Home > Economia e Finanza > Nuovo DossieRSE: Smart working, quali impatti sul traffico a Milano e sui consumi energetici?

Nuovo DossieRSE: Smart working, quali impatti sul traffico a Milano e sui consumi energetici?

scritto da: GiadaRossi | segnala un abuso

Nuovo DossieRSE: Smart working, quali impatti sul traffico a Milano e sui consumi energetici?

Uno studio di RSE per analizzare la differenza di domanda di mobilità nell'area di Milano, puntando l’attenzione sul ruolo e sull’impatto dello smart working


ROMA, Agosto 2020 - I blocchi decretati dal Governo per arginare la diffusione del SARS-CoV-2 hanno dato una rapida spinta allo smart working, creando diverse soluzioni per continuare le attività lavorative o scolastiche da remoto. Al di là delle difficoltà incontrate nell’implementazione del cosiddetto “lavoro agile”, questa misura ha determinato precisi effetti sulla vita quotidiana, anche in termini di impatto sul traffico urbano, i consumi energetici e le emissioni gassose. Ad analizzarli è oggi un nuovo studio di RSE– Ricerca sul Sistema Energetico. La società di ricerca del gruppo GSE ha cercato di comprendere come sia effettivamente cambiata la domanda di mobilità durante il periodo del lockdown rispetto ad una situazione pre-pandemia. E lo ha fatto concentrando l’attenzione su ruolo e impatto dello smart working.

“La dimensione dell’esperienza ed i vincoli prescrittivi imposti – spiega RSE – hanno, di fatto, creato le condizioni per un’analisi di ‘stress test’, utile a valutare e misurare l’impatto ‘potenziale’ che tale misura potrebbe determinare sulla riduzione della congestione del traffico urbano, con i correlati effetti di minor consumo di combustibili, e quindi di minor impatto ambientale”.

Ai fini dello studio, gli esperti hanno analizzato i dati sugli spostamenti nella città di Milano, raccolti in tre differenti periodi: ante Covid, dal 25 febbraio al 6 marzo (1Covid) e dal 9 al 20 marzo (2Covid). La scelta dell’area milanese come campo di indagine non è casuale. La città non è fortemente rappresentativa sul fronte socio-economico, ma è già stata terreno di ricerche precedenti da parte di RSE.

Si scopre così che rispetto al periodo pre-lockdown, si è registrato un calo (stimato) degli spostamenti pari al 25% nel periodo 1Covid e del 55% in quello successivo. Di questi quasi la metà (45%) è da considerarsi “sistematico”, ossia riconducibile al tragitto casa/lavoro o casa/scuola. RSE ha quindi confrontato questi dati con quelli degli addetti per settore che hanno potuto continuare a lavorare dalle proprie abitazioni grazie al ricorso allo smartworking (dati Istat).

Il risultato? Il lavoro agile dovrebbe esser la causa di circa il 23% dei mancati spostamenti sistematici nel periodo clou dei blocchi, ossia il 2Covid. “Contestualizzando questo dato in un’analisi sul potenziale massimo dello smartworking, decurtando cioè la quota di chi è rimasto a casa senza poter lavorare, si ottiene un potenziale di riduzione degli spostamenti totali giornalieri, grazie al massivo ricorso al lavoro agile, pari al 14,5%”, chiarisce RSE.

Queste informazioni sono state la base per elaborare una stima del potenziale impatto su traffico e qualità ambientale determinato dal lavoro da remoto. Il risultato per spostamenti sistematici evitati grazie allo smart working prevede una riduzione potenziale di circa 5.800.000 vetture-km al giorno. Il dato si riferisce ovviamente al solo trasporto privato in auto, ma rappresenta una fetta pari a circa il 60% del totale. Ciò significa poter risparmiare all’atmosfera 500 tonnellate di PM 2,5 e 1.300 tonnellate di CO2 al giorno, grazie ai minori consumi di carburante (-112 ktep/anno). Risultati importanti che offrono un nuovo punto di vista per le politiche ambientali urbane.

