Home > Lavoro e Formazione > Un percorso formativo per i responsabili del rischio amianto

Un percorso formativo per i responsabili del rischio amianto

Un percorso formativo per i responsabili del rischio amianto

Comunicato Stampa

Un percorso formativo per i responsabili del rischio amianto

 

Un corso a Brescia il 13, 14 e 15 marzo 2018 per formare il responsabile del rischio amianto e favorire le conoscenze per la localizzazione, la caratterizzazione e la valutazione dei manufatti contenenti amianto.

 

Nel nostro paese sono ancora molte le strutture edilizie in cui sono in opera manufatti e/o materiali contenenti amianto dai quali può derivare una esposizione a fibre aerodisperse, specialmente in attività edili di ristrutturazione o demolizione di edifici. E le “fibre killer” dell’amianto, responsabili di varie patologie ad esito anche mortale, non sempre sono facilmente localizzabili e si annidano, oltre che nelle coperture, anche all’interno di strutture o finiture.

 

Proprio in relazione ai rischi correlati alla presenza di amianto nelle strutture edili, il Decreto ministeriale 6 settembre 1994, impone al proprietario dell'immobile e/o al responsabile dell'attività che si svolge sull’immobile, qualora si riscontri la presenza di materiali contenenti amianto (MCA), la nomina di una ‘figura responsabile con compiti di controllo e coordinamento di tutte le attività manutentive che possono interessare i materiali di amianto’, il cosiddetto “Responsabile del Rischio Amianto” (RRA).

 

Il problema è che per questa figura così importante, con competenze in materia di conoscenza e valutazione dei rischi correlati all’amianto, la normativa nazionale non ha ancora indicato il percorso formativo necessario e abilitante. E anche a livello regionale per la figura del Responsabile del Rischio Amianto - da non confondere con le figure degli addetti/coordinatori (30/50 ore) che si occupano delle attività di rimozione, smaltimento e bonifica - non sono state ancora emanate normative con indicazioni chiare su durata, enti formatori e contenuti dei corsi di formazione.

 

In relazione a queste lacune normative, per permettere un adeguato percorso di formazione dei Responsabili del Rischio Amianto, che tenga conto delle responsabilità e delle competenze necessarie, l’Associazione Italiana Formatori ed Operatori della Sicurezza sul Lavoro (AiFOS) ha organizzato a Brescia il 13, 14 e 15 marzo 2018 un corso di 24 ore in presenza dal titolo “Responsabile dei manufatti contenenti amianto con compiti di controllo e manutenzione”.

 

Rivolto a tecnici aventi il compito di controllare i manufatti contenenti amianto e di redigere i piani di manutenzione, a formatori della sicurezza, a consulenti, coordinatori e tecnici della prevenzione, il corso ha l’obiettivo di favorire le conoscenze per la localizzazione, la caratterizzazione e la valutazione dei manufatti contenenti amianto.

 

In particolare durante il corso verranno fornite le competenze necessarie per:

- riconoscere le diverse tipologie di materiali contenenti amianto ed il grado di rischio causato dall’esposizione ad esso;

- redigere il programma di controllo e manutenzione, l’informativa agli occupanti ed i report annuali.

 

Ricordiamo che per operare correttamente il Responsabile del Rischio Amianto deve:

- saper coordinare e gestire al meglio le attività di manutenzione sui materiali contenenti amianto;

- accertare la presenza di MCA per assistere il proprietario e/o il responsabile nelle attività di censimento;

- saper utilizzare le metodologie adeguate per la valutazione dei rischi associati alla presenza dei materiali;

- gestire le attività di custodia in modo codificato redigendo il piano di controllo e manutenzione sui MCA;

- conoscere le tecniche di bonifica e i rischi, oltre che i costi, a queste associate in modo da indirizzare al meglio il proprio committente;

- gestire adeguatamente la comunicazione del rischio.

 

Dunque il corso di 24 ore in presenza “Responsabile dei manufatti contenenti amianto con compiti di controllo e manutenzione” si svolgerà nei giorni del 13, 14 e 15 marzo 2018 (9.00/18.00), con esame pratico finale, a Brescia presso il palazzo CSMT, Università degli Studi di Brescia, Via Branze 45.

