiamo abbassare la guardia».

Lo stesso Consiglio di Amministrazione rivolge un invito alle istituzioni, a partire dalla Regione Toscana, ad avviare una seria fase di riflessione sulla gestione delle residenze per anziani per approfondire le problematiche portate alla luce dall’emergenza in corso. Quest’ultima, infatti, dovrà rappresentare uno stimolo per apportare le modifiche necessarie a migliorare un servizio essenziale per le persone e per il territorio, a partire dalla necessità di poter fare affidamento su personale maggiormente qualificato all’interno delle strutture in grado di garantire un’assistenza continuativa. «Le Rsa - continua Petruccioli, - operano come veri e propri reparti ospedalieri, ma fanno affidamento quasi esclusivamente su pochi infermieri e operatori socio-sanitari che si assumono responsabilità che non gli competono. Il recente periodo ha fatto emergere l’importanza di dover rafforzare la presenza interna di personale qualificato, a partire dal medico di base o dal geriatra, in modo da monitorare con costanza la salute degli ospiti. Gli anziani delle case di riposo hanno accusato più di tutti questo periodo per le conseguenze anche drammatiche della malattia e le restrizioni delle loro libertà: ora è importante non dimenticarsi di loro».



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Pia Tuccitto “E…” l'autrice del brano di Vasco Rossi incide la versione originale di una delle più belle canzoni d’amore di sempre


La Spagna raccontata da Maria Pia Gottardis, Consulente di viaggi online Evolution Travel


R. P. Giannotte presenta il romanzo La resilienza


A Brusciano le dimissioni della Consigliera Comunale del PD Maria Pia Di Monda


Un ospite della Casa Pia a bordo campo con gli scout per tifare Arezzo


Teatro e carnevale: doppia festa alla Casa Pia di Arezzo


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Un reading eroicomico sul Saracino a Casa Bruschi

Un reading eroicomico sul Saracino a Casa Bruschi
Un reading eroicomico sul Saracino. “Quando tre dame vinsero la Giostra” è il nome dell’appuntamento in programma alle 21.15 di giovedì 13 agosto che, ospitato dalla Casa Museo dell’Antiquariato Ivan Bruschi, rappresenterà un’occasione per ascoltare i versi in rima che il poeta Alberto Cavaliere dedicò alla rievocazione storica cittadina. La serata, promossa dalla Fondazione Ivan Bruschi ammi (continua)

Raggiolo a misura di bambino tra letture e cacce al tesoro

Raggiolo a misura di bambino tra letture e cacce al tesoro
Una lettura nel bosco e una caccia al tesoro: Raggiolo ospita due iniziative rivolte a bambini e ragazzi. La rassegna “Raggiolo Estate 2020” prosegue con un doppio appuntamento nei pomeriggi di domenica 9 agosto e di lunedì 10 agosto che, promosso da La Brigata di Raggiolo in collaborazione l’Ecomuseo del Casentino, permetterà ai più piccoli di vivere da protagonisti il borgo alle pendici del (continua)

Un sostegno all’Aipd per la ripartenza post-Covid19

Un sostegno all’Aipd per la ripartenza post-Covid19
Un sostegno per la ripartenza post-Covid19 dell’Aipd - Associazione Italiana Persone Down di Arezzo. Ad averlo stanziato è la Fondazione Graziella - Angelo Gori che, per il secondo anno consecutivo, ha previsto un intervento a favore dell’associazione cittadina che opera per favorire l’inclusione e la formazione delle persone con sindrome di Down. La recente emergenza sanitaria ha imposto un l (continua)

Uno spettacolo itinerante tra i luoghi di sepoltura di Raggiolo

Uno spettacolo itinerante tra i luoghi di sepoltura di Raggiolo
Uno spettacolo itinerante tra gli antichi luoghi di sepoltura di Raggiolo. Alle 21.15 di venerdì 7 agosto prende il via la sesta edizione della rassegna teatrale “Il crinale - Parole come pietre” che, promossa da La Brigata di Raggiolo e dall’associazione culturale Noidellescarpediverse, proporrà una serie di serate dove il teatro si sposa con gli angoli più belli del piccolo borgo casentine (continua)

Il Jazz On The Corner Festival chiude con i ritmi di “Totem”

Il Jazz On The Corner Festival chiude con i ritmi di “Totem”
Il contrabbasso di Ferdinando Romano chiude il Jazz On The Corner Festival. L’ottava edizione della rassegna volge al termine alle 21.15 di giovedì 6 agosto con un concerto che, ospitato dall’Arena Eden e inserito nel cartellone del Festival delle Musiche, proporrà la presentazione del disco “Totem” dove sarà possibile apprezzare le sonorità di un jazz contemporaneo ispirato ai misteri ancest (continua)