Home > Altro > Italia dei Diritti individua Sindaco giusto per Gallicano

Italia dei Diritti individua Sindaco giusto per Gallicano

Italia dei Diritti individua Sindaco giusto per Gallicano
Carlo Spinelli responsabile provinciale romano del movimento Italia dei Diritti: “ Crediamo che il profilo giusto per governare Gallicano sia quello di Gianluca Caratelli che può riportare la politica del comune laziale sul terreno della legalità”. Roma 24 Aprile 2018: Si avvicinano le amministrative del 10 Giugno ed i partiti, movimenti e liste civiche iniziano ad affilare le armi per affrontare la campagna elettorale che porterà al voto. Il movimento Italia dei Diritti fondato e presieduto dal giornalista Antonello De Pierro ha da tempo manifestato l’intenzione di scendere in campo in alcuni comuni del Lazio con una propria lista o dando l’appoggio esterno a quei candidati a sindaco che con le proprie idee e programmi si avvicinano a quelli che sono i principi su cui si fonda il movimento. Carlo Spinelli responsabile provinciale romano dell’Italia dei Diritti inizia a fare qualche nome su cui puntare per la corsa a primo cittadino iniziando da Gallicano nel Lazio: ” Non è facile individuare il nome giusto a cui affidare la guida di un comune soprattutto di questi tempi dove politicamente regna il caos, vedi cosa sta succedendo a livello nazionale dove dopo quasi due mesi dalle elezioni ancora non si riesce a fare un governo o nella regione Lazio dove dalle urne è scaturita una maggioranza che di fatto non è in maggioranza. Per Gallicano il nome che crediamo più giusto per guidare il comune è quello di Gianluca Caratelli - continua Spinelli – un giovane motivato dall’amore che nutre per il proprio territorio, dalla passione per la politica quella vera, quella fatta con il cuore, quella che si mette a disposizione dei cittadini, un uomo che vuole riportare la politica dentro i recinti della legalità, contro il clientelismo, contro gli affarismi, e contro quel modo di fare politica che ha portato Gallicano ad essere comune commissariato. Un comune commissariato significa un comune bloccato, di norma infatti il commissario tende a sbrigare le pratiche essenziali ma non si prende quasi mai la briga di proporre iniziative compito che spetta ad un’amministrazione comunale ed è quindi palese il danno che le amministrazioni passate hanno recato al comune laziale. Pertanto - chiude Spinelli – nel caso Gianluca Caratelli decidesse di affrontare questa sfida, come Italia dei Diritti saremo al suo fianco pronti a sostenerlo per il raggiungimento di un risultato che sarà una vittoria non solo per Gianluca, ma per l’intera comunità di Gallicano. Italia dei Diritti ufficio stampa provincia di Roma e-mail idd.provinciaroma.com

Gallicano | elezioni | italia dei diritti | Spinelli | roma | lazio |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Quer pasticciaccio brutto de via Peio che Marino ha ignorato


Intervista a Lucio Doria scrittore, a cura di Silvia Morelli


Italia dei Diritti a Nemi sostiene Alberto Bertucci Sindaco


Italia dei Diritti a Monte Compatri sostiene il candidato sindaco Fausto Bassani


Italia dei Diritti a Lariano sostiene la candidatura a Sindaco della professoressa Sabrina Verri


Antonello De Pierro chiuderà la campagna elettorale a Lariano


 

Ieri...

Stesso autore

Carlo Spinelli (IDD) interroga Zingaretti sul nuovo ospedale dei castelli

Carlo Spinelli (IDD) interroga Zingaretti sul nuovo ospedale dei castelli
Il responsabile provinciale romano del movimento Italia dei Diritti interviene nuovamente sul noc e chiede ai vertici della regione Lazio e della sanità laziale quando il nuovo nosocomio sarà operativo al massimo delle proprie potenzialità. Roma 13 Dicembre 2018: Si avvicina la data dell’inaugurazione del nuovo ospedale dei castelli romani prevista per il 18 dicembre ( oggi intanto apre i battent (continua)

IDD: Dantina Salzano nuova vice responsabile per la provincia di Roma

IDD: Dantina Salzano nuova vice responsabile per la provincia di Roma
IDD: Dantina Salzano nuova vice responsabile per la provincia di Roma La nomina della consigliera comunale di Roccagiovine dopo una riunione del direttivo che ha confermato Carlo Spinelli responsabile provinciale romano. Roma 30 Ottobre 2018: Il direttivo provinciale romano del movimento Italia dei Diritti si è riunito il 26 ottobre per eleggere le nuove cariche per la provincia di Roma interne (continua)

Carlo Spinelli IDD scrive ai sindaci in merito alle inadempienze salariali della Ago uno

Carlo Spinelli IDD scrive ai sindaci in merito alle inadempienze salariali della Ago uno
Il responsabile provinciale romano del movimento Italia dei Diritti Carlo Spinelli invia una lettera ai sindaci dei comuni dove opera in appalto l’azienda di trasporti che vede Roberto Onorati amministratore delegato per le mancate retribuzioni. I lavoratori non percepiscono stipendio da tre mesi. Roma 23 Luglio 2018: Italia dei Diritti torna sulla vicenda Ago uno, Autolinee Onorati per le mancat (continua)

Carlo Spinelli IDD denuncia ancora il mancato pagamento degli stipendi da parte di Onorati

Carlo Spinelli IDD denuncia ancora il mancato pagamento degli stipendi da parte di Onorati
Il responsabile provinciale romano del movimento Italia dei Diritti Carlo Spinelli si scaglia nuovamente contro la Autolinee Onorati e Ago uno per i mancati pagamenti degli stipendi di Maggio e Giugno ed annuncia iniziative a fianco dei lavoratori. Roma 04 Luglio 2018: Ci risiamo, i lavoratori della Ago uno e Autolinee Onorati si ritrovano nuovamente senza stipendi. Sono infatti in ritardo di due (continua)

Cervara di Roma tutela il diritto alla salute come da programma dell’ Italia dei Diritti

Cervara di Roma tutela il diritto alla salute come da programma dell’ Italia dei Diritti
Il responsabile provinciale romano del movimento Italia dei Diritti Carlo Spinelli apprende con soddisfazione la notizia che a Cervara di Roma la prima iniziativa della nuova amministrazione riguarda la tutela della salute degli anziani punto inserito nel proprio programma elettorale. Roma 28 Giugno 2018: Le nuove amministrazioni si sono insediate nei comuni dove il 10 giugno si è votato e qualcu (continua)