Home > Economia e Finanza > Borse euforiche sulla notizia di un possibile vaccino. Milano brilla, +2,02%

Borse euforiche sulla notizia di un possibile vaccino. Milano brilla, +2,02%

scritto da: Elleny | segnala un abuso

Il mercato azionario festeggia la notizia che un vaccino made in USA si avvicina all'ultima fase della sperimentazione


Seduta euforica per le Borse europee, alimentate dal grande ottimismo innescato dalla possibilità che presto possa arrivare il vaccino anti-Covid. L'azienda americana Moderna (+9,2% al NASDAQ) infatti ha annunciato che a fine luglio comincerà l'ultima fase di sperimentazione del suo prodotto, che finora ha dato risposte soddisfacenti. Questa notizia ha dato slancio agli investitori, facendo passare in secondo piano anche l'aumento dei contagi che si continuano a registrare in diverse zone del mondo.

La giornata delle Borse

borseTutte le Borse europee hanno chiuso in forte rialzo. Il Dax30 di Francoforte segna un progresso dell'1,99%. Vanno benissimo anche Parigi (+2,03%), Londra (+1,9%) e Madrid (+1,84%). Stesso andamento brillante anche per la Borsa di Milano, che chiude in positivo di 2,02%. Il FTSE Mib al suono della campanella segna 20.281,38 punti, sui massimi dall'8 giugno, formando una candela Marubozu rialzista. Il FTSE Italia All-Share a +1,93%, il FTSE Italia Mid Cap a +1,25%, il FTSE Italia STAR a +1,59%.

Vola Atlantia

A Milano la grande protagonista del giorno è Atlantia (+26,65%), dopo l'accordo con il Governo per l'uscita da Aspi che elimina il rischio di revoca della concessione. Tra le altre cose, l'intesa prevede l'immediato passaggio del controllo di AspI a Cdp e la progressiva uscita definitiva di Atlantia in occasione della quotazione in borsa. Da segnalare anche la rinuncia a tutti i giudizi promossi in relazione alle attività di ricostruzione del ponte Morandi e l'accettazione della disciplina tariffaria introdotta dall'Autorità di regolazione dei trasporti.

Suggerimento: se vi piace il trading sulle valute, potreste provare ad adottare una strategia spread trading forex, che se fatta bene può essere molto efficace.

Altri settori in evidenza

Anche gli altri asset industriali hanno viaggiato forte. Leonardo (+6,40%) e Buzzi Unicem (+5,42%). Brilla anche Azimut (+4,35%). In evidenza anche i bancari: l'indice FTSE Italia Banche segna +1,75%, l'EURO STOXX Banks +2,2%. Il comparto ha beneficiato della buona performance di Goldman Sachs, che guadagna l’1,76% grazie a ricavi dell’attività di trading raddoppiati nel secondo trimestre, spinti dalle forti oscillazioni dei mercati azionari e obbligazionari da marzo. L’indicatore di paura di Wall Street segna un calo per il secondo giorno consecutivo dopo l’impennata di lunedì a causa di una nuova ondata record di casi di coronavirus negli Stati Uniti.

borse | candela marubozu rialzista | spread trading forex |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Federal Reserve pronta alla marcia indietro? Probabilmente, ma non da subito

Dopo un lungo periodo di sostengo all'economia, la strategia della banca centrale americana potrebbe cambiare rotta C'è molta attesa per conosce l'esito del meeting della Federal Reserve, che sarà noto questa sera. Non si può certo dire che la banca centrale abbia compiuto la propria missione di ridare slancio alla crescita economica degli Stati Uniti. Tuttavia, è fuor di dubbio che alcuni importanti risultati la Federal reserve può dichiarare di averli ottenuti. E forse ha già iniziato a fare una parziale marc (continua)

Banche USA, nuovi limiti da parte della FED per fronteggiare il Covid

Primo esame dell’era coronavirus, sono stati imposti ai 34 grandi istituti dei tetti ai dividendi e divieti ai buyback nel terzo trimestre I numeri confermano i timori: la pandemia ha ripreso ad assaltare gli USA, dove il numero di contagi è in aumento. E questo si traduce anche in una nuova minaccia nei confronti dell'economia. Un capitolo speciale meritano le banche USA, protagoniste in negativo dell'ultima grande crisi del 2008. Oggi sono senza dubbio più solide di allora, con le carte di regola per reggere a questo urto, ma non s (continua)

Valute emergenti, potrebbe verificarsi un rally ma servono due condizioni

Sul mercato valutario sta nascendo una interessante opportunità legata agli asset minori Il contesto attuale sembra abbastanza propizio per il settore delle valute emergenti. Sia pure con tutte le cautele del caso, è possibile che possa verificarsi un rally nel prossimo periodo (che sia una settimana o un mese, nessuno però lo può dire).Condizioni per lo slancio delle valute emergentiEsiste però una doppia condizione necessaria affinché la corsa delle valute emergenti possa cominciare (continua)

Debito sovrano e investimenti, quello della Nigeria ha fruttato il 60% in due mesi

Boom dei titoli di Stato della Nigeria, che in poco tempo hanno guidato le performance dei mercati emergenti Nel mondo della finanza - specie quella retail - l'attenzione si concentra quasi sempre sugli eventi e sui mercati più importanti, trascurando invece opportunità nascoste. Fa parte di questa seconda schiera di asset il debito sovrano della Nigeria. Difficile da andarlo a scovare, ma molto redditizio per chi ci ha puntato.Analisi del debito sovrano della NigeriaQuella nigeriana è stata una delle ec (continua)

Quotazione dell'oro in ascesa. Ha raggiunto i massimi dall'ottobre del 2012

La corsa dell'oro è tornata ad essere sostenuta, tanto che la quotazione del gold metal ha toccato i massimi da ottobre 2012 a quota 1759 dollari. Alla base della domanda del safe haven per eccellenza ci sono le preoccupazioni per l'inasprirsi delle relazioni tra Stati Uniti e Cina, nonché i deludenti dati economici statunitensi. Stanno inoltre emergendo alcune preoccupazioni dei mercati pre-Corvi (continua)