Home > Libri > NUCCIO PEPE, LO SCRITTORE DELLA MEMORIA

NUCCIO PEPE, LO SCRITTORE DELLA MEMORIA

NUCCIO PEPE, LO SCRITTORE DELLA MEMORIA
Se è vero che la scrittura è scavo, esplorazione, ricerca, scultura, in cui la tecnica e il rigore pragmatico che ogni narratore è tenuto a rispettare si fondono con la capacità immaginativa, creativa e creatrice, narrativa e evocativa, questo processo trova in Nuccio Pepe la sua sintesi migliore. Siciliano, medico chirurgo, appassionato di auto storiche, cinema, viaggi e scrittura, il nostro autore caratterizza il suo percorso con la passione per la Storia – quella con la S maiuscola – riscritta da una prospettiva non sempre presa in considerazione: quella delle storie cosiddette “minori”, le storie personali, di chi nei grandi avvenimenti si è trovato catapultato, fagocitato, senza esserne consapevole o, spesso, subendoli con inaudita ferocia e drammaticità. Nuccio Pepe rende omaggio alla Memoria, valore fondamentale, percorso che sempre va battuto per non perdere le tracce della propria identità personale e sociale. La Memoria, valore e faro, per le generazioni future che hanno bisogno di orientarsi e di capire, e per le generazioni che sono cresciute all’ombra di eventi che hanno profondamente segnato e condizionato il loro percorso di vita e di relazioni, fino al presente. Il grande maestro, Indro Montanelli, ammoniva con queste parole: “Un popolo che ignora il proprio passato non saprà mai nulla del proprio presente”, e noi modestamente potremmo aggiungere che non sarà in grado di costruire il futuro. L’operazione di Nuccio Pepe, in questo senso, è non soltanto letteraria e culturale, ma anche sociale, “politica” nel senso più puro del termine. La sua scrittura scava, esplora, penetra nei meandri della Storia, riportando alla luce proprio come in un’attività speleologica le storie “minime”, corollari di quei grandi eventi di cui fanno parte – e che ne costituiscono il tessuto connettivo. Realtà e fantasia si fondono tra le sue righe: Pepe amalgama sapientemente la ricerca e il rigore storico alla sua capacità narrativa e creativa. Autore prolifico e più volte insignito di premi e riconoscimenti, Pepe realizza sapientemente la sua idea di scrittura come percorso di ricerca e narrazione attraverso due opere in particolare. “Il Dubbio” ripercorre la vergognosa pagina scritta dal genocidio degli ebrei, partendo dalla vicenda intima e personale del protagonista – sopravvissuto ai sopravvissuti, come lo definisce l’autore, che cerca se stesso e le ragioni storiche della sua sopravvivenza. “La guerra è della morte”, lavoro pubblicato proprio quest’anno, è dedicato alla Prima Guerra Mondiale. È il racconto di una guerra in cui vengono mandati al massacro migliaia di contadini, operai, pastori: un esercito male armato e ancor peggio comandato. A cento anni dalla fine del primo conflitto mondiale, il libro di Nuccio Pepe assume un valore aggiunto. Protagonisti delle sue pagine sono i soldati siciliani che, guidati dal tenente Domenico Di Martino di Casteldaccia, condividono quella drammatica esperienza fino alla disfatta di Caporetto. Un libro in cui gli orrori della guerra sfumano nelle intime pieghe dei sentimenti: dai campi di battaglia intrisi di sangue e sofferenza, arti a brandelli e lamenti dei morenti, il registro narrativo conduce il lettore negli abissi più profondi e autentici dell’animo umano, laddove i soldati conservano sentimenti e valori che nessuna battaglia potrà distruggere. E lì ritroviamo racconti di amicizia, solidarietà, amore. Storie intime e personali che si intrecciano a battaglie e grandi sconvolgimenti storici e politici. Pepe ci conduce attraverso la disumanità delle trincee, del fango misto a sangue, della paura e della morte, per parlarci - sollevandoci da tutto ciò - di solidarietà, sostegno, conforto. Il suo racconto riporta alla luce l’umanità che condivide un destino e che annienta le distanze culturali, le logiche che separano, le classificazioni in nemici e amici… Questa sua nuova pubblicazione assume un significato di particolare rilevanza, non soltanto alla luce dell’anniversario, ma anche in considerazione di un momento storico e politico in cui nuove trincee si innalzano. L’autore ci lascia una riflessione preziosa, utile per leggere il passato e illuminare il futuro: “La guerra non è di qualcuno. La guerra non appartiene a noi uomini. La guerra ha una sola appartenenza. La guerra è della morte.”

