Home > Cultura > A Sorrento si riparte dalla cultura per guardare al futuro

A Sorrento si riparte dalla cultura per guardare al futuro

scritto da: Harry di Prisco | segnala un abuso

A Sorrento si riparte dalla cultura per guardare al futuro

Comune di Sorrento e Fondazione Sorrento stringono un patto per la ripartenza


La Carta di Sorrento una sinergia fra ambiente e cultura: nel corso del “Premio Penisola Sorrentina” in programma per il  24 ottobre verrà presentato nella capitale del turismo il manifesto del Premio per la ripartenza

 

Sarà la novità assoluta della venticinquesima edizione del Premio “Penisola Sorrentina” in programma il prossimo 24 ottobre. È la “Carta di Sorrento”, il manifesto del Premio dedicato a turismo, ambiente e cultura nell’anno del Green New Deal, con cui Sorrento punta a diventare capitale italiana di una riflessione che a fine ottobre, in occasione della giornata di assegnazione dei riconoscimenti, avrà ricadute ed impatti culturali di lunga durata.

L’annuncio è stato dato a villa Fiorentino, nell’ambito della presentazione del Premio, con un confronto sul tema della bellezza che ha visto avvicendarsi al tavolo dei relatori, moderati dal giornalista Antonino Pane, il sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo, l’amministratore delegato della Fondazione Sorrento, Gaetano Milano, l’artista sannita Giuseppe Leone, l’esperto territorialista Antonio Di Gennaro, il presidente del Premio Penisola Sorrentina, Mario Esposito, ed il giurista Luigi Cerciello Renna, che ha illustrato i contenuti della Carta di Sorrento, alla cui stesura sta lavorando insieme con un board di esperti. 

Venti punti con lo scopo di programmare una ripartenza integrata tra ambiente, cultura e turismo nel dopo Covid e che saranno presentati a Sorrento, in apertura dell’evento di premiazione e che si integra anche nell’ambito delle iniziative che puntano a candidare la penisola sorrentina quale capitale Italiana della cultura 2024, così come proposto dei giorni scorsi dalla sede locale di Federalberghi. 

Nel corso delle serata è stato inoltre presentato il portfolio realizzato, per l’edizione dei venticinque anni del premio, dal fotografo siciliano Giuseppe Leone, protagonista lo scorso anno delle “Residenze artistiche”, il format collaterale della manifestazione, che ogni anno porta a Sorrento esponenti dell’arte visiva, immergendoli nel contesto, con l’obiettivo di trovare un filo comune di lettura, ispirazione, interpretazione e realizzazione di un’opera. 

E così, attraverso le immagini in bianco e nero, si incontrano i beni culturali sorrentini con il Museo Correale, il Chiostro di San Francesco e il ninfeo del Museo archeologico Georges Vallet nella vicina Villa Fondi di Piano di Sorrento. Ed ancora l’occhio fotografico del siciliano Leone restituisce il rito del matrimonio nei giardini sorrentini, oppure la liturgia delle nasse dei pescatori di Marina Grande.  Oggi il Premio è un evento cross mediale ed uno spettacolo culturale, riconosciuto dal Parlamento Europeo per la rilevanza internazionale, si conferma un appuntamento di rilievo per il mondo della cultura e dello spettacolo.

 

 

Quella del Premio “Penisola Sorrentina” è una storia partita da lontano, dietro il motore della poesia, per volontà del suo fondatore Arturo Esposito, che poi nello spazio di cinque lustri ha conquistato diversi domini: il giornalismo, lo spettacolo dal vivo, la televisione.

Significativi i riconoscimenti ed i consensi ottenuti nel corso degli anni, tra cui l’inserimento del Premio nel cartellone dei grandi eventi della Regione Campania e nell’agenda italiana dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale coordinato dal ministero per i Beni e le Attività Culturali, che anche quest’anno patrocina l’iniziativa insieme con Regione Campania e Città Metropolitana di Napoli.

Tanti sono i nomi che si sono succeduti: da Premi Oscar ad ex Capi di Stato; da scrittori, registi ad interpreti, artisti di ogni generazione, capaci nella loro trasversalità di suggerire sempre una riflessione ed un ancoraggio alla società civile, strizzando l’occhio in particolare alle nuove generazioni.

Maria Luisa Spaziani, Giovanni Raboni, Nello Risi, Marco Forti, Maurizio Cucchi, Alberto Bevilacqua, Edoardo Sanguineti, Elio Pagliarani, Walter Veltroni sono solo alcuni degli intellettuali che la kermesse è riuscita a coinvolgere.

E poi Giancarlo Giannini, Sandra Milo, Sandra Mondaini, Giuliano Gemma, Fred Murray Abraham, Nicola Piovani, Danilo Rea, Sergio Cammariere, Vanessa Gravina, Luca Barbareschi, Pippo Baudo, Giancarlo Magalli, Francesca Cavallin per restare nel mondo del cinema e dello spettacolo.