Il ricorso allo smartworking, anche se applicato in forma più leggera rispetto a quanto ipotizzato in questo studio, che rappresenta una stima di ‘massima potenzialità’, potrebbe permettere riduzioni dei consumi e delle emissioni paragonabili a quelli di altre tipologie di interventi (potenziamento del TPL, mobilità elettrica..) – scrive RSE  – e si colloca, quindi, tra le soluzioni che possono essere messe in campo per una maggiore sostenibilità della mobilità all’interno delle città”.

 https://youtu.be/na2vCTgOoto

RSE | smart working | mobilità urbana |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Smart Working: formare i lavoratori per tutelarne salute e sicurezza


Stress tecnologico e smart working: come affrontare la tecnologia?


Sicurezza sul lavoro e tecnologia: EuTecno e smart working


Videoconferenze: smart working, comunicazione in emergenza e HSE


Buona la prima per lo Smart Working Day Oltre i numeri, contenuti di valore. Dopo il successo di Milano si replica con l’appuntamento di settembre nella capitale.


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

TRE GIOVANI ATLETE CON ENGIE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE

TRE GIOVANI ATLETE CON ENGIE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE
ENGIE ha chiuso “il Verde e il Blu Festival” con un Talk sulle città sostenibili del futuro Milano 28 settembre 2020 – ENGIE, player mondiale dell’energia impegnato ad accelerare la transizione verso un’economia a impatto zero, è stato di nuovo protagonista a chiusura de “il Verde e il Blu Festival – Buone idee per il futuro del Pianeta”.   Presso BAM – Biblioteca degli Alberi Milano, si è svolto ieri il Talk“Tra cielo e terra - Azioni ed energia sostenibili”, con la partec (continua)

European Capital of Democracy: dai sindaci europei una nuova speranza nell’era del populismo

European Capital of Democracy: dai sindaci europei una nuova speranza nell’era del populismo
Dal 2021, ogni anno una città europea sarà protagonista di iniziative volte ad accrescere lo spirito democratico, con il sostegno delle organizzazioni internazionali e della società civile Vienna, 23 settembre 2020 - Per combattere il clima di crescente incertezza politica in Europa, l’Innovation in Politics Institute, assieme al sindaco di Vienna Michael Ludwig, ha coinvolto i Sindaci europei nell’iniziativa European Capital of Democracy, patrocinata dalla Vicepresidente della Commissione europea Dubravka Šuica e dal Segretario Generale del Consiglio d'Europa Marija Pejč (continua)

Dal fv marino agli aquiloni eolici: l’innovazione verde firmata Saipem

Dal fv marino agli aquiloni eolici: l’innovazione verde firmata Saipem
Saipem sta ridisegnando il proprio ruolo nel comparto energetico ampliando il portafoglio tecnologico green con soluzioni di ultima generazione, in linea con gli obiettivi mondiali di sviluppo sostenibileROMA, Agosto 2020 - Isole di fotovoltaico marino, aquiloni in grado di sfruttare i venti ad alta quota, fondazioni per turbine eoliche (fisse e galleggianti), robot subacquei e impianti per c (continua)

Sistema elettrico italiano tra calo dei consumi e prevalenza delle FER, RSE valuta la resilienza

Sistema elettrico italiano tra calo dei consumi e prevalenza delle FER, RSE valuta la resilienza
Il dossier dimostra la grande flessibilità del sistema nonostante il più grande declino degli ultimi 70 anni, fornendo agli esperti l’occasione di suggerire alcuni spunti utili per il futuro dell'energia elettrica Le misure di blocco applicate per arginare la crisi sanitaria del COVID 19 hanno determinato in pochissimo tempo un declino senza precedenti nella domanda globale di energia. Il più grande degli ultimi 7 decenni. Uno dei cali più vistosi si è registrato in Italia, tra i primi Paesi ad esser colpito duramente dal coronavirus. I dati Terna per il mese di marzo riportano un ta (continua)

Il Bridge saluta Maria Teresa Lavazza

Il Bridge saluta Maria Teresa Lavazza
La Federazione Italiana Gioco Bridge ricorda la Signora del Bridge italiano, punto di riferimento e mecenate della disciplina “La Federazione Italiana Gioco Bridge le deve una grande parte della propria storia e dei propri successi, perché con il suo contributo al mondo del Bridge di alto livello ha permesso all’Italia di schierare spesso la più forte rappresentativa al mondo” dichiara l’Avvocato Francesco Ferlazzo Natoli – Presidente di Federazione Italiana Gioco Bridge – “Con la sapiente preziosa collaborazione t (continua)