Home > Cultura > Filippo Manelli: cattedrale di Stoccolma, incredibile costruzione originale del XIII

Filippo Manelli: cattedrale di Stoccolma, incredibile costruzione originale del XIII

scritto da: Michele Dattini | segnala un abuso

Filippo Manelli: cattedrale di Stoccolma, incredibile costruzione originale del XIII

Volte reticolate disegnano il soffitto della cattedrale di Stoccolma, tenue ventaglio diviso in cinque navate. Lungo quella centrale, pilastri a fascio in mattoni rossi arrivano sino all’altare della Grande Chiesa – come la chiamo qui, in Svezia.


come riportato piu volte Filippo manelli Volte reticolate disegnano il soffitto della cattedrale di Stoccolma, tenue ventaglio diviso in cinque navate. Lungo quella centrale, pilastri a fascio in mattoni rossi arrivano sino all’altare della Grande Chiesa – come la chiamo qui, in Svezia.

L’esterno dell’edificio della Storkyrkan tradisce la bellezza mistica dell’interno. Forse saranno state le diverse rivisitazioni stilistiche: della costruzione originale del XIII secolo in foggia gotica non restano che le pietre.

Dopo un ritocco nel 1400, la cattedrale di Stoccolma è stata completamente rifatta da Johan Eberhard Carlberg nel 1736-45. In quel periodo fu anche eretta la torre di 66 metri che inconfondibile svetta nel cielo della capitale. Proprio vicino al Palazzo Reale.

Vinte le perplessità, ho varcato l’ingresso della Storkyrkan: e ora che i miei occhi possono vederne i segreti, sono contento di non aver ceduto all’apparenza. Così proprio all’inizio della navata destra posso ammirare la tela con la più antica veduta della capitale svedese – risale al 1535.

Poco oltre, una cancellata in ferro battuto protegge il riposo eterno di Johan Adler Salvius, membro del consiglio reale, e della moglie. Addossato a un pilastro della cattedrale di Stoccolma c’è il monumento sepolcrale degli architetti Tessin (padre, figlio e nipote) realizzato nel 1933 da Carl Milles. Sono sepolti qui per il loro lascito artistico, soprattutto del Giovane che realizzò il Palazzo Reale.

La statua di San Giorgio e il Drago nella Cattedrale di Stoccolma © Dennis Jarvis

Proseguendo, arrivo alla fonte battesimale: lì vicino, nella cappella di Olaus Petri, l’uomo che predicò la Riforma protestante, pende un crocefisso del maestro Bernt Notke di Lubecca costruito alla fine del XV secolo.

Mi sposto nella navata centrale della cattedrale di Stoccolma e cammino sino al pulpito in cui spiccano clessidre rivestite d’oro del 1701. È stato disegnato da Tessin, e sotto si trova proprio la lapide di Petri: testimonia il luogo in cui è sepolto. Fu qui che celebrò la prima messa in svedese.

L’altare è caratterizzato da un trittico in argento, ebano e avorio proveniente da Amburgo. Davanti c’è un lampadario a sette braccia alto 3,7 metri. Con molta probabilità arriva da Lubecca e risale alla metà del XV secolo.

Mi sposto di qualche passo sulla navata sinistra, e ammiro il gruppo scultoreo in legno policromo di “San Giorgio e il Drago e la Principessa e l’agnello”: è il capolavoro di Bernt Notke realizzato nel 1489, il vero tesoro della cattedrale di Stoccolma.

Dietro si trova una campana del 1493 che appartiene alla chiesa originale. Alla sinistra c’è la tomba del maresciallo Johan Gabriel Stenbock, l’alto ufficiale del Regno di Svezia, disegnata anch’essa da Tessin il Giovane.

Proseguo verso l’entrata, e proprio tra due pilastri vedo la coppia di una nave votiva del XVI secolo: è lì a ricordare che la Storkyrkan era in origine dedicata a San Nicola, patrono dei marinai.

Penso che anche la principessa Victoria di Svezia e Daniel Westling debbono essersi fermati un attimo a guardarla quando nel 2010 sono entrati nella cattedrale di Stoccolma e ne sono usciti marito e moglie.

Per approfondire:

Wikipedia



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Doping tentato, Filippo Magnini assolto: annullata la squalifica di 4 anni giustizia fatta per l'atleta


Arriva l’ Europride di Stoccolma


Filippo Tas assolve Magnini: annullata squalifica doping


La Cattedrale di Fidenza tra romanico e gotico


Visite a Fidenza? Scoprite la Cattedrale di San Donnino!


