Home > Informatica > Cyber sicurezza: buoni propositi per il nuovo anno? Differenziare le password!

Cyber sicurezza: buoni propositi per il nuovo anno? Differenziare le password!

Cyber sicurezza: buoni propositi per il nuovo anno? Differenziare le password!

Sempre più spesso si sente parlare di deep web, ovvero la parte più nascosta di Internet utilizzata soprattutto per le transazioni illegali come la vendita di database contenenti credenziali e dati sensibili, trafugati attraverso attacchi hacker. Recentemente è stato individuato un unico database messo in rete da un utente con lo pseudonimo di tomasvanagas, che ha pubblicato un link contenente un miliardo e 400 milioni di nomi, email e password in chiaro, messo a disposizione di chiunque dietro una donazione in Bitcoin. Si tratta senza dubbio del più grande leak di dati personali mai registrato in Internet.

Il database ancora in circolazione unisce diversi elenchi già presenti in rete da diverso tempo, ma aggiornati a novembre 2017 con milioni di nuovi indirizzi e password in chiaro di strutture come Rai, Repubblica, la Sapienza di Roma, la Difesa, Istituti bancari, ministeri e amministrazioni pubbliche, con le stesse password che si ripetono per accedere ai social network e alla posta elettronica.

Molti di questi dati sono obsoleti e molte delle organizzazioni colpite, come la Rai, hanno da tempo ripristinato la situazione, ma ciò che rende prezioso questo elenco, più che la mole dei dati in esso contenuti, è la loro suddivisione in 1900 diversi file e la velocità con cui si ottiene ciò che interessa grazie a uno script di ricerca contenuto nel pacchetto.

Pur trattandosi di dati vecchi, ciò che preoccupa è come possono essere utilizzate queste informazioni per creare una linea guida tramite le password impiegate nel passato da cui trarre indicazioni per futuri attacchi basati sugli schemi utilizzati dagli utenti per generare nuove password.  Le informazioni presenti nell’elenco sono associate agli stessi username ottenuti da precedenti sottrazioni come quelle subite da Yahoo, Linkedin, Twitter, Yourporn, Myspace ed altri, da cui si evince come il fenomeno di riutilizzare la medesima password per diversi servizi Web sia assai diffuso.

In effetti analizzando il database si nota come 9 milioni di account usano la stessa password “123456“, oltre un milione “password” e trecentomila le parole “monkey” e “dragon”.  Il 14% di queste credenziali d’accesso finora non erano mai state decifrate, pertanto chi le ha ottenute non si è limitato a raccogliere i dati, ma ha anche trovato il modo di decriptarle.

L’unica questione irrisolta rimane la motivazione dietro tale azione. Una delle opzioni è puramente economica dato che è la prima volta che un venditore chiede una donazione come pagamento, opzione che tuttavia non convince gli esperti.

La concorrenza sleale è quindi una delle strade percorribili, anche se potrebbe esserci un’ipotesi peggiore. Nell’underground infatti esistono gruppi di esperti e di criminali informatici uniti che collaborano condividendo le informazioni apprese gli uni dagli altri. ESET Italia ricorda come sia fondamentale creare password complesse e differenti per ogni servizio che si utilizza, magari utilizzando un password manager, così che se una di esse dovesse essere compromessa non lo saranno anche tutte le altre.

ESET | password manager |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Buoni propositi per il 2016: sei consigli di G DATA per un nuovo anno in sicurezza


L’attività del SII - Servizio Idrico Integrato in diretta su tablet e smartphone con la nuova App sviluppata da Arianna


La qualità premia Agrifood Covalpa. Il mercato dei surgelati vegetali esce vittorioso dalla crisi.


Un anno gratis in hotel? Questa casa è un albergo, il concorso HRS che ti regala un sogno


Un augurio di Buon Anno e Pace con “ La Via della Felicità” a Fano


Settembre: il mese migliore per decidere di investire in formazione


 

I più cliccati

Stesso autore

Dark Web: ecco quanto costa la nostra identità digitale

Dark Web: ecco quanto costa la nostra identità digitale
Nella parte più profonda del Web, dove le compravendite illegali di ogni genere sono all’ordine del giorno, le identità digitali degli internauti sottratte ai legittimi proprietari tramite attacchi phishing o ransomware, vengono rivendute e hanno un vero e proprio listino prezzi. Il prezzo di vendita viene stabilito in base a determinate caratteristiche, come la quantit&agra (continua)

Truffa su Google Play: individuate 35 app di pseudo-sicurezza che mascherano contenuti pubblicitari

Truffa su Google Play: individuate 35 app di pseudo-sicurezza che mascherano contenuti pubblicitari
I ricercatori di ESET, il più grande produttore di software per la sicurezza digitale dell'Unione europea, hanno individuato su Google Play 35 app che si presentano come programmi di sicurezza ma che, invece di garantire protezione, hanno l’unico scopo di mostrare annunci indesiderati e avvisi di pseudo-sicurezza assolutamente fasulli. Queste app sono riuscite per alcuni anni a non (continua)

Backup: una persona su tre non lo ha mai fatto

Backup: una persona su tre non lo ha mai fatto
Si parla molto spesso di ransomware e dei danni che possono causare ai dispositivi, eppure ciò che emerge da un sondaggio effettuato da una società operante nel settore della sicurezza informatica è che il 33% degli utenti non si è mai preoccupato di creare una copia dei propri dati. I risultati della ricerca sono stati divulgati lo scorso 31 Marzo durante la giornat (continua)

WannaCryptor torna sulla scena infettando i computer della Boeing

WannaCryptor torna sulla scena infettando i computer della Boeing
Secondo quanto riportato dal Seattle Times, mercoledì 28 marzo il Wannacryptor - noto anche come WannaCry - è tornato agli onori della cronaca colpendo uno stabilimento di produzione Boeing a North Charleston nel South Carolina. A differenza però di quanto accaduto a maggio 2017, il nuovo attacco non sembra aver causato alcun danno significativo, anche se il semplice fatto (continua)

Pingu Cleans Up, il gioco sui pinguini che truffa gli utenti di Google Play

Pingu Cleans Up, il gioco sui pinguini che truffa gli utenti di Google Play
I ricercatori di ESET, il più grande produttore di software per la sicurezza digitale dell'Unione europea, hanno individuato una curiosa tecnica di frode su Google Play che sfruttava unicamente la disattenzione dell'utente: l’app Pingu Cleans Up faceva sottoscrivere agli utenti, senza il loro consenso, un abbonamento di € 5,49 a settimana per poi riscuotere le quote utilizzando (continua)