Home > Cibo e Alimentazione > Nell'era post-lockdown Vincenzo Falcone e Gian Andrea Squadrilli aprono tre ristoranti "Covid free"

Nell'era post-lockdown Vincenzo Falcone e Gian Andrea Squadrilli aprono tre ristoranti "Covid free"

scritto da: Harry di Prisco | segnala un abuso

Nell'era post-lockdown Vincenzo Falcone e Gian Andrea Squadrilli aprono tre ristoranti

L'organizzazione del personale e degli ambienti di Golocious è interamente pensata nel rispetto delle regole dei protocolli anti-Covid nazionali e regionali


In tempi di crisi da pandemia c’è chi sceglie di aprire tre attività di ristorazione. È la storia di due giovani food influencer, Vincenzo Falcone e Gian Andrea Squadrilli, che dopo aver inaugurato il loro progetto a dicembre dello scorso anno a Sorrento, hanno deciso di non fermarsi: «Avevamo già programmato di aprire e non vogliamo assolutamente fermare il progetto, gli investimenti già erano stati fatti. Tenevamo molto anche a dare un segnale forte al settore della ristorazione che è tra quelli più colpiti. Il Covid non spegnerà il nostro sogno».

Il primo test importante è stato a Napoli (in piazza Fuga), quando inaugurarono il ristorante Golocious il primo giorno della Fase 2 a maggio, seguito da una apertura a Roma (in viale Isacco Newton, 68) a ottobre e una seconda a Napoli in via Cimarosa 144. A proseguire nell’espansione in tutta Italia della loro impresa nonostante le incertezze c’è in programma Milano nel 2021.

Un gesto coraggioso ma ponderato, una sfida partita con l’asporto e il delivery replicando un modello già funzionato con la prima apertura in lockdown. «Vediamo questo periodo come un’opportunità di farci conoscere sfruttando a pieno le nuove tecnologie con le app e la potenza dei social network per entrare nelle case di chi non ci conosce» raccontano.

Il progetto è volto a esportare in tutta Italia una nuova visione del food porn americano, che si distacca dal junk food per evolversi in prodotto d’eccellenza, frutto di costante ricerca delle materie prime e di studi sull’estetica. Per farlo hanno unito le loro esperienze nella ristorazione e nella comunicazione per dar vita al brand Golocious con la mission di far godere occhi, palato e stomaco. Come insegna c’è una bocca sorridente.

Ogni locale ha il suo format. Quello a Roma così come il primo di Napoli puntano forte su burger, carne e vino. Questa nuova apertura partenopea punta su pizza e cucina. Una pizza contemporanea che guarda alla tradizione ma strizza l’occhio all’emozione del food porn. Così come la Margherita, la Marinara e la Cosacca, troviamo anche la Nerano con crema di zucchine, la Rotolo con crocchè, fonduta di noci e bacon croccante, la Food Porn con spalla di maiale sfilacciato cotto a bassa temperatura, patate al forno, bacon croccante e fonduta di ceddar, la Crispy con salsiccia di suino locale, patate dolci americane e salsa crispy. Tutte calibrate tra estetica e gusto, anche gluten free.

 

La cucina è una rivisitazione in chiave food porn della trattoria tradizionale italiana. Ad esempio un piatto classico come la Genovese, viene realizzato con fonduta di pecorino e chips di Grana, la Gricia di baccalà, il pesto di pistacchi è arricchito da gambero crudo con datterini gialli e rossi. Tra i fritti spiccano il pacchero di Gragnano ripieno di ricotta, mortadella e pistacchio, e la croquetas di jamon con besciamella e prosciutto.

 

H  di  P

 

 

Golocious |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La Select per la Campania: «Ora serve l'aiuto delle sue aziende leader»

La Select per la Campania: «Ora serve l'aiuto delle sue aziende leader»
«Ora è il momento delle eccellenze campane, tocca a noi aiutare il sistema a non cadere perché una volta caduti, rialzarsi diventerà molto difficile» Spalla a spalla, nessuno cade. Ecco che in tempi duri come questi, le spalle forti diventano fondamentali per non far cadere un sistema che oggi stenta a sopravvivere. Campania poco felix ultimamente, tra mancanza di lavoro e una povertà che cresce causa la crisi sanitaria ed economica che sta attraversando l’Italia intera. Si fatica, molto e in attesa di un nuovo inizio. Nel frattempo ec (continua)

Mediagraf e Favini per il Calendario Storico dell’Arma dei Carabinieri 2021 un prodotto da collezione realizzato a fine benefici

Mediagraf  e Favini per il Calendario Storico dell’Arma dei Carabinieri 2021 un prodotto da collezione realizzato a fine benefici
La speciale carta prodotta in esclusiva da Favini per il calendario con fibrille visibili solamente con la luce UV rendono il prodotto anti-contraffazione La carta ecologica Crush della Favini con il 15% di residui di produzione agro-industriali in parziale sostituzione di cellulosa da albero utilizzata dalla chef Carlo Cracco    Sei alla ricerca di nuove ispirazioni per il 2021?  Chiedi alla  #Favinicollection con i campionari delle specialità grafiche: carte colorate, ecologiche, goffrate, metallizzate ideali per i (continua)

Luigi Auletta nominato coordinatore campano Wedding Confesercenti

Luigi Auletta nominato coordinatore  campano Wedding Confesercenti
Nel Mezzogiorno il wedding è fondamentale Confesercenti far sì che il Governo riconosca questa categoria che sviluppa economia Il lusso nella moda per cerimonia è prerogativa di pochi? Non necessariamente, con i marchi: Impero Couture, Impero Diamonds, Luigi Auletta, Impero Sposa, Impero Uomo, Rosi Girl e Impero Junior della “Luigi Auletta Alta Moda”. Ad Aversa, in provincia di Caserta, l’azienda fondata da Luigi Auletta nel 2000 è diventata in breve tempo il punto di riferimento nel mercato nazionale della mod (continua)

Enrico Schettino programma nuove aperture di ristoranti fuori della Campania

Enrico Schettino programma nuove aperture di ristoranti fuori della Campania
La decisione maturata dopo il brutto episodio accorso al rider campano Enrico Schettino è titolare di 18 ristoranti con il Gruppo Giappo buona parte  in Campania  Rinnovarsi per ripartire. Un tempo, per cercare di concludere migliori affari, gli imprenditori puntavano all’estero. Oggi, per un ristoratore può bastare andare fuori dalla Campania: una delle regioni in cui il settore della ristorazione ha subito limitazioni spesso più restrittive di que (continua)

Un nastro di seta lega Napoli alla Federazione Russa

Un nastro di seta lega Napoli alla Federazione Russa
La Maison Cilento 1780 continua nella coesione internazionale tramite le sue cravatte I rapporti artistici e culturali tra Napoli e la Russia risalgono  al diciottesimo secolo. Fra i primi ad apprezzare la nostra terra furono gli studenti  dell'Accademia di Belle arti di San Pietroburgo che ritrassero il Vesuvio, le marine e scorci del golfo sulle loro tele, facendo scoprire le bellezze di Napoli. Giunsero poi i primi turisti fra cui  Maksim Gor'kij, che visse (continua)