Home > Altro > La negoziazione assistita per la modifica delle condizioni dello scioglimento del matrimonio o della cessazione degli effetti civili del matrimonio in presenza di figli minori.

La negoziazione assistita per la modifica delle condizioni dello scioglimento del matrimonio o della cessazione degli effetti civili del matrimonio in presenza di figli minori.

scritto da: Lorenzocuria86 | segnala un abuso


La Legge n. 162/ 2014 ha introdotto la possibilità di procedere alla negoziazione assistita per addivenire ad una soluzione consensuale in materia di famiglia. Spesso, nuove esigenze personali o diverse condizioni economiche comportano, per gli ex coniugi, la necessità di modificare le condizioni fissate nella sentenza di scioglimento del matrimonio o di cessazione degli effetti civili del matrimonio. In questo caso è possibile utilizzare tale mezzo stragiudiziale, anche in presenza di figli minori. 

Nella negoziazione assistita ogni parte deve essere rappresentata da un avvocato ed essa è articolata in due atti essenziali: la convenzione e l’accordo, entrambi devono avere la forma scritta. 

Nella convenzione le parti definiscono le regole della negoziazione, obbligandosi a cooperare con buona fede e lealtà.  In caso di esito positivo delle trattative le parti sottoscriveranno l’accordo. In presenza di figli minori, l’accorso deve tenere conto soprattutto dell’importanza per il figlio minore di trascorrere tempi adeguati con entrambe i genitori, contenendo l’esplicita previsione dei tempi di frequentazione, le modalità dell’affidamento e  il collocamento dei figli, nonché  del mantenimento degli stessi, delle spese straordinarie. L’accordo entro dieci giorni deve essere trasmesso al P.M. competente, il quale, se riterrà che lo stesso non leda gli interessi del figlio darà il nulla osta, altrimenti entro cinque giorni lo trasmetterà al Presidente del Tribunale, il quale, nei successivi trenta giorni, fisserà l’udienza di comparizione delle parti. 

Qualora il P.M. conceda il nulla osta, l’accordo deve essere trasmesso al Comune in cui è stato celebrato il matrimonio. L’accordo costituisce titolo esecutivo per l'iscrizione di ipoteca giudiziale.

Simona De Mauri, Avvocato a Roma

Fonti: Legge n. 162/ 2014



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Come organizzare un matrimonio in Italia


Avvocato tutela minori e donne – Studio associato Biagi


Fecondazione assistita a Roma Nuova Villa Claudia Centro PMA


Costi fecondazione assistita - dove andare a Roma – Centro PMA Nuova Villa Claudia


Cos’è la Fecondazione Assistita? quali sono le tecniche e quali i costi ...


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

IL PIGNORAMENTO IMMOBILIARE E L'ISCRIZIONE A RUOLO TELEMATICA AVANTI IL TRIBINALE DI MILANO

Nel corso dell'articolo odierno, tratteremo del procedimento esecutivo immobiliare.L'espropriazione forzata è il procedimento esecutivo che consente al creditore di far sottrarre coattivamente al debitore i suoi beni, al fine di soddisfare il proprio credito.Tale procedimento esecutivo, oltre ad essere mobiliare presso il debitore, presso terzi, può essere appunto immobiliare.Il pignoramento immob (continua)