NUCCIO PEPE | LIBRI | LA GUERRA E DELLA MORTE |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Inaugurato il Centro Ideale di Scientology per il Medio Oriente


Marco Simeon (Rai Vaticano): "Lascia perdere chi ti porta a mala strada"


A NOLA SVOLTA CON SUCCESSO LA GIORNATA DI STUDI NICOLA ZITARA


IL MIO ARCOBALENO LA NUOVA OPERA DELLO SCRITTORE PIETRO SGAMBATI di Antonio Castaldo


La salute degli infermi, lo spettacolo teatrale ispirato al mondo di Cortàzar.


“Premio Italia diritti umani 2013”


 

Ieri...

Stesso autore

A ELEONORA DANIELE E LUCA TELESE IL “PREMIO SULMONA” DI GIORNALISMO A MONICA MACCHIONI IL PREMIO PER LA COMUNICAZIONE

A ELEONORA DANIELE E LUCA TELESE IL “PREMIO SULMONA” DI GIORNALISMO A MONICA MACCHIONI IL PREMIO PER LA COMUNICAZIONE
I giornalisti Eleonora Daniele, Luca Telese e Monica Macchioni sono i vincitori del Premio Sulmona di giornalismo e comunicazione. Lo hanno annunciato il presidente della giuria Paolo Corsini, e il presidente del Circolo di Arte e Cultura “Il Quadrivio”, Raffaele Giannantonio. I tre giornalisti riceveranno il riconoscimento sabato 6 ottobre, alle ore 17.00, al Polo Museale Civico Diocesano di (continua)

TANTI VIP PER L'INAUGURAZIONE DEL RISTORANTE CLOROFILLA CUCINA E DISTILLATI A ROMA

TANTI VIP PER L'INAUGURAZIONE DEL RISTORANTE CLOROFILLA CUCINA E DISTILLATI A ROMA
Grande festa per l’inaugurazione di “Clorofilla – Cucina e distillati”, il nuovissimo ristorante di Giacomo Galliera e Simone Franzon. Nel locale, in Vicolo delle Grotte 17 a due passi da Campo de’ Fiori, per l’occasione sono arrivati numerosi personaggi dello spettacolo amici dei titolari soprattutto dai vicini studi di Forum. Come la giornalista Barbara Palombelli accompagnata dal marito Frances (continua)

GRANDE FESTA A ROMA PER L’INAUGURAZIONE DEL RISTORANTE “CLOROFILLA – CUCINA E DISTILLATI” IL 28 SETTEMBRE

GRANDE FESTA A ROMA PER L’INAUGURAZIONE DEL RISTORANTE “CLOROFILLA – CUCINA E DISTILLATI” IL 28 SETTEMBRE
Sarà inaugurato venerdì 28 settembre alle 19 “Clorofilla – Cucina e distillati”, il nuovissimo ristorante di Giacomo Galliera e Simone Franzon. Nel locale, in Vicolo delle Grotte 17 a due passi da Campo de’ Fiori, per l’occasione arriveranno numerosi personaggi dello spettacolo amici dei titolari soprattutto dai vicini studi Mediaset come Barbara Palombelli, Camilla Ghini, Paolo Ciavarro, Sofia Od (continua)

AL VIA LE RIPRESE DI “COME SE NON CI FOSSE UN DOMANI” IL NUOVO FILM DI PINO E GLI ANTICORPI

AL VIA LE RIPRESE DI “COME SE NON CI FOSSE UN DOMANI”  IL NUOVO FILM DI PINO E GLI ANTICORPI
Inizieranno il 24 Settembre a Sassari le riprese del film Come Se Non ci Fosse un Domani del regista Igor Biddau con protagonisti Michele e Stefano Manca del duo comico Pino e gli Anticorpi. Come Se Non ci Fosse un Domani è un film comico indipendente a episodi prodotto dalla Babbudoiu Corporation in associazione con Firenze Produzioni Cinematografiche e Pilot Kino. Del cast farà parte una nutr (continua)

Sognando New York: Vacanze romane di Giuseppe Lepore per Tonino Caputo

Sognando New York: Vacanze romane di Giuseppe Lepore per Tonino Caputo
Mattina, è ora di svegliarsi. Tre amiche sono a Roma in vacanza. Due di loro nella suite sono colpite dagli skyline newyorkesi dell’artista Tonino Caputo che rubano la scena. Iniziano a fantasticare e pianificare la loro prossima vacanza con le valige ancora in stanza da disfare. Un’intera giornata in uno splendido spazio romano trascorso all’insegna del sognare New York anche quando in piscina, i (continua)