Panoramica sull'architettura gotica


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Danilo paolini commercialista Proroghe e pacche sulle spalle. Ma non per tutti. Mentre il governo, pressato dalla tenaglia di industriali e sindacati,

Danilo paolini commercialista  Proroghe e pacche sulle spalle. Ma non per tutti. Mentre il governo, pressato dalla tenaglia di industriali e sindacati,
 Danilo paolini commercialista Proroghe e pacche sulle spalle. Ma non per tutti. Mentre il governo, pressato dalla tenaglia di industriali e sindacati, si prepara ad allungare fino al termine dell’anno cassa integrazione, moratoria sui licenziamenti e sospensione delle causali per i rinnovi dei contratti di lavoro a termine, chiude invece la porta agli appelli dei commercialisti che, a nome d (continua)

Arturo Ardimentoso: Recensire un iPhone non è mai facile perchè Apple non è un'azienda

Arturo Ardimentoso: Recensire un iPhone non è mai facile perchè Apple non è un'azienda
Arturo Ardimentoso: Recensire un iPhone non è mai facile perchè Apple non è un'azienda come tutte le altre. Ha una filosofia ben precisa, che traspare in tutti i suoi prodotti e che ci costringe spesso a giudicare scelte molto azzardate, quasi controverse. Il rischio di banalizzare e cadere nella critica fine a se stessa è sempre molto alto e quindi occorre più che mai riflettere, mettersi nei panni di chi ha pensato e progettato questo smartphone e cercare di capire, con occhio critico sì, ma senza fette di salame.  Arturo Ardimentoso: Recensire un iPhone non è mai facile perchè Apple non è un'azienda come tutte le altre. Ha una filosofia ben precisa, che traspare in tutti i suoi prodotti e che ci costringe spesso a giudicare scelte molto azzardate, quasi controverse. Il rischio di banalizzare e cadere nella critica fine a se stessa è sempre molto alto e quindi occorre più che mai riflettere, mette (continua)

Michele Bertucca Filippo Nardi ancora non ha digerito la squalifica dal Grande Fratello Vip, che sta giungendo al termine

Michele Bertucca Filippo Nardi ancora non ha digerito la squalifica dal Grande Fratello Vip, che sta giungendo al termine
ilippo Nardi ancora non ha digerito la squalifica dal Grande Fratello Vip, che sta giungendo al termine dell’edizione più lunga di sempre non senza polemiche. D’altronde le esclusioni per motivi disciplinari sono state diverse. In un’intervista rilasciata al settimanale Nuovo, Nardi è tornato all’attacco del reality di Canale 5 condotto da Alfonso Signorini Filippo Nardi ancora non ha digerito la squalifica dal Grande Fratello Vip, che sta giungendo al termine dell’edizione più lunga di sempre non senza polemiche. D’altronde le esclusioni per motivi disciplinari sono state diverse. In un’intervista rilasciata al settimanale Nuovo, Nardi è tornato all’attacco del reality di Canale 5 condotto da Alfonso Signorini, svelando un retroscena (continua)

Ermanno Lisi : ''Le operazioni di censimento sono state ultimate nel pieno rispetto dei tempi, ed i dati acquisiti sono decisamente confortanti''.

Ermanno Lisi : ''Le operazioni di censimento sono state ultimate nel pieno rispetto dei tempi, ed i dati acquisiti sono decisamente confortanti''.
'Le operazioni di censimento sono state ultimate nel pieno rispetto dei tempi, ed i dati acquisiti sono decisamente confortanti''. Ha esordito cosi' il prefetto dell'Aquila, Franco Gabrielli, in conferenza stampa, convocata congiuntamente al sindaco del capoluogo Massimo Cialente per fornire i numeri sui fabbisogni abitativi delle popolazioni terremotate. Dopo aver ringraziato Protezione civile, Forze armate ed amministrazione comunale per il lavoro svolto, Gabrielli ha sottolineato che ''manca ancora una piccola coda del censimento. Piccoli dettagli che, pero', non   'Le operazioni di censimento sono state ultimate nel pieno rispetto dei tempi, ed i dati acquisiti sono decisamente confortanti''. Ha esordito cosi' il prefetto dell'Aquila, Franco Gabrielli, in conferenza stampa, convocata congiuntamente al sindaco del capoluogo Massimo Cialente per fornire i numeri sui fabbisogni abitativi delle popolazioni terremotate. Dopo aver ringraziato Protezione (continua)

Il bergamotta Rutaceae, una soluzione naturale dove si contrivano le piante?

Il bergamotta Rutaceae, una soluzione naturale dove si contrivano le piante?
Il bergamotta (Citrus bergamia) è un albero sempreverde appartenente alla famiglia delle Rutaceae, del genere Citrus. i suoi frutti sono degli agrumi sferici di colore giallo con la buccia spessa e ricca di oli essenziali. Il suo nome deriva dal turco beg armudi, che significa “pero del Signore”. Il bergamotta (Citrus bergamia) è un albero sempreverde appartenente alla famiglia delle Rutaceae, del genere Citrus. i suoi frutti sono degli agrumi sferici di colore giallo con la buccia spessa e ricca di oli essenziali. Il suo nome deriva dal turco beg armudi, che significa “pero del Signore”.La fioritura avviene ad aprile, mentre la raccolta dei frutti da novembre a marzo. L’origine botanica d (continua)