 

Questi alcuni degli argomenti affrontati nelle tre giornate: normativa italiana e regionale, tipologie materiali contenenti amianto, malattie connesse all’esposizione alle fibre di amianto, protezione dalle fibre, campionamento, monitoraggi delle fibre aerodisperse, metodologie di analisi, schede di censimento, indici di valutazione, valutazione del rischio amianto, programma di manutenzione e controllo,    informativa agli occupanti, requisiti operatori amianto e procedure bonifica, FAV,  gestione rifiuti, sorveglianza sanitaria, responsabilità e sanzioni, uso DPI, …

 

Il corso è valido come 16 ore di aggiornamento per RSPP/ASPP, coordinatori alla sicurezza e formatori qualificati seconda area tematica.

 

Per avere ulteriori dettagli sul corso e iscriversi, è possibile utilizzare questo link: http://aifos.it/home/formazione/corsi-qualificati/rischi-specifici/rischi-specifici/responsabile_dei_manufatti_contenenti_amianto_con_compiti_di_controllo_e_manutezione

 

 

Per informazioni e iscrizioni:

Sede nazionale AiFOS - via Branze, 45 - 25123 Brescia c/o CSMT, Università degli Studi di Brescia - tel.030.6595031 - fax 030.6595040 www.aifos.it  - info@aifos.it - formarsi@aifos.it

 

 

23 novembre 2017

 

Ufficio Stampa di AiFOS

ufficiostampa@aifos.it

http://www.aifos.it/

amianto | RRA | corso | Aifos |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Corsi specialistici per il settore edile.


Nel nome del figlio. Le valenze trasformative della Consulenza Tecnica d’Ufficio nei casi di separazione genitoriale.


Corsi in materia di sicurezza


Un corso per conoscere il diritto e gestire la sicurezza sul lavoro


La nuova formazione di base in e-Learning per RSPP e ASPP


Easynet: I CIO chiudono ai Social Media: il 67% blocca l’accesso a Facebook


 

Ieri...

Stesso autore

Migliorare la prevenzione degli infortuni con le mappe mentali

Migliorare la prevenzione degli infortuni con le mappe mentali
Migliorare la prevenzione degli infortuni con le mappe mentali   Il 29 gennaio si terrà a Brescia un corso per analizzare i casi di infortunio attraverso l’utilizzo delle mappe mentali con l’obiettivo di evidenziare connessioni e migliorare la prevenzione.   La prevenzione degli incidenti e infortuni professionali è molto difficile laddove sia carente un& (continua)

Premiate le migliori tesi di laurea sulla sicurezza sul lavoro

Premiate le migliori tesi di laurea sulla sicurezza sul lavoro
Premiate le migliori tesi di laurea sulla sicurezza sul lavoro   Il 29 gennaio saranno presentate a Parma le migliori tesi di laurea sul tema della salute e sicurezza sul lavoro che hanno partecipato al concorso indetto dalla Fondazione AiFOS.   I dati forniti dall’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (Inail) mostrano che tra gennaio e (continua)

Un corso per imparare a redigere le schede di dati di sicurezza

Un corso per imparare a redigere le schede di dati di sicurezza
Un corso per imparare a redigere le schede di dati di sicurezza   Si terrà il 22 gennaio a Brescia un corso per acquisire le conoscenze e capacità necessarie per redigere correttamente le Schede di Dati di Sicurezza (SDS) ai sensi del regolamento REACH.   Le sostanze pericolose, come ricordato dalla campagna europea “Salute e sicurezza negli ambienti di lavoro i (continua)

Il bando “Progetti di sicurezza” 2019: un supporto per la prevenzione

Il bando “Progetti di sicurezza” 2019: un supporto per la prevenzione
Il bando “Progetti di sicurezza” 2019: un supporto per la prevenzione   Progetti di sicurezza 2019: fino al 31 dicembre 2018 è possibile inviare progetti, cofinanziabili dalla Fondazione Aifos, per lo sviluppo della cultura della sicurezza negli ambienti di vita e di lavoro.   È evidente che l’imprescindibile tutela della salute e sicurezza nei luogh (continua)

Il metodo “focus group” per valutare il rischio stress lavoro correlato

Il metodo “focus group” per valutare il rischio stress lavoro correlato
Il metodo “focus group” per valutare il rischio stress lavoro correlato   Il 13 dicembre si terrà a Brescia un corso per raggiungere una piena consapevolezza teorica e pratica del metodo del “focus group” applicato alla valutazione approfondita dello stress lavoro correlato.   Riguardo alla fase di valutazione approfondita dello stress lavoro correlat (continua)