Home > Economia e Finanza > Mercato del petrolio, focus sul meeting OPEC+... che è stato rinviato

Mercato del petrolio, focus sul meeting OPEC+... che è stato rinviato

scritto da: Elleny | segnala un abuso


Siamo in una settimana cruciale per il futuro del mercato del petrolio. Si sarebbe dovuto tenere questo martedì il meeting virtuale tra i produttori, per decidere se e fino a quando estendere i tagli alla produzione. Ma il summit OPEC+ è stato rinviato a giovedì, perché non c'è intesa sul da farsi.

Lo scenario sul mercato del petrolio

I tagli varati in Primavera hanno consentito al mercato del petrolio di rimanere a galla durante i durissimi mesi della crisi pandemica. Non ci si può dimenticare che ad aprile il prezzo del WTI è addirittura scivolato in territorio negativo. All'epoca chi adottava una strategia opzioni binarie 60 secondi, ha fatto un bel gruzzolo puntando sui ribassi.

mercato del petrolioDa allora la situazione è decisamente migliorata, e adesso le quotazioni sono riuscite a varcare i 40 dollari al barile.
L'ultimo impulso l'ha dato la notizia della scoperta dei vaccini anti-Covid, che hanno fatto ipotizzare una ripresa economica più robusta, e quindi una maggiore domanda di petrolio.

Idee diverse all'interno del cartello

Proprio gli ultimi sviluppi hanno creato qualche divergenza di vedute tra i Paesi del cartello. I preparativi per l'incontro sono stati segnati da nuove crepe nei rapporti tra i principali membri (qui c'è la classifica dei produttori di petrolio).
L'Arabia Saudita è a favore di un'estensione dell'attuale livello di tagli alla produzione di petrolio. L'altro grande produttori, la Russia (che è estranea all'OPEC) propende invece per un graduale aumento della produzione a partire da gennaio. Diversa è anche la posizione degli Emirati Arabi Uniti, che si rende disponibile ad allungare il periodo di tagli produttivi, ma solo se tutti gli altri membri dell'OPEC rispetteranno i loro tagli.

Uno dei punti delicati riguarda proprio il rispetto da parte dei membri delle riduzioni, ma anche il pagamento dei risarcimenti promessi da quei produttori che in precedenza hanno superato i limiti di fornitura.
Alla fine è stato il ministro algerino dell'Energia, Abdelmadjid Attar, a chiedere un rinvio.

L'accordo in vigore

L'accordo concordato qualche mese fa prevede che i Paesi dovranno diminuire gli attuali tagli alla produzione di 2 milioni di barili al giorno a partire da gennaio. Ma nel frattempo c'è stata la seconda ondata di pandemia, che non ha permesso alla domanda di aumentare.

Scorte ancora elevate

Va detto che le novità riguardo ai vaccini, comunque non saranno in grado di cambiare lo scenario nei prossimi due mesi. La domanda potrà crescere solo tra qualche tempo, quando il mondo si metterà sulla strada di una reale ripresa economica. Prima di allora, il cartello dovrà fare il possibile per ridurre le scorte accumulate in questi ultimi mesi.

petrolio | opec | opzioni binarie 60 secondi |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Media for Health: M4H Breakfast Meeting obiettivi di «ascolto del paziente».


Claudio Descalzi accoglie delegazione OPEC presso la sede di Eni


Mercato del petrolio: shock dopo i dati sulle scorte


Petrolio, secondo Citigroup potrebbe scendere a 40 dollari al barile


OPEC, accordi lontani. Il petrolio continua a soffrire


Mercato del greggio, avvio di settimana in rialzo


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Economie emergenti, il 2021 potrebbe far scattare una robusta ripresa degli asset in valuta locale

Ci sono diverse dinamiche che potrebbero governare la crescita economica nei prossimi mesi. E in special modo, potrebbero dare un impulso forte alle economie emergenti, sostenendo gli asset in valuta locale.Cosa può giovare alle economie emergentiPer analizzare la situazione, bisogna tratteggiare il quadro attuale. I mercati sviluppati sono caratterizzati da politiche monetarie molto accomodanti. (continua)

Mercato dei capitali, le opportunità vanno cercate settore per settore

Negli ultimi anni è cambiato il modo di approcciare agli investimenti, perché è cambiato il mercato dei capitali. Fino a pochi anni fa c'erano differenze molto marcate tra diverse aree geografiche, anche riguardo allo stesso settore di investimento. Oggi invece queste differenze sono molto sfumate, e nello stesso settore non c'è più tanta distanza tra i vari poli geografici.Geografia e settori del (continua)

Valute digitali, il rally di Bitcoin sta trascinando ancora di più Ethereum

L'inizio del 2021 ha riservato agli appassionati delle valute digitali, le stesse soddisfazioni che c'erano state sul finire dell'anno precedente. Se i possessori di Bitcoin hanno potuto festeggiare il nuovo record oltre 34mila dollari, non sono stati meno felici i titolari di Ethereum.Il rally delle valute digitaliLa seconda più grande valuta digitale - in base alla capitalizzazione di mercato - (continua)

Banche centrali, settimana fitta di meeting di politica monetaria. Fari su FED e BoE

Sarà una settimana intensa sul fronte delle banche centrali. Tra il 14 e il 19 dicembre, gli istituti di ben 24 paesi o giurisdizioni decideranno in merito alla politica monetaria. Gli appuntamenti più importanti saranno quelli con la FED americana e con la Bank of England nel Regno Unito.Le banche centrali in meetingIn vista di questi appuntamenti, le migliori piattaforme di trading forex sono gi (continua)

Rublo russo in forte ripresa. Ha aggiornato i massimi di due mesi sul dollaro USD

La valuta moscovita si è apprezzata fino a toccare il massimo dal 17 settembre rispetto al dollaro americano Grazie alla ripresa del petrolio e alle notizie sul vaccino, il rublo russo sta andando forte. L'annuncio di Pfizer e Moderna ha dato in generale un impulso a tutte le valute emergenti, assai dinamiche al rialzo. Tuttavia, sul futuro dell'economia russa continua a pesare l'incognita Covid. Mercoledì sono stati annunciati 21.000 nuovi casi, ma soprattutto il record di 456 decessi correlati. I nume (continua)