Home > Informatica > Backup: una persona su tre non lo ha mai fatto

Backup: una persona su tre non lo ha mai fatto

Backup: una persona su tre non lo ha mai fatto

Si parla molto spesso di ransomware e dei danni che possono causare ai dispositivi, eppure ciò che emerge da un sondaggio effettuato da una società operante nel settore della sicurezza informatica è che il 33% degli utenti non si è mai preoccupato di creare una copia dei propri dati.

I risultati della ricerca sono stati divulgati lo scorso 31 Marzo durante la giornata mondiale del backup, e il fatto stesso di dover indire una giornata apposita come promemoria dovrebbe far riflettere.

Molti utenti pensano infatti di essere immuni da eventuali infezioni dimenticando inoltre che un dispositivo può essere anche sottratto, smarrito o semplicemente incorrere in un guasto irreversibile. A quel punto tutti i dati in esso contenuti andranno irrimediabilmente persi, che si tratti di un PC, di un tablet o di uno smartphone.

Il 39% della popolazione possiede nel proprio nucleo familiare almeno quattro dispositivi e un dato interessante è che il 29% ha già subito tale perdita.

Il World backup day è stato indetto proprio per ricordare che un’operazione tanto semplice quanto efficace come quella di fare una copia dei propri file darebbe modo di recuperare una situazione altrimenti compromessa, tanto più che le alternative sono molteplici sia fisiche tramite hard disk esterni o memorie USB che online utilizzando i servizi in Cloud.

Soprattutto in questo periodo storico tenere i propri dati personali o aziendali al sicuro è fondamentale viste le minacce sempre più frequenti e sofisticate provenienti dai criminali informatici la cui forma preferita di attacco sono i ransomware, ovvero infettare un dispositivo per poterlo bloccare e chiedere un riscatto alla vittima per riavere ciò che è suo.

Ricordiamo che cedere a tale ricatto, oltre ad essere una pratica illecita, non garantisce la restituzione dei dati pertanto avere un backup dei dati non è più un’opzione, ma una sicura via d’uscita.

ESET Italia suggerisce da sempre ai propri utenti di creare copie di tutti i propri file su componenti rimovibili e di aggiornarle costantemente. E’ inoltre importante effettuare gli aggiornamenti del proprio sistema operativo quando rilasciati e proteggere i propri dispositivi con efficaci software antimalware.

ESET | Backup |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

I monti della Galilea


Malagiustizia ; In Italia processi mediatici e sentenze senza indizi. Dal Caso Tortora ad oggi.


Intervista a Cristina Moglia star di tante fiction italiane ed ora anche Centovetrine su Rete 4


Kate è più comune – ed europea – di quello che si pensa: lo rivela uno studio


Intervista di Alessia Mocci a Pietro De Bonis ed al suo Tempeste Puniche – Il Profumo della quiete


Posizionamento siti internet


 

I più cliccati

Stesso autore

Dark Web: ecco quanto costa la nostra identità digitale

Dark Web: ecco quanto costa la nostra identità digitale
Nella parte più profonda del Web, dove le compravendite illegali di ogni genere sono all’ordine del giorno, le identità digitali degli internauti sottratte ai legittimi proprietari tramite attacchi phishing o ransomware, vengono rivendute e hanno un vero e proprio listino prezzi. Il prezzo di vendita viene stabilito in base a determinate caratteristiche, come la quantit&agra (continua)

Truffa su Google Play: individuate 35 app di pseudo-sicurezza che mascherano contenuti pubblicitari

Truffa su Google Play: individuate 35 app di pseudo-sicurezza che mascherano contenuti pubblicitari
I ricercatori di ESET, il più grande produttore di software per la sicurezza digitale dell'Unione europea, hanno individuato su Google Play 35 app che si presentano come programmi di sicurezza ma che, invece di garantire protezione, hanno l’unico scopo di mostrare annunci indesiderati e avvisi di pseudo-sicurezza assolutamente fasulli. Queste app sono riuscite per alcuni anni a non (continua)

WannaCryptor torna sulla scena infettando i computer della Boeing

WannaCryptor torna sulla scena infettando i computer della Boeing
Secondo quanto riportato dal Seattle Times, mercoledì 28 marzo il Wannacryptor - noto anche come WannaCry - è tornato agli onori della cronaca colpendo uno stabilimento di produzione Boeing a North Charleston nel South Carolina. A differenza però di quanto accaduto a maggio 2017, il nuovo attacco non sembra aver causato alcun danno significativo, anche se il semplice fatto (continua)

Pingu Cleans Up, il gioco sui pinguini che truffa gli utenti di Google Play

Pingu Cleans Up, il gioco sui pinguini che truffa gli utenti di Google Play
I ricercatori di ESET, il più grande produttore di software per la sicurezza digitale dell'Unione europea, hanno individuato una curiosa tecnica di frode su Google Play che sfruttava unicamente la disattenzione dell'utente: l’app Pingu Cleans Up faceva sottoscrivere agli utenti, senza il loro consenso, un abbonamento di € 5,49 a settimana per poi riscuotere le quote utilizzando (continua)

Sgominata la banda di criminali informatici che colpiva i bancomat

Sgominata la banda di criminali informatici che colpiva i bancomat
Un famoso gruppo di hacker, in grado di violare i dispositivi ATM, è riuscito a infiltrarsi in oltre 100 società finanziarie di 40 diversi paesi, danneggiando il sistema bancario mondiale per oltre un miliardo di dollari. La polizia afferma di aver arrestato il capo di questo gruppo di criminali, accusato di aver sottratto milioni di dollari agli istituti di credito di tutto il mon (continua)