Home > Musica > ENRICO NADAI DA' VOCE AL SOGNO DI LUDOVICA.

ENRICO NADAI DA' VOCE AL SOGNO DI LUDOVICA.

ENRICO NADAI DA' VOCE AL SOGNO DI LUDOVICA.
Il fenicottero, nell’indusimo, poiché si sposta in gruppo, è spesso associato allo spirito di cooperazione e mutuo aiuto. E Ludovica Visentin, 16enne di Volpago del Montello, che si rispecchiava in questo elegante animale – noto per la capacità di trovare il suo equilibrio su un “piede” solo, come lei stessa durante la malattia -, ha sempre creduto nella forza della collaborazione. Giovedì 13 settembre 2018, al Palamazzalovo di Montebelluna, “Il Sogno di Ludovica – Emozioni in Musica” è stata la massima espressione di questo suo testamento spirituale. Non un semplice concerto a lei dedicato, ma un’intera giornata dove i protagonisti sono stati i bambini, i ragazzi, con le relative famiglie, dell’Associazione Sogni Onlus di Giavera, promotrice dell’evento. Anche Enrico Nadai, prestando la propria calda voce, ha voluto dare un sensibile apporto al tema dei (piccoli) malati oncologici. D’altronde, la sua “Sogni di carta”, per tema, può considerarsi – idealmente – come la canzone emblema della manifestazione. Enrico - The Kolors Presente anche il gruppo THE KOLORS, che avevano conosciuto Ludovica al CRO di Aviano. Anche io ho potuto sentirmi parte di questa grande famiglia, grazie all’ospitalità di Rudi Zanatta, Fondatore e Presidente dell’Associazione. Sono passati molti anni, ormai, da quanto realizzò l’ultimo desiderio della sua amica Emily e, 200 sogni e più dopo, non ha smesso di credere nel loro potere, come amava ripetere la stessa Ludovica. Un inno alla speranza ribadito dai giovanissimi Achille, Leonardo, Agnese, Devis, Luca, Samuele, Federico che, saliti sul palco, hanno raccontato la loro giornata da sogno – grazie alla disponibilità, partecipazione e interessamento di tanti famosi, fra personaggi dello spettacolo e dello sport. L’infusione di positività è stata possibile anche grazie a Linda Collini, presentatrice del concerto e anima sensibile in grado di raccogliere questi preziosi pezzi di vita. Presente un ricco e poliedrico cast di artisti fra cui l’attore Jgor Barbazza, il comico Davide Stefanato, il trio acustico “Terno Secco”, Sara Mardegan e Samuel Peron di “Ballando con le stelle”, nonché la band THE KOLORS, vincitrice dell’edizione 2015 di Amici, che ha portato un suo personale e sincero ricordo di Ludovica. Infatti Stash, il leader del gruppo, ha potuto conoscerla e perpetuare così, in prima persona, i suoi insegnamenti. In memoria di Ludovica erano presenti anche i compagni di classe del Liceo Classico “A. Canova” di Treviso. In verità, negli ultimi tempi, si trovava principalmente ospite presso la struttura ospedaliera del Centro di Riferimento Oncologico di Aviano (CRO). Una realtà eccellente, incarnata nella persona del Dottor Maurizio Mascarin, Primario dell’Area Giovani. Il Dottor Maurizio Mascarin (sx) con Rudi Zanatta (dx), Presidente Sogni Onlus Ospitato sul palco, ha dato vita ad un interessante momento di riflessione inerente l’importanza della collaborazione fra strutture oncologiche pediatriche, che si occupano della cura del corpo del malato, e Associazione Sogni Onlus, a cui è affidata la sfera spirituale, che non si vede e non si tocca, ma che davanti alle difficoltà può anch’essa ammalarsi gravemente. La musica dal vivo è stata offerta dall’Orchestra S.I.O