Home > Arte e restauro > Daniel Mannini: il magico cromatismo pittorico

Daniel Mannini: il magico cromatismo pittorico

scritto da: Elenagolliniartblogger | segnala un abuso

Daniel Mannini: il magico cromatismo pittorico


 “È certamente una speciale effusione colorata e un particolare tripudio cromatico quello che contraddistingue e caratterizza la dinamica formula espressiva della pittura di Daniel Mannini”. Così esordisce la Dott.ssa Elena Gollini nel porre in evidenza la componente primaria e imprescindibile, che domina incontrastata all'interno del paradigma narrativo prospettato da Mannini. E ancora, proseguendo nell'articolata proiezione di analisi critica approfondita e accurata ha dichiarato: “Daniel ha un forte e intenso potenziale comunicativo, che viene fatto confluire e convogliare e viene canalizzato attraverso la componente cromatica sapientemente combinata e intrecciata in perfetta alchimia di sfumature tonali e alternando con ricercata capacità e padronanza anche le funamboliche fusioni chiaroscurali, dove luci e ombre vengono a stratificarsi in coesione di legame con la variegata gamma colorata. Ritengo, che opportunamente si possa qualificare come un magico cromatismo, proprio perché Daniel partendo dalla tavolozza cromatica anima e alimenta tutta la sferzante ed energica vitalità compositiva e trova stimolanti chiavi di lettura da proporre e da offrire a se stesso in primis e di rimando allo spettatore, che viene subito avvolto e catapultato dentro la sintesi rappresentativa di matrice astratto-informale e viene catalizzato in toto quasi come in uno stato ipnotico, in una dimensione estatica davvero impattante, che diventa uno stato di suggestione sublime e sublimata. Il colore diventa dunque il filo conduttore portante della avvincente poetica visionaria di Daniel e acquista un ruolo cardine da protagonista assoluto per apportare quello slancio frizzante di energia viva e pulsante. Il colore vive e si ravviva dentro le immagini, che ciascuno può individuare e può scoprire in modo sorprendente e anche inatteso e inaspettato. Chi guarda con attenzione e con curiosità sensibile le creazioni viene subito rapito e catturato dallo splendore luminoso delle colorazioni e definisce un proprio personale e soggettivo alfabeto e registro linguistico all'interno del palinsesto rievocativo, che gli consente di delineare un proprio codex cifrato peculiare ed esclusivo di approccio interpretativo e di dare vita a sua volta ad un proprio specifico racconto, ad una proliferazione fertile e feconda di pensieri, emozioni e sentimenti nel tumulto del moto dell'anima e nel ritmo permeante e compenetrante delle sequenze sceniche. Daniel approda sempre a soluzioni eterogenee e riesce a spaziare e a intercalare prospettive originali, senza mai risultare ripetitivo e standardizzato. Il suo intento è proprio quello di soddisfare con piacere se stesso come fautore-artefice e di infondere e trasmettere altrettanta piacevole soddisfazione nello spettatore, che gode appieno del momento fruitivo e al contempo immette il suo cuore, la sua mente e la sua anima dentro le opere”.


Fonte notizia: https://www.elenagolliniartblogger.com/daniel-mannini


Daniel mannini | mannini | artista | arte | opere | opera | firenze | toscana | astratto | astrattismo | dripping | quadro | quadri | elena gollini | gollini | artist | exhibition | mostre | italia | italiano |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La pittura di Daniel Mannini nella straordinaria danza cromatica


Daniel Mannini: vitalità interiore e dinamismo vigoroso


Daniel Mannini: artista-pittore dei nostri giorni


Daniel Mannini: una pittura di profonde sensazioni


Daniel Mannini: la sua arte in continua sperimentazione


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Davide Quaglietta: arte fonte di virtù aggregativa

Davide Quaglietta: arte fonte di virtù aggregativa
 Viene naturale pensare, che chi si cimenta nella produzione artistica, sia essa pittorica, scultorea, fotografica o di qualunque altra libera espressione creativa, abbia il desiderio e l'aspirazione di intraprendere un percorso di ricerca virtuosa, con ideali e principi cardine di valore da sostenere e divulgare. Purtroppo, però non sempre poi strada facendo i buoni propositi iniziali v (continua)

Cecilia Martin Birsa: un'arte scultorea all'insegna della condivisione universale

Cecilia Martin Birsa: un'arte scultorea all'insegna della condivisione universale
 “Quando si parla di arte declinata in chiave contemporanea è fondamentale mettere in luce anche l'orientamento d'ispirazione e la prospettiva di vedute, che ottiene attraverso una condivisione di impronta universale, affinché possano essere gettate le fondamenta e le basi per darle l'ampio respiro, che l'artista desidera e ambisce riscuotere al presente e al contempo garantirle anche un (continua)

Federico Marchioro: pubblicata online la sua mostra “Unconventional Art Mood”

Federico Marchioro: pubblicata online la sua mostra “Unconventional Art Mood”
 «“Unconventional Art Mood” mai titolo fu più calzante per canalizzare l'eclettica e poliedrica ispirazione creativa di Federico Marchioro, artista a tutto campo, che si cimenta con positivi riscontri nell'ambito della pittura contemporanea di radice informale-non convenzionale». La Dott.ssa Elena Gollini approfondisce nel merito alcune valutazioni critiche in virtù della pubblicazione (continua)

Daniel Mannini: giochi di luce e di energia declinati in pittura

Daniel Mannini: giochi di luce e di energia declinati in pittura
 “Volendo utilizzare una terminologia in chiave metaforica, direi molto calzante, per definire Daniel Mannini nella sua visionarietà pittorica si può parlare di un corollario di giochi di luce e di energia, che si manifestano e si propagano profondendo tutto intorno vibrazioni e pulsioni molto avvolgenti e penetranti”. La Dott.ssa Elena Gollini analizza con approfondite considerazioni cr (continua)

Cecilia Martin Birsa: un'arte scultorea tra magia e poesia

Cecilia Martin Birsa: un'arte scultorea tra magia e poesia
 “Quando penso a Cecilia Martin Birsa nel momento catartico dell'atto e del gesto creativo mi immagino tutta la cura e la premura certosina con la quale plasma e modella la materia, stemperandone la solida robustezza corposa e modulandone il volume e la densità, per ottenere un eccellente risultato, che fonde insieme perizia tecnica e padronanza strumentale a fantasioso estro e spiccata (continua)