Home > Musica > JESOLO SAND NATIVITY 2018 CON ENRICO NADAI, DINO DONI, SABRINA COMIN, ELISA NADAI, MANUELA MENEGHELLO, ROSSELLA BOSO. ROBERTA CANZIAN

JESOLO SAND NATIVITY 2018 CON ENRICO NADAI, DINO DONI, SABRINA COMIN, ELISA NADAI, MANUELA MENEGHELLO, ROSSELLA BOSO. ROBERTA CANZIAN

JESOLO SAND NATIVITY 2018 CON ENRICO NADAI, DINO DONI, SABRINA COMIN, ELISA NADAI, MANUELA MENEGHELLO, ROSSELLA BOSO. ROBERTA CANZIAN
Il Comune di Jesolo organizza, sabato 3 febbraio 2018, presso la Chiesa di San Giovanni Battista di Jesolo (Ve), un concerto di musica tradizionale che riprende il soggetto principale, ovvero l'amore per il prossimo, di “Sand Nativity 2018”, imponente presepe di sabbia, inaugurato venerdì 8 dicembre 2017, in Piazza Marconi – Jesolo, e ormai arrivato alla 16^ edizione. In particolare, 6 delle 9 sculture di sabbia rappresentano episodi, racconti morali e parabole, tratte dal Vangelo, aventi come tema l'accoglienza. Non a caso, "Va' e anche tu fa' lo stesso", esortazione con cui si conclude la parabola del Buon Samaritano, è il sottotitolo dell'evento. Per essere prosecutori e testimoni di questo amore sincero, possiamo lasciarci ispirare dalla musica, elemento che sempre ha mostrato un legame privilegiato con la sacralità. Gli stessi due cantanti in programma, Enrico Nadai e Rossella Boso hanno collaborato insieme per la realizzazione del primo disco voluto da Papa Francesco, "Wake Up!", nel brano "Santa famiglia di Nazareth". Il CD contiene discorsi e preghiere del Santo Padre, con l'accompagnamento di inni sacri della tradizione cristiana e canti gregoriani, rielaborati in chiave pop. Alcune di queste tracce, sono state arrangiate dal Maestro Dino Doni che, durante la serata, dirigerà l'Orchestra Classica del Veneto. Interverrà anche il soprano Roberta Canzian di Conegliano (Tv), ma conosciuta a livello nazionale e internazionale per i tanti ruoli operistici di spicco, interpretati nei teatri di tutto il mondo. Al pianoforte e cembalo, la talentuosa Sabrina Comin, nata proprio a Jesolo, che si distingue, oltre che per la collaborazione con rinomate compagnie musicali, anche per il suo pregevole impegno come insegnante, formando i talenti del domani. Ad arricchire la serata, sarà presente il Coro "Academia Ars Canendi", diretto dal soprano Manuela Meneghello, che, attualmente, è composto da 24 elementi capaci di unire entusiasmo ad una fine qualità di tecnica vocale. Elisa Nadai, garbata presentatrice, accompagnerà i presenti nell'ascolto dei brani musicali in programma. Il concerto, che inizierà alle ore 21:00, è ad ingresso gratuito. “Sand Nativity”, invece, è visitabile fino a domenica 11 febbraio 2018, in Piazza Marconi, Jesolo. SOFIA FACCHIN

concerto | coro | orchestra | violino | pianoforte | live | tromba | classica |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Grande successo per il concerto di chiusura del "SAND NATIVITY 2017" a Jesolo (TV)


Enrico Nadai, Sabrina Comin, Dino Doni, Svetlana Novikova e Rossella Boso in concerto a Jesolo (VE)


Grande successo per il concerto a Jesolo dedicato a Papa Francesco


ENRICO NADAI, EMANUELA MENEGHELLO,ELISA NADAI, DINO DONI, SABRINA COMIN, ROSSELLA BOSO IN CONCERTO A JESOLO


JESOLO(VE)-GRANDE SUCCESSO PER IL CONCERTO "DAL BAROCCO AL POP" CON ENRICO NADAI, SABRINA COMIN, MANUELA MENEGHELLO, DINO DONI. ROSSELLA BOSO, SERENA GANI, ELISA NADAI


 

I più cliccati

Stesso autore

“Sogni di carta”: l’ultimo singolo di Enrico Nadai

“Sogni di carta”: l’ultimo singolo di Enrico Nadai
Leggendaria è la frase di Prospero, duca di Milano, nella “Tempesta” di W. Shakespeare, in cui afferma che “siamo della stessa sostanza di cui son fatti i sogni” e che nel “tempo di un sogno è racchiusa la nostra breve vita”. Come a dire che l’esistenza è immateriale e inafferrabile. Ma per quanto effimeri, sono proprio i sogni a dare forma alla nostra realtà. Non solo nello spazio oniri (continua)

"SOGNI DI CARTA" L'ULTIMO SINGOLO DI ENRICO NADAI


Leggendaria è la frase di Prospero, duca di Milano, nella “Tempesta” di W. Shakespeare, in cui afferma che “siamo della stessa sostanza di cui son fatti i sogni” e che nel “tempo di un sogno è racchiusa la nostra breve vita”. Come a dire che l’esistenza è immateriale e inafferrabile. Ma per quanto effimeri, sono proprio i sogni a dare forma alla nostra realtà. Non solo nello spazio oni (continua)

ENRICO NADAI-SOLO LEI E' DAPPERTUTTO

ENRICO NADAI-SOLO LEI E' DAPPERTUTTO
“O te o nessun’altra”, le aveva detto tante volte lui, avendolo già da sempre pensato, forse da prima di conoscerla. E Lei, assente nella carne, presenziava nell’ordine dell’invisibile accanto a lui; in treno, tra i libri, nelle preghiere, nell’aria respirata, nell’estate che passava: ovunque era la sua traccia. “Si butti alle spalle tutto: ne esistono tante di donne”, gli disse un giorno un uomo (continua)

ENRICO NADAI-UN ADDIO

ENRICO NADAI-UN ADDIO
Le sue mani rosee sembravano stringere un ferro mortale contro di lui, nel giorno del loro definitivo commiato. Lui implorava di potergliele tenere un’ultima volta, e le baciava ripetutamente per salvarle dalla propagazione del gelo proveniente dai precordi: il più letale. Lei versò le sue ultime lacrime per lui; lui le raccolse con le labbra prima che le rigassero l’intero viso. Un ultimo abbr (continua)

ENRICO NADAI-OBBEDIRE AL CUORE

ENRICO NADAI-OBBEDIRE AL CUORE
Sarà bello, per loro, ritrovarsi dopo diversi anni. Lui la chiamerà con lo stesso nome di un tempo. Lei gli chiederà: – “Che cosa hai fatto in quest’eternità senza di noi?” -“Non ho fatto che amarti, nel silenzio. Nient’altro d’importante” – le confesserà lui – “Nulla è mai valso quanto ciò che hai saputo darmi”. – “Eppure” – replicherà lei – “avresti potuto fare quel che volevi”. Soggiun (continua)