Home > Moda e fashion > Dalla moda le immagini, dalle immagini il sogno di Francesca Cappelletti Haute Couture

Dalla moda le immagini, dalle immagini il sogno di Francesca Cappelletti Haute Couture

Dalla moda le immagini, dalle immagini il sogno di Francesca Cappelletti Haute Couture
Francesca Cappelletti Haute Couture, dalla moda le immagini, dalle immagini un sogno Giovinezza come speranza, come fede, come futuro, «La giovinezza di noi tutti è un sogno, una forma di follia chimica» come scriveva Francis Scott Fitzgerald, e sicuramente nel DNA del brand Francesca Cappelletti Couture, un team al femminile costituito da madre e figlia si riscontra una follia chimica fatta di glamour, professionalità, bellezza, cura dei dettagli, imprenditoria. Francesca Cappelletti, un brand da più di 25 anni nella moda, il nome della figlia abbinato al cognome della madre per il logo di un brand che si sta facendo strada in Italia e all’estero, portando un messaggio di bellezza, ambasciatrici della nostra creatività made in Italy, il nostro sapere, attingendo alle radici che le due stiliste portano dentro, una sorta di nostalgia lieve e struggente … quasi senza volerlo hanno saputo imporsi nello scenario internazionale della moda in un momento in cui lo chic non era un’opinione, ma un’esigenza assoluta. Una storia al femminile, che va dalle “24 Hours of Elegance a Belgrado”, a Vienna, Parigi, in Russia, in Italia, al Ballo delle Debuttanti russo al Glosvenor House di Londra, alla recente sfilata nella chiesa sconsacrata di Torre del Re a Bologna, aperture di show room e punti vendita, sfilate in tutta Europa, portando avanti quello che è il tratto caratterizzante del brand, l’occhio attento al prodotto, con un'attenta selezione di filati e accessori, studio accurato di modellistica e fitting, collaborazione con realtà artigiane locali con anni di esperienza. La sede stilistica di Francesca Cappelletti Haute Couture si trova a Cesena, i modelli, una volta disegnati, vengono poi realizzati artigianalmente in vari laboratori sparsi in Emilia Romagna. Abiti che scivolano, preziosi, sul red carpet, hanno il potere di sospendere il tempo, rendere immortale un’espressione, un modo di porsi, un soffio di vento, costruendo una silhouette umana avvolta da un fiero senso di leggiadria mentre veli di stoffe accarezzano un corpo plastico nelle sue pose, che non ha timore di mostrarsi nella sua sinuosità, quasi a diventare una statua vivente. Donne leggiadre, sinuose, sfilando sembrano nuvole d’aria che definiscono ogni singola piega dell’abito per incorniciare un volto che mostra infinite espressione, come infinite sono le emozioni che una donna è in grado di provare. Gli abiti di Francesca Cappelletti Couture scivolano via, rivelando istanti, pose, flash di colore, su una donna bellissima, per scoprirsi e riscoprirsi nella propria essenza, per lasciare che quella parte di noi definita anima si mostri al mondo, fiera nella sua forma umana mentre l’incessante costruzione di sé modella corpo e mente. Francesca Cappelletti Haute Couture info@francescacappelletti.it +39 0547 384772 +39 333 9885750 Via Giordano Bruno, 47521 Cesena Italy Crediti ph: Edoardo Tranchese - I Tranchese Fotografi Press: Cristina Vannuzzi

fashion | artiginato | made in Italy |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Marina Corazziari & Friends con l'ispirazione di Gianni Versace


A Bari "Love on the Skin" Arte, Moda e Dialoghi dal Mondo....


Red - Carpet Spotlight Steps Up Gala Dressing


SELLARONDA SKIMARATHON TARGATA VALTELLINA: HOLZKNECHT-BOSCACCI COPPIA D’ORO A CORVARA (BZ)


Le novità editoriali primaverili della casa editrice Rupe Mutevole Edizioni


IL TATTOO E’ ARTE?


 

I più cliccati

Stesso autore

Natale di solidarietà con gli allievi del Centro Ippico Toscano

Natale di solidarietà con gli allievi del Centro Ippico Toscano
A FIRENZE UN NATALE DIVERSO IL CENTRO CITTADINO PERCORSO DAGLI ALLIEVI DEL CIT VESTITI DA BABBO NATALE SUI CAVALLINI DEL CENTRO IPPICO TOSCANO Venerdì 15 dicembre prossimo, 10 fra cavalli e pony del Centro Ippico Toscano, montati dagli allievi della scuola del CIT, allievi grandi e piccini vestiti da Babbo Natale, che attraverseranno la città, partendo alle ore 14.30 da via del Curtatone, Lung (continua)

La pizza napoletana entrata nel Patrimonio dell'Unesco

La pizza napoletana entrata nel Patrimonio dell'Unesco
L'Unesco consacra la pizza: l'arte del pizzaiolo napoletano è patrimonio culturale dell'umanità Ad annunciarlo su twitter il Ministro Martina. La pizza è il settimo "tesoro" italiano ad essere iscritto nella Lista del patrimonio immateriale dell'Unesco. L'elenco tricolore comprende anche l'Opera dei pupi (iscritta nel 2008), il Canto a tenore (2008), la Dieta mediterranea (2010) l'Arte del (continua)

Il Rifrullo nella movida Fiorentina

Il Rifrullo nella movida Fiorentina
IL RIFRULLO Anche il nome sembra un gioco, un battito d’ali, una danza in punta di piedi, una carezza lieve, un bambino che tarda a prendere sonno e ti inventi una ninna nanna ….. e allora….il rifrullo! Sembra quasi una cantilena di fiabe popolate di elfi e gnomi, fate gentili, novella leggera come una farfalla, che evoca colori e battiti di ali, mossi da un refolo di vento, sembra uscito da un (continua)

Pura Delizia Cioccolato Artigianale ad Artimino

Pura Delizia Cioccolato Artigianale ad Artimino
ASCOLTARE LA FRAGRANZA DEL CIOCCOLATO…… Pura Delizia Cioccolato Artigianale alla Chaine Francigena Toscana Dolce, amaro, nero come la notte, bianco come il vestito di una sposa, un sapore fragrante, una tentazione maliziosa e sensuale……aa in scena Pura Delizia Cioccolato Artigianale ad Artimino “La Chaîne Toscana Francigena”, in un evento che abbina la cucina italiana con l’arte, lo s (continua)

febbraio 2018 torna la grande boxe a Firenze

 febbraio 2018 torna la grande boxe a Firenze
IL MANDELA FORUM A FIRENZE L'educazione è l'arma più potente che si può usare per cambiare il mondo Nelson Mandela Il 13 aprile 2016 l’associazione Palasport Firenze delibera la modifica del nome da “Associazione Palasport Firenze” ad “Associazione Nelson Mandela Forum”. L’atto è la naturale conseguenza della deliberazione di giunta N. 2014/G/00180 con cui si disponeva di assegnare la de (continua)