Home > Cibo e Alimentazione > Marco Carra: la pasta e il riso Made in Italy da oggi li riconosci dall'etichetta

Marco Carra: la pasta e il riso Made in Italy da oggi li riconosci dall'etichetta

Marco Carra: la pasta e il riso Made in Italy da oggi li riconosci dall'etichetta

Finalmente sarà possibile sapere se nella pasta che si sta acquistando è presente o meno grano canadese trattato in preraccolta con il glifosate, proibito sul grano italiano, o se il riso viene dai campi della Birmania sequestrati alla minoranza Rohingya, contro la quale è in atto una pulizia etnica. Da oggi finalmente diventa obbligatoria l’etichetta di origine per pasta e riso. Questa permette di conoscere l’origine del grano impiegato nella pasta e del riso mette fine all’inganno dei prodotti importati, spacciati per nazionali, in una situazione in cui un pacco di pasta su tre è fatto con grano straniero, come pure un pacco di riso su quattro senza che questo fosse fino a ora indicato in etichetta. Coldiretti ha organizzato il Pasta Day in occasione dell’entrata in vigore dei due decreti interministeriali sull’indicazione dell’origine obbligatoria del riso e del grano per la pasta in etichetta dopo 180 giorni dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale che cade esattamente il 13 febbraio per il riso e il 14 febbraio per la pasta. Una scelta applaudita dal 96% dei consumatori che chiede venga scritta sull’etichetta in modo chiaro e leggibile l’origine di tutti gli alimenti e confermata in Italia anche dal Tar del Lazio che ha precisato come sia “prevalente l’interesse pubblico ad informare i consumatori considerato anche l’esito delle consultazioni pubbliche circa l’importanza attribuita dai consumatori italiani alla conoscenza del Paese di origine e/o del luogo di provenienza dell’alimento e dell’ingrediente primario”.

pasta | riso | etichetta | marco carra |



Commenta l'articolo

 
 

I più cliccati

Stesso autore

Marco Carra: a che punto è la riforma del Terzo Settore?

Marco Carra: a che punto è la riforma del Terzo Settore?
La legge delega di riforma del Terzo settore (n. 106 del 6 giugno 2016) prevedeva l’emanazione di sette decreti entro il 2017. Il primo di essi – un decreto legislativo per la modifica della parte del Codice civile riguardante le organizzazioni senza scopo di lucro – non uscirà mai a seguito di apposita decisione del governo. Un altro decreto, ministeriale, su “vigil (continua)

Marco Carra: peggiorano del 3% i tempi di attesa per visite ed eami

Marco Carra: peggiorano del 3% i tempi di attesa per visite ed eami
Noi lo diciamo da anni e l'annuncio delia Giunta, dello stanziamento di 11 milioni di euro taglia code nelle strutture socio sanitarie, a pochi giorni dell'inizio della campagna elettorale, è stato solo un annuncio. A confermare la situazione critica negli ospedali per i pazienti lombardi è intervenuta anche Ats metropolitana che ha bacchettato la Giunta e le sue misure, facendo pres (continua)

Marco Carra: cure odontoiatriche a minori e soggetti fragili

Marco Carra: cure odontoiatriche a minori e soggetti fragili
Prevenzione e tutela della salute dei denti. Abbiamo depositato un progetto di legge che risponde ad un bisogno diffuso tra i cittadini lombardi, per la promozione e la prevenzione della salute odontoiatrica verso i soggetti più vulnerabili e verso i minori sino a 12 anni. Si tratta di una proposta che, mettendo in rete soggetti pubblici e privati, si propone di dare una risposta concreta a (continua)

Marco Carra: più contrasto al gioco d'azzardo patologico

Marco Carra: più contrasto al gioco d'azzardo patologico
Salvaguardare le persone più fragili a cominciare proprio dai giovani, contro questa piaga sociale, già definita l' “eroina del Terzo Millennio”. La legge approvata dal Consiglio regionale lombardo ormai 5 anni fa per la prevenzione e il contrasto del gioco d'azzardo patologico è stata un primo paletto importante, ma da sola non basta. E' necessario aggiornare cos (continua)

Marco Carra: in treno per non dimenticare

Marco Carra: in treno per non dimenticare
Erano tutti invitati, giovedì, su quel treno, a una settimana esatta, per ricordare la tragedia e per farsi sentire: i cittadini, i sindaci, i candidati alla presidenza della regione e tutte le forze politiche del territorio. Il comitato pendolari di Crema ha organizzato per la giornata del primo febbraio un viaggio proprio su quella linea, la Cremona - Treviglio - Milano, dove una settiman (continua)