Home > Altro > Cosa puoi dire ai tuoi studenti riguardo all’USO DI DROGA che non abbiano già sentito migliaia di volte?

Cosa puoi dire ai tuoi studenti riguardo all’USO DI DROGA che non abbiano già sentito migliaia di volte?

Si allarga a macchia d'olio la richiesta da parte delle scuole e soprattutto dai ragazzi di poter fruire delle lezioni sulla prevenzione alle droghe offerte dai conferenzieri della Fondazione Un Mondo Libero dalla Droga. Nell'ultima settimana quattro nuovi istituti hanno aderito nel territorio marchigiano, abruzzese e laziale. Proprio in questa settimana oltre 400 studenti vi hanno partecipato con risultati tangibili che testimoniano l'efficacia della campagna "la verita' sulla droga". In quanto insegnante, vuoi aiutare i giovani a restare lontani dalla droga e sai di doverli informare prima che lo facciano gli spacciatori. A volte mancano il tempo e le risorse per un’educazione efficace sulla droga, ed i materiali utilizzati sono spesso antiquati, per non parlare del fatto che non si rivolgono realmente ai ragazzi, noi possiamo aiutarti. “Questo programma mi è piaciuto moltissimo e tutto era ben organizzato. Le lezioni erano ben pianificate e c’era una varietà di risorse che potevano essere usate con ogni lezione. Gli opuscoli sono fatti benissimo!! Loro (gli studenti) erano molto sorpresi dalle storie che questi ex tossicomani condividono negli opuscoli. Ha dato loro un’ottima idea delle vere conseguenze dell’uso della droga. Alcuni di loro sono stati in grado di aprirsi e parlare dell’abuso di droghe da parte dei loro genitori. Sono rimasta meravigliata che esista un tale programma che sia GRATUITO ed è così educativo. Ed è tutto lì!!!” L.M., Insegnante di Sanità e Salute, New York “Ho utilizzato i materiali ricevuti e fatto capire agli studenti gli effetti delle droghe, gli ho persino dato il vostro indirizzo del sito web da poter consultare a loro piacimento. Il programma è molto efficace. Infatti dopo la seduta due ragazzi hanno chiesto ulteriore aiuto e sono stati mandati ad un istituto locale che lavora con i giovani che prendono droghe. Hanno veramente capito molto. Sono diventati più consapevoli degli effetti negativi. Speriamo che molti più studenti cerchino di seguire un buon comportamento ed evitino i rischi. Alcuni dei commenti tra gli studenti erano ‘Non toccherò mai le droghe!’, ‘Devo dirlo ai miei amici!’, ‘Sperimentare è parte della giovinezza, ma piuttosto uno può sperimentare gli sport.’” C.A., Insegnante, Malta “Mi è piaciuto che (il programma) abbia sia i video che gli opuscoli. Ha dato ai miei ragazzi le informazioni vere e leggendolo, erano sorpresi di scoprire cose che non sapevano. I miei studenti pensavano di sapere tutto sulle droghe, ma l’LSD era nuovo a molti di loro. Pensavano che le droghe avessero un effetto breve a meno che uno fosse dipendente e ne prendesse in grandi quantità. Erano sorpresi di vedere che una sola volta potesse rovinare il resto della loro vita.” C.G., Insegnante, Sud Carolina

mondo libero dalla droga | scientology | hubbard |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Materiale educativo di prevenzione alla droga Scopri la verità sulle droghe


Daniele Biffi, velocista: sono più forte del vento mi dico e dico sempre


Antonio Catallo: Sogno realizzato? La maglia azzurra agli Europei u18 e u20


Mimmo Ricatti, maratoneta: il mio lavoro è CORRERE


Matteo Chiesa, ex velocista anni 86-89: 48”0 sui 400, 21”5 sui 200, 10”8 sui 100


Ho realizzato il sogno di vincere un Campionato Italiano con tanto di record


 

I più cliccati

Stesso autore

Da'un buon esempio.

I Volontari romani de "La Via della Felicità si dedicano instancabilmente a mantenere pulita l'immagine di alcune aree urbane alle quali era stato restituito un aspetto decoroso. Roma 14 Febbrario 2018 Nello scorso fine settimana hanno dato ancora la testimonianza di un'importante impegno civico. "Da' un buon esempio" è il titolo di uno dei 21 precetti del libro La Via della Fel (continua)

Da'un buon esempio.

Da'un buon esempio.
I Volontari romani de "La Via della Felicità si dedicano instancabilmente a mantenere pulita l'immagine di alcune aree urbane alle quali era stato restituito un aspetto decoroso. Roma 14 Febbrario 2018 Nello scorso fine settimana hanno dato ancora la testimonianza di un'importante impegno civico. "Da' un buon esempio" è il titolo di uno dei 21 precetti del libro La Via della Fel (continua)

La Chiesa di Scientology di Roma celebra la Settimana dell'Armonia Interreligiosa

La Chiesa di Scientology di Roma celebra la Settimana dell'Armonia Interreligiosa
Piantato un albero di Ginkgo biloba come simbolo della spiritualità e dell'armonia tra le religioni, le fedi e i credo. La settimana mondiale dell’armonia interreligiosa è un evento annuale che si celebra la prima settimana di Febbraio a partire dal 2011. èstata proclamata dall’Assemblea Generale con la risoluzione adottata il 20 Ottobre 2010. Oggi la Chiesa di Scientology di Roma ha invita (continua)

GIORNATA DELLA MEMORIA: LA CHIESA DI SCIENTOLOGY DI ROMA OSPITA UN CONVEGNO PER RICORDARE CHE IL RISPETTO DELLA DIGNITA’ UMANA E’ L’ANTIDOTO CONTRO OGNI FUTURO OLOCAUSTO

GIORNATA DELLA MEMORIA: LA CHIESA DI SCIENTOLOGY DI ROMA OSPITA UN CONVEGNO PER RICORDARE CHE IL RISPETTO DELLA DIGNITA’ UMANA E’ L’ANTIDOTO CONTRO OGNI FUTURO OLOCAUSTO
Venerdì 26 gennaio, la Chiesa di Scientology di Roma ha salutato l’arrivo della Giornata della Memoria, che si celebra il 27 gennaio di ogni anno, con un convegno organizzato dalla locale rappresentanza del Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani. Si è trattato di una serata dedicata a ricordare che il rispetto della dignità umana e della vita è il fattore fondamentale per evitare ogni pres (continua)

Adesso quei ragazzi "sanno" di avere dei diritti.

Adesso quei ragazzi
Roma 17 Gennaio 2018, i volontari romani di Gioventù per i Diritti Umani hanno dato lezioni ad oltre 200 studenti di un istituto tecnico romano affinche' conoscano tutti i 30 diritti umani universali. Raggiunto l'intento dell'iniziativa quando gli studenti partecipanti hanno ammesso, con la naturale spontaneità dei giovani, di non sapere quali fossero e soprattutto di non sapere di averli. I (continua)