Quest’anno, con la venticinquesima edizione, il Premio “Penisola Sorrentina”, puntando sulla Bellezza e sul Paesaggio, amplia il suo perimetro e la sua area di influenza nel dibattito culturale allo scopo di contribuire ad un rilancio di immagine, in chiave di marketing culturale, della perla del Golfo di Napoli, che diede i natali al celebre poeta Torquato Tasso e che ispirò figure illustri come Nietzsche, Dickens e Caruso.

Il Premio, fondato nel 1996 dal poeta sorrentino Arturo Esposito, come appuntamento legato alla poesia: tra gli storici vincitori Maria Luisa Spaziani (la celebre “Volpe” del Nobel Eugenio Montale), Michele Sovente (Premio Viareggio), Giovanni Raboni ed Alberto Bevilacqua.

 

H di P

 

 

 

Premio Sorrentp |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Bel canto ed incanto liberty


Flavio Cattaneo (Terna): Investimenti per 800 milioni in Campania


ALBERI è la cover di ALESSANDRO GIANNINI featuring LUCA SORRENTO del pezzo del grande cantautore ENZO GRAGNANIELLO


In giro per Sorrento, cantando in carrozza


Opera e Lirica: l'azienda tutta al femminile che fa la differenza


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La Select per la Campania: «Ora serve l'aiuto delle sue aziende leader»

La Select per la Campania: «Ora serve l'aiuto delle sue aziende leader»
«Ora è il momento delle eccellenze campane, tocca a noi aiutare il sistema a non cadere perché una volta caduti, rialzarsi diventerà molto difficile» Spalla a spalla, nessuno cade. Ecco che in tempi duri come questi, le spalle forti diventano fondamentali per non far cadere un sistema che oggi stenta a sopravvivere. Campania poco felix ultimamente, tra mancanza di lavoro e una povertà che cresce causa la crisi sanitaria ed economica che sta attraversando l’Italia intera. Si fatica, molto e in attesa di un nuovo inizio. Nel frattempo ec (continua)

Mediagraf e Favini per il Calendario Storico dell’Arma dei Carabinieri 2021 un prodotto da collezione realizzato a fine benefici

Mediagraf  e Favini per il Calendario Storico dell’Arma dei Carabinieri 2021 un prodotto da collezione realizzato a fine benefici
La speciale carta prodotta in esclusiva da Favini per il calendario con fibrille visibili solamente con la luce UV rendono il prodotto anti-contraffazione La carta ecologica Crush della Favini con il 15% di residui di produzione agro-industriali in parziale sostituzione di cellulosa da albero utilizzata dalla chef Carlo Cracco    Sei alla ricerca di nuove ispirazioni per il 2021?  Chiedi alla  #Favinicollection con i campionari delle specialità grafiche: carte colorate, ecologiche, goffrate, metallizzate ideali per i (continua)

Luigi Auletta nominato coordinatore campano Wedding Confesercenti

Luigi Auletta nominato coordinatore  campano Wedding Confesercenti
Nel Mezzogiorno il wedding è fondamentale Confesercenti far sì che il Governo riconosca questa categoria che sviluppa economia Il lusso nella moda per cerimonia è prerogativa di pochi? Non necessariamente, con i marchi: Impero Couture, Impero Diamonds, Luigi Auletta, Impero Sposa, Impero Uomo, Rosi Girl e Impero Junior della “Luigi Auletta Alta Moda”. Ad Aversa, in provincia di Caserta, l’azienda fondata da Luigi Auletta nel 2000 è diventata in breve tempo il punto di riferimento nel mercato nazionale della mod (continua)

Enrico Schettino programma nuove aperture di ristoranti fuori della Campania

Enrico Schettino programma nuove aperture di ristoranti fuori della Campania
La decisione maturata dopo il brutto episodio accorso al rider campano Enrico Schettino è titolare di 18 ristoranti con il Gruppo Giappo buona parte  in Campania  Rinnovarsi per ripartire. Un tempo, per cercare di concludere migliori affari, gli imprenditori puntavano all’estero. Oggi, per un ristoratore può bastare andare fuori dalla Campania: una delle regioni in cui il settore della ristorazione ha subito limitazioni spesso più restrittive di que (continua)

Un nastro di seta lega Napoli alla Federazione Russa

Un nastro di seta lega Napoli alla Federazione Russa
La Maison Cilento 1780 continua nella coesione internazionale tramite le sue cravatte I rapporti artistici e culturali tra Napoli e la Russia risalgono  al diciottesimo secolo. Fra i primi ad apprezzare la nostra terra furono gli studenti  dell'Accademia di Belle arti di San Pietroburgo che ritrassero il Vesuvio, le marine e scorci del golfo sulle loro tele, facendo scoprire le bellezze di Napoli. Giunsero poi i primi turisti fra cui  Maksim Gor'kij, che visse (continua)