Home > Spettacoli e TV > "LA DONNA DI PICCHE" AL CINE CITTA' FIERA: UN PICCOLO FILM INDIPENDENTE ARRIVA AL MULTISALA

"LA DONNA DI PICCHE" AL CINE CITTA' FIERA: UN PICCOLO FILM INDIPENDENTE ARRIVA AL MULTISALA

UDINE – Si può definire un piccolo miracolo cinematografico, quello di "La donna di picche": il film indipendente friulano del regista udinese Renzo Sovran che entra nella programmazione del Cine Città Fiera in tre serate, da lunedì 11 a mercoledì 13, nello spettacolo unico delle 21. Si tratta di un traguardo davvero notevole e insperato, per il gruppo di lavoro che, già nello scherzoso nome che si è dato, “Zerozerobudget”, riassume la filosofia che ha portato alla realizzazione della pellicola.

 
“La donna di picche” è un film girato interamente in Friuli. Ambientato negli anni Settanta, il film racconta l'amore tra la giovane studentessa Serena e l'operaio Tommaso, un quarantenne con velleità da scrittore. Basterà la differenza d'età tra i due a scatenare il perbenismo e l'ostracismo del paese, una piccola comunità della provincia friulana. “Sullo sfondo – spiega il regista Renzo Sovran – ci sono la fabbrica, il bar e la chiesa, per ricordare insieme come era la vita in quegli anni nei piccoli centri della provincia”.
 
“La donna di picche” ritorna quindi a Udine, per la prima volta nella nuova versione pensata per la distribuzione nelle sale, dopo un fortunato tour che ha portato la pellicola in diverse località della regione, ma anche fuori, in contesti di prestigio come il cinema Eden di Cortina d'Ampezzo, villa Migone a Genova e l'istituto di cultura italiana presso l'ambasciata di Vienna, quest'ultima data è stata resa possibile grazie alla collaborazione con l'ente Friuli nel Mondo e con il Fogolar furlan di Vienna. Per le prossime date in programma si può seguire la pagina facebook https://www.facebook.com/Zerozerobudget/.
 
Il film rimane comunque friulano al 100% anche nella lavorazione: è infatti prodotto da Flavio Zanello con The Box records per Zerozerobudget, D&L movies e Backfilm Productions, tra gli interpreti Ludovico Rigonat, Betty Maier, Paolo Massaria, Claudio Saccavino, Stefania De Michiel, con la partecipazione di Catine e di Alessandro Pomarè. Nel cast tecnico Luca Bertossi e Gian Pietro Nadalutti (fotografia), Nadia Avon (direzione di produzione), Diego Cancian, Lorenzo Cattarossi, Nicola Skert e Massimo Bocus.
 
La proiezione di “La donna di picche” al Cine Città Fiera sarà preceduta dal cortometraggio “Quelle ragazze” di Luca Bertossi, al quale diversi componenti di “Zerozerobudget” hanno partecipato.
 
 
Il trailer di "La donna di picche" è disponibile su https://www.youtube.com/watch?v=e6ZJ-u0OKK8
 

Cinema indipendente friulano | Film friulano | Cinema friulano | Film indipendente friulano | Film Friuli | Donna di picche |



Commenta l'articolo

 
 

Ieri...

Stesso autore

DA DOMENICA 18 FEBBRAIO ALLA SCOPERTA DELL'AGRICOLTURA IN FRIULI VENEZIA GIULIA CON PIERO VILLOTTA E "NOSTRA MADRE TERRA", SUL CANALE 13

DA DOMENICA 18 FEBBRAIO ALLA SCOPERTA DELL'AGRICOLTURA IN FRIULI VENEZIA GIULIA CON PIERO VILLOTTA E
E'una "prima" d'eccezione quella di domenica 18 febbraio, sul canale 13 del digitale terrestre (Rete Azzurra) o sul canale 88 per il Veneto, per la prima puntata“Nostra madre terra”, la nuova trasmissione che ci porterà alla scoperta di tutto quello che fa agricoltura in Friuli Venezia Giulia. La conduzione è affidata al giornalista Piero Villotta. I t (continua)

"IMPARIAMO A MOSTRARE LA NOSTRA UMILTA'": E' ON LINE L'ANTEPRIMA DEL FILM "LA DONNA DI PICCHE


 “Impariamo a riconoscere la nostra vera natura e impariamo a mostrarla nel rispetto degli altri”, “mostriamo la nostra umiltà senza timore”, “diffidiamo dalla vanità delle azioni che prevedono solo qualcosa in cambio”: sono tra i passi più significativi dell'omelia che don Ruggero indirizzava ai suoi paesani, nell'atmosfera opprimente (continua)

L'AMORE NEGLI ANNI SETTANTA E... MOLTO ALTRO. E' ON LINE IL TRAILER DEL FILM "LA DONNA DI PICCHE"

L'AMORE NEGLI ANNI SETTANTA E... MOLTO ALTRO. E' ON LINE IL TRAILER DEL FILM
Faremo un piccolo viaggio nel tempo, fino nella provincia friulana del 1974, per farci raccontare la storia di un amore che prova a sfidare le rigide, miopi regole dell'epoca. Tutto questo nel nuovo film del regista udinese Renzo Sovran: l'opera, prodotta da Zerozerobudget con D&L movies e Backfilm Productions, è imperniata sui destini dell'operaio Tommaso e della studentessa Seren (continua)