Home > News > La gestione documentale delle cartelle cliniche (ai tempi del Covid-19)

La gestione documentale delle cartelle cliniche (ai tempi del Covid-19)

scritto da: GiadaRossi | segnala un abuso

La gestione documentale delle cartelle cliniche (ai tempi del Covid-19)

Mangrovia Blockchain Solutions dedica un ringraziamento a tutti i professionisti che ci hanno aiutato nella stesura di questo articolo, condividendo dati, informazioni, ma anche esperienze personali.


La collaborazione è di fondamentale importanza per il lavoro portato avanti. Chiunque nel suo piccolo può contribuire alla nostra attività di ricerca volta ad aiutare il settore sanitario nel processo di digitalizzazione compilando il seguente questionario.

I risultati raccolti verranno condivisi in forma anonima con tutti i partecipanti.

 

In piena emergenza, il carico di lavoro e le condizioni, la scarsità di mezzi, strumenti, strategie e la carenza di risorse umane hanno evidenziato le falle di un sistema sanitario obsoleto.

La recente pandemia sta facendo affiorare con sempre maggior drammaticità una serie di inefficienze legate alla gestione delle informazioni in ambito sanitario, rendendo di conseguenza sempre più ineludibile una radicale opera di rinnovamento dei modelli e degli strumenti adottati da operatori e pazienti nell’ambito della gestione dei dati, anche nei paesi più evoluti dal punto di vista tecnologico.

Non è d’altronde solo il dramma del Covid-19 ad aver reso strettamente necessario l’avvio immediato di una fase di trasformazione in chiave digitale della gestione documentale in ambito sanitario. Ulteriori fenomeni socio-economici più strutturali in atto ormai da decenni - come la riduzione degli investimenti pubblici, l’aumento dell’aspettativa di vita, l’elevata mobilità delle persone e la crescita delle informazioni acquisite nei processi di gestione sanitaria del paziente - hanno infatti già ampiamente messo in luce la necessità di adottare nuovi modelli digitalizzati.

Il quadro normativo in Italia: CEE e FSE

Rispetto al tema della gestione elettronica delle cartelle cliniche, ad esempio, il sistema politico ha tentato negli anni scorsi di imprimere un’accelerazione verso la digitalizzazione del sistema, recependo gli obiettivi dell’Unione Europea contenuti nell’Action Plan eHealth 2004.

Ciò è avvenuto attraverso l’istituzione del Codice dell’Amministrazione Digitale (2005) e, successivamente, delle Cartelle Cliniche Elettroniche e del Fascicolo Sanitario Elettronico, con cui regioni e province autonome potessero unificare la raccolta dei dati e documenti digitali di tipo sanitario e sociosanitario dei pazienti, generati da eventi clinici presenti e trascorsi, e migliorare di conseguenza non solo i processi di prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione, ma anche quelli relativi alla ricerca scientifica in campo medico, biomedico ed epidemiologico, alla programmazione sanitaria, e al monitoraggio della qualità delle cure e dell’assistenza sanitaria.

Più recentemente (2019) la Commissione Europea ha diffuso una serie di raccomandazioni in conformità al Regolamento 2016/679, utili a indirizzare a livello nazionale lo sviluppo di un formato europeo standardizzato per lo scambio delle cartelle cliniche informatizzate (EHR), al fine di garantire, in maniera sicura, interoperabile e transfrontaliera, la trasmissione di dati sanitari elettronici.

Il vicepresidente del mercato unico digitale Andrus Ansip sul tema ha inoltre dichiarato:

"Le persone chiedono un accesso online sicuro e completo ai propri dati sanitari, ovunque si trovino. I professionisti sanitari hanno bisogno di cartelle cliniche affidabili per fornire un trattamento più informato e più rapido. I sistemi hanno bisogno di maggiori risorse per la migliore assistenza personalizzata. Insieme dobbiamo accelerare e sviluppare lo scambio sicuro di cartelle cliniche elettroniche in tutta l'UE: ciò migliorerà la vita dei cittadini e aiuterà gli innovatori a trovare la prossima generazione di soluzioni digitali e trattamenti medici.”

Lo scenario applicativo in Italia: luci e ombre

Osservando il contesto del nostro Paese risulta chiaro come questo processo di trasformazione si sia purtroppo realizzato solo marginalmente. Mentre la diagnostica per immagini e la raccolta di dati riferiti al paziente in occasione dei ricoveri sono di uso comune, gli altri aspetti destinati a completare il quadro e rendere veramente efficiente la digitalizzazione sono trascurati.

Alla base del problema vi è sicuramente una particolarità della legislazione italiana, ovvero la ripartizione delle competenze tra Stato/Regioni, in questo contesto mal definita. Manca infatti un quadro normativo unitario che possa guidare le strutture sanitarie pubbliche e private nel processo di dematerializzazione a norma delle cartelle cliniche cartacee e nella gestione digitalizzata a monte di tale documentazione. Ciò, inoltre, ha generato anche una notevole frammentazione delle scelte di carattere tecnologico adottate dai diversi sistemi sanitari locali.

Una recente ricerca condotta dall’Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità della School of Management del Politecnico di Milano mostra un consolidamento del trend di crescita della spesa per la sanità digitale, con un +7% nel 2019 dopo il +2% dell’anno precedente, raggiungendo un valore complessivo di € 1,39 miliardi. Sono le strutture sanitarie a sostenere la quota più rilevante della spesa, con investimenti pari a 970 milioni di euro (+9% rispetto al 2017), seguite dalle Regioni con 330 milioni di euro (+3%), dai medici di Medicina Generale con 75,5 milioni (+4%), e dal Ministero per la Salute con 16,9 milioni di euro (contro i 16,7 milioni nel 2017).

healthcare | cartelle cliniche elettroniche | gestione documentale | trasformazione digitale | innovazione |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

GUIDA: visualizzare cartelle nascoste su Windows. Due metodi utili


Il sistema di gestione documentale intelligente e sicuro by Mangrovia


COVID-19 e rischio coagulazione, nasce il primo registro italiano dei pazienti a cura degli scienziati della Fondazione Arianna Anticoagulazione


CONCORSO INTERNAZIONALE DI POESIA "LA MIA TERRA


COVID e Cuore: nuovo portale web per supportare gli specialisti


Analisi cliniche e di laboratorio Poliambulatori Lazio


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Ecco AGNES, l'hub energetico verde per il Mare Adriatico

Ecco AGNES, l'hub energetico verde per il Mare Adriatico
Il progetto, firmato Saipem, mira a riconvertire le piattaforme offshore al largo delle coste di Ravenna per creare un maxi distretto marino integrato a base di rinnovabili Riconversione, sviluppo sostenibile ed energie rinnovabili. Sono tre dei pilastri della Transizione ecologica e sembra proprio che al largo delle coste ravennati coesisteranno tutti in uno degli hub energetici più avanzati d’Europa. Dalla partnership tra Saipem e Quint’x, azienda italiana specializzata da più di 20 anni nelle energie rinnovabili, nasce Agnes (Adriati (continua)

È ARRIVATO IL MOMENTO DELLA REMISE EN FORME! MA ATTENZIONE AL REVENGE SPENDING

È ARRIVATO IL MOMENTO DELLA REMISE EN FORME! MA ATTENZIONE AL REVENGE SPENDING
Il sondaggio dell’esperto del debito KRUK rivela – L’87% degli italiani non ha messo da parte i soldi per la remise en forme, in vista della bella stagione Lockdown a singhiozzo, limitazioni dell’attività fisica e il tempo trascorso in casa hanno portato molti a “trascurarsi”, ma con l’arrivo della primavera torna la voglia di rimettersi in forma per affrontare i prossimi mesi con una nuova energia. KRUK, l’esperto del debito, ha indagato attraverso un sondaggio quali saranno i comportamenti degli italiani per quanto riguarda la remise en forme (continua)

DANIEL CARRERA NOMINATO NUOVO PRESIDENTE DI UPS EUROPA

DANIEL CARRERA NOMINATO NUOVO  PRESIDENTE DI UPS EUROPA
UPS ha nominato Daniel Carrera nuovo Presidente di UPS Europa. Nel suo nuovo ruolo Carrera sarà a capo delle operazioni e di oltre 50.000 UPSer in 56 paesi e territori. Nel corso della pandemia, la regione europea ha proseguito il suo percorso di crescita come hub globale del network di UPS, soddisfacendo la crescente richiesta di e-commerce e svolgendo un ruolo chiave nella consegna dei vacc (continua)

CRESCE IL TEAM DI VGP ITALIA: NUOVE ASSUNZIONI E UNA VISION AZIENDALE SEMPRE PIÙ ORIENTATA ALLA SOSTENIBILITÀ

CRESCE IL TEAM DI VGP ITALIA: NUOVE ASSUNZIONI E UNA VISION AZIENDALE SEMPRE PIÙ ORIENTATA ALLA SOSTENIBILITÀ
Nell'ottica di ampliare il processo di sviluppo aziendale, VGP Italia ha in programma nuove assunzioni per il 2021 e pone tra le sue priorità una politica fortemente orientata al rispetto dell'ambiente, attraverso soluzioni sostenibili e innovative. Il team di VGP Italia sta puntando ad assumere professionisti ancor più specializzati e qualificati in linea con l’impegno dell'azienda verso p (continua)

Così Saipem si impegna per la transizione low-carbon

Così Saipem si impegna per la transizione low-carbon
Clima e impatto ambientale, standard etici, persone e valore sociale: i pilastri della sostenibilità d’impresa I business leader devono mettere al primo posto la sostenibilità d’impresa se vogliamo realizzare “società più resilienti, sane ed inclusive” post COVID-19. La pandemia d’altronde ha agito  da evidenziatore di criticità e da acceleratore di cambiamento: da un lato sta moltiplicando gravi impatti economici e sociali e dall’altro sta rafforzando processi già in atto e facendo emergere con (continua)