Home > Musica > VITTORIO VENETO-CONCERTO PER LA MEMORIA CON ENRICO NADAI, SABRINA COMIN, ELENA LUCCA E DJ-MATT

VITTORIO VENETO-CONCERTO PER LA MEMORIA CON ENRICO NADAI, SABRINA COMIN, ELENA LUCCA E DJ-MATT

VITTORIO VENETO-CONCERTO PER LA MEMORIA CON ENRICO NADAI, SABRINA COMIN, ELENA LUCCA E DJ-MATT
In concomitanza con la ricorrenza nazione del Giorno della Memoria, dedicata alla commemorazione delle vittime dell'Olocausto, l'Associazione Italia-Israele della Marca Trevigiana, sezione di Vittorio Veneto - Conegliano, organizza, domenica 28 gennaio 2018, una giornata incentrata sulla riflessione dei fatti che portarono allo sterminio di milioni di persone, in maggioranza ebrei, sotto l'egemonia nazista. Dalle ore 14:30, l'evento inizierà con l'apertura del Cimitero Ebraico di Ceneda, in Via Cal de Prade, a Vittorio Veneto (Tv), che attesta l'esistenza di una antica comunità ebraica nel Veneto orientale. Successivamente, alle 15:00, all'interno dello stesso cimitero, interverranno gli studiosi Giovanni e Silvia Tomasi, offrendo ai presenti una visione ragionata dello Shoah, indagando, inoltre, le ragioni storico-politiche che ne hanno permesso la tragica realizzazione. Dalle 16:30, il pomeriggio proseguirà con il “Concerto per la Memoria”, presso la Sala interna del Seminario Vescovile di Ceneda, in cui verranno proposte alcune musiche di cantautori ebrei del Novecento. Ad interpretare il repertorio in programma, le voci di Elena Lucca, giovane promessa di Refrontolo (Tv), ed Enrico Nadai, solista che si è distinto per essere stato insignito del Premio Civilitas, sotto l'alto patrocinio del Parlamento Europeo e del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, per aver fatto della sua voce uno strumento in grado di scuotere le coscienze; i due cantanti verranno accompagnati dalla maestria di Sabrina Comin, tastierista. Fra le proposte scelte, non mancherà H. Pagani, cantante ebreo, con il famoso discorso ”Arringa per la mia terra”, insieme ad altre sue celebri composizioni. Completerà la rassegna, il crudo brano “Auschwitz” (Canzone del bambino nel vento), di F. Guccini, ispirato alle memorie di Vincenzo Pappalettera, detenuto nel campo di concentramento di Mauthausen. Durante il concerto, verrà presentato e promosso anche il progetto di restauro di 3 lapidi del Cimitero Ebraico di Ceneda. L'Associazione Italia-Israele, federazione presente in tutto il Paese, finalizzata allo sviluppo di amichevoli relazioni tra l'Italia e lo Stato di Israele, e interessata ad interagire con qualsiasi ente in merito alla promozione della cultura ebraica, per la realizzazione della giornata, collaborerà anche con i seguenti partner culturali: Amici dell'Università di Gerusalemme, Associazione Culturale Zheneda, Centro Italiano Femminile e Comitato per Vittorio Veneto Ebraica. SOFIA FACCHIN

CULTURA | RELIGIONE | MUSICA | POESIA | FILOSOFIA | STORIA | RACCONTI | olocausto | memoria |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Standing ovation per "LUX BEATA" a Tarzo (Tv)


GRANDE SUCCESSO A PIEVE DI SOLIGO (TV) PER "FASHION IN MUSIC" CON ENRICO NADAI, ELENA LUCCA E DJ-MATT


SAN VENDEMIANO (TV)- UN TRIPUDIO DI EMOZIONI PER IL GRAN CONCERTO DI FINE ANNO


Enrico Nadai e Dino Doni presentano il nuovo singolo "instabile"


Enrico Nadai partecipa alla quarta edizione di "MusiCandelora" a Tarzo (Tv)


 

I più cliccati

Stesso autore

“Sogni di carta”: l’ultimo singolo di Enrico Nadai

“Sogni di carta”: l’ultimo singolo di Enrico Nadai
Leggendaria è la frase di Prospero, duca di Milano, nella “Tempesta” di W. Shakespeare, in cui afferma che “siamo della stessa sostanza di cui son fatti i sogni” e che nel “tempo di un sogno è racchiusa la nostra breve vita”. Come a dire che l’esistenza è immateriale e inafferrabile. Ma per quanto effimeri, sono proprio i sogni a dare forma alla nostra realtà. Non solo nello spazio oniri (continua)

"SOGNI DI CARTA" L'ULTIMO SINGOLO DI ENRICO NADAI


Leggendaria è la frase di Prospero, duca di Milano, nella “Tempesta” di W. Shakespeare, in cui afferma che “siamo della stessa sostanza di cui son fatti i sogni” e che nel “tempo di un sogno è racchiusa la nostra breve vita”. Come a dire che l’esistenza è immateriale e inafferrabile. Ma per quanto effimeri, sono proprio i sogni a dare forma alla nostra realtà. Non solo nello spazio oni (continua)

ENRICO NADAI-SOLO LEI E' DAPPERTUTTO

ENRICO NADAI-SOLO LEI E' DAPPERTUTTO
“O te o nessun’altra”, le aveva detto tante volte lui, avendolo già da sempre pensato, forse da prima di conoscerla. E Lei, assente nella carne, presenziava nell’ordine dell’invisibile accanto a lui; in treno, tra i libri, nelle preghiere, nell’aria respirata, nell’estate che passava: ovunque era la sua traccia. “Si butti alle spalle tutto: ne esistono tante di donne”, gli disse un giorno un uomo (continua)

ENRICO NADAI-UN ADDIO

ENRICO NADAI-UN ADDIO
Le sue mani rosee sembravano stringere un ferro mortale contro di lui, nel giorno del loro definitivo commiato. Lui implorava di potergliele tenere un’ultima volta, e le baciava ripetutamente per salvarle dalla propagazione del gelo proveniente dai precordi: il più letale. Lei versò le sue ultime lacrime per lui; lui le raccolse con le labbra prima che le rigassero l’intero viso. Un ultimo abbr (continua)

ENRICO NADAI-OBBEDIRE AL CUORE

ENRICO NADAI-OBBEDIRE AL CUORE
Sarà bello, per loro, ritrovarsi dopo diversi anni. Lui la chiamerà con lo stesso nome di un tempo. Lei gli chiederà: – “Che cosa hai fatto in quest’eternità senza di noi?” -“Non ho fatto che amarti, nel silenzio. Nient’altro d’importante” – le confesserà lui – “Nulla è mai valso quanto ciò che hai saputo darmi”. – “Eppure” – replicherà lei – “avresti potuto fare quel che volevi”. Soggiun (continua)