Home > Informatica > Backup: una persona su tre non lo ha mai fatto

Backup: una persona su tre non lo ha mai fatto

Backup: una persona su tre non lo ha mai fatto

Si parla molto spesso di ransomware e dei danni che possono causare ai dispositivi, eppure ciò che emerge da un sondaggio effettuato da una società operante nel settore della sicurezza informatica è che il 33% degli utenti non si è mai preoccupato di creare una copia dei propri dati.

I risultati della ricerca sono stati divulgati lo scorso 31 Marzo durante la giornata mondiale del backup, e il fatto stesso di dover indire una giornata apposita come promemoria dovrebbe far riflettere.

Molti utenti pensano infatti di essere immuni da eventuali infezioni dimenticando inoltre che un dispositivo può essere anche sottratto, smarrito o semplicemente incorrere in un guasto irreversibile. A quel punto tutti i dati in esso contenuti andranno irrimediabilmente persi, che si tratti di un PC, di un tablet o di uno smartphone.

Il 39% della popolazione possiede nel proprio nucleo familiare almeno quattro dispositivi e un dato interessante è che il 29% ha già subito tale perdita.

Il World backup day è stato indetto proprio per ricordare che un’operazione tanto semplice quanto efficace come quella di fare una copia dei propri file darebbe modo di recuperare una situazione altrimenti compromessa, tanto più che le alternative sono molteplici sia fisiche tramite hard disk esterni o memorie USB che online utilizzando i servizi in Cloud.

Soprattutto in questo periodo storico tenere i propri dati personali o aziendali al sicuro è fondamentale viste le minacce sempre più frequenti e sofisticate provenienti dai criminali informatici la cui forma preferita di attacco sono i ransomware, ovvero infettare un dispositivo per poterlo bloccare e chiedere un riscatto alla vittima per riavere ciò che è suo.

Ricordiamo che cedere a tale ricatto, oltre ad essere una pratica illecita, non garantisce la restituzione dei dati pertanto avere un backup dei dati non è più un’opzione, ma una sicura via d’uscita.

ESET Italia suggerisce da sempre ai propri utenti di creare copie di tutti i propri file su componenti rimovibili e di aggiornarle costantemente. E’ inoltre importante effettuare gli aggiornamenti del proprio sistema operativo quando rilasciati e proteggere i propri dispositivi con efficaci software antimalware.

ESET | Backup |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

I monti della Galilea


Malagiustizia ; In Italia processi mediatici e sentenze senza indizi. Dal Caso Tortora ad oggi.


Intervista a Cristina Moglia star di tante fiction italiane ed ora anche Centovetrine su Rete 4


Kate è più comune – ed europea – di quello che si pensa: lo rivela uno studio


Intervista di Alessia Mocci a Pietro De Bonis ed al suo Tempeste Puniche – Il Profumo della quiete


Posizionamento siti internet


 

I più cliccati

Stesso autore

ESET aderisce al Cybersecurity Tech Accord per proteggere gli utenti Internet di tutto il mondo

ESET aderisce al Cybersecurity Tech Accord per proteggere gli utenti Internet di tutto il mondo
A due mesi dal Cybersecurity Tech Accord, undici nuove società hanno aderito all’accordo per difendere tutti i clienti del mondo da attacchi malevoli da parte di imprese criminali e nazioni canaglia. Tra i nuovi firmatari figurano Atlassian, Carbon Black, Cyber ​​adAPT, ESET, Gigamon, GitLab, KoolSpan, KPN, MediaPRO, Salesforce e WISeKey. Queste aziende sovrintendono imp (continua)

ESET riconosciuta Leader e Top IT Security Vendor dell’Europa Centrale e Orientale

ESET riconosciuta Leader e Top IT Security Vendor dell’Europa Centrale e Orientale
ESET, il più grande produttore di software per la sicurezza digitale dell'Unione europea, è la principale azienda di soluzioni di sicurezza per endpoint dell'Europa Centrale e Orientale (CEE), potendo vantare la quota più consistente del mercato su base annuale. Secondo l’IDC Endpoint security software market shares 2017 report, la quota di mercato di ESET nella region (continua)

ESET, pronti per il GDPR con crittografia e autenticazione a due fattori

ESET, pronti per il GDPR con crittografia e autenticazione a due fattori
ESET scommette sul GDPR e lo fa con ESET Endpoint Encryption e ESET Secure Authentication, soluzioni rispettivamente di crittografia e di strong authentication richieste dal GDPR ed in grado di garantire un’efficace tutela dei dati. «Queste due soluzioni fanno parte dell’offerta di ESET già da tempo e sono quindi consolidate e in uso da parte di clienti in diversi settor (continua)

HeroRat, la nuova famiglia di malware per Android che si diffonde tramite Telegram

HeroRat, la nuova famiglia di malware per Android che si diffonde tramite Telegram
I ricercatori di ESET, il più grande produttore di software per la sicurezza digitale dell'Unione europea, hanno individuato una nuova famiglia di RAT (Remote Administration Tool) per Android, che ha abusato del protocollo Telegram da agosto 2017 e il cui codice sorgente è disponibile gratuitamente da marzo 2018. Questa famiglia di malware dispone di un'ampia gamma di funzioni di (continua)

15 Giugno il giorno giusto per dire “Stop al cyberbullismo”

15 Giugno il giorno giusto per dire “Stop al cyberbullismo”
Il crescente interesse verso Internet ha aperto al bullismo nuove frontiere che gli hanno permesso di valicare il mondo reale per invadere anche quello online, aggiungendo un ulteriore livello di rischio soprattutto per i giovani. In occasione della giornata mondiale contro il cyberbullismo, ESET Italia ha preparato una serie di consigli e di suggerimenti per aiutare i genitori a comprendere si (continua)