Home > Cultura > Federico Motta Editore: il lavoro di Barbieri dedicato alla storia del fumetto

Federico Motta Editore: il lavoro di Barbieri dedicato alla storia del fumetto

scritto da: Articolinews | segnala un abuso

Il Fumetto, pubblicato all’interno dell’opera Età Moderna di Federico Motta Editore, conduce il lettore in un viaggio alla ricerca delle origini di uno dei media più recenti


Da intrattenimento a vera e propria forma d'arte: l'evoluzione del fumetto nell'opera di Federico Motta Editore.

Federico motta editore

Federico Motta Editore: la nascita del fumetto

Uno dei primi intellettuali che in Italia ha riconosciuto il fumetto come espressione artistica è stato Umberto Eco, che ha dedicato al medium alcuni capitoli del suo Apocalittici e integrati. Era il 1964: fino a quel momento, nel Paese i comics erano considerati ancora semplici forme di intrattenimento. All'interno del saggio Il Fumetto, pubblicato da Federico Motta Editore, il semiologo Daniele Barbieri racconta le origini di uno dei media più popolari e la sua diffusione in Italia. Origini che risalgono agli ultimi anni dell'800: fu infatti l'illustratore statunitense Richard Felton Outcault a inventare il caratteristico "balloon" (la nuvoletta) nel 1986 e a dare vita al primo personaggio dei fumetti, Yellow Kid. Nei primi anni del '900 si assiste ad un boom del nuovo genere, in particolare negli Stati Uniti, dove nasceranno personaggi come Mickey Mouse, Popeye e Betty Boop. Come si evince dal contributo di Federico Motta Editore, inizialmente i fumetti vengono per la maggior parte pubblicati sotto forma di strisce o supplementi dei giornali, con una predilezione per il genere comico (da questo il nome "comics"): bisognerà infatti attendere gli anni '30 per avere i primi albi dedicati.

Federico Motta Editore: la diffusione del fumetto

Ed è proprio nel decennio che precede la Seconda Guerra Mondiale che il fumetto inizia a diffondersi in Europa. Sono ancora gli Stati Uniti ad essere la patria più produttiva per questo genere. In quella che viene definita l'età dell'oro dei comics americani, si legge nel contributo di Federico Motta Editore, vedono la luce fumetti come Tarzan, Mandrake, Flash Gordon e classici senza tempo come Superman, Batman e Capitan America. In Italia nel frattempo nascono i primi personaggi, come ad esempio Jumbo e il noto Dick Fulmine. Bisognerà attendere la fine del conflitto per assistere ad un'evoluzione: ne è un esempio la nascita di Tex nel 1948, fumetto storico della Bonelli ancora oggi in edicola. Ma il vero cambio di passo nel Paese arriva negli anni '60, con la nascita della rivista Linus, che portò i lettori italiani a conoscere il fumetto d'autore: sono gli anni di Crepax, Jacovitti, Manara e Pazienza. In quel periodo, spiega Daniele Barbieri nel suo lavoro pubblicato da Federico Motta Editore, anche negli Stati Uniti si assiste ad un passaggio fondamentale per il genere: Stan Lee arriva a dirigere la Atlas Comics, trasformandola in Marvel, e a creare personaggi come Spiderman, gli X-Men e i Fantastici Quattro.


Fonte notizia: https://www.riflettorisu.it/societa/aziende/federico-motta-editore-la-storia-del-fumetto-da-yellow-kid-ai-supereroi-moderni


Federico Motta Editore |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Ennio Morricone: Federico Motta Editore lo celebra in un saggio pubblicato su “L’Età Moderna”


Milano, Federico Motta Editore nella poesia di Michele De Luca


Paperino: la narrazione di Federico Motta Editore nell’Enciclopedia Motta Disney


Da Cliché Motta a Federico Motta Editore: la storia della Casa Editrice milanese


Federico Motta Editore: corsi di lingua inglese pensati per bambini


Federico Motta Editore: un racconto innovativo della storia


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Pulizia, decoro e sicurezza: proseguono gli incontri di Pietro Vignali nei quartieri di Parma

Pulizia, decoro e sicurezza: proseguono gli incontri di Pietro Vignali nei quartieri di Parma
Parma, Pietro Vignali: “Presidi nelle strade e nelle piazze, eventi culturali diffusi e riqualificazioni restituiranno serenità, quindi pulizia, decoro e rilancio economico” Parma: sicurezza, degrado e rilancio economico. L'ex Sindaco Pietro Vignali partecipa alla costituzione dell'associazione "Rinasce l'Oltretorrente" per promuovere la riqualificazione della città.Pietro Vignali: nuove associazioni per far rinascere i quartieriEx Sindaco di Parma, Pietro Vignali è secondo molti il possibile candidato per il centro destra in vista delle elezioni c (continua)

Trasformazione digitale nella PA: la riflessione di Davide D’Arcangelo su “Formiche”

Trasformazione digitale nella PA: la riflessione di Davide D’Arcangelo su “Formiche”
La Pubblica Amministrazione come acceleratore della crescita in Italia: l’editoriale di Davide D’Arcangelo sul ruolo del Public innovation manager Investor relator e Innovation Manager di grande esperienza, Davide D'Arcangelo è Founder di Next4 e Vicepresidente di Impatta. In un recente intervento su "Formiche" ha esaminato l'importanza del Public innovation manager per la trasformazione della PA.Davide D'Arcangelo: PA acceleratore della crescita, puntare su innovation managementNel processo di trasformazione e transizione digitale (continua)

Riva Acciaio: oltre 60 anni di alta qualità e innovazione

Riva Acciaio: oltre 60 anni di alta qualità e innovazione
Grazie agli investimenti in ricerca e sviluppo e alle numerose certificazioni ottenute, Riva Acciaio garantisce prodotti di alta qualità. L’azienda conta oggi cinque stabilimenti sul territorio nazionale L'attività di Riva Acciaio ha inizio nel 1954: oggi i cinque stabilimenti e gli oltre 1.000 dipendenti generano prodotti siderurgici di alta qualità non solo per il mercato italiano, ma anche per quello europeo.Riva Acciaio: una storia lunga più di 60 anniNata nel 1954 dal grande intuito dei fratelli Emilio e Adriano, Riva Acciaio vanta un'esperienza di oltre 60 anni nel settor (continua)

Dopo un 2020 difficile, Gruppo Riva riparte con un investimento da 88 milioni di euro

Dopo un 2020 difficile, Gruppo Riva riparte con un investimento da 88 milioni di euro
88 milioni di euro è la cifra messa in campo da Gruppo Riva per ripartire al meglio dopo un anno e mezzo di pandemia e il fatturato ritorna su Il primo operatore siderurgico italiano, Gruppo Riva, crede nella ripresa, nella quale ha investito 88 milioni di euro: i numeri del primo trimestre sembrano confermare che sia stata la scelta giusta.Gruppo Riva: un anno e mezzo difficile per tuttiLa pandemia ha messo a dura prova tutti i comparti economici, che hanno subito un brusco arresto. Nei primi mesi del 2021 si è potuto assistere ad (continua)

House to House, l’impegno per il benessere delle persone e per l’ambiente

House to House, l’impegno per il benessere delle persone e per l’ambiente
L’attenzione per le persone e per il Pianeta nei prodotti di House to House: l’azienda punta a garantire standard elevati nella creazione di prodotti che contribuiscano al benessere delle persone Innovazione e sostenibilità a servizio del benessere delle persone: la filosofia di House to House, specializzata in elettrodomestici e prodotti naturali per il bucato.House to House punta al benessere delle persone investendo in innovazione e sostenibilitàInnovare per rinnovare. È la filosofia di House to House, azienda specializzata in elettrodomestici e prodotti naturali per il bucato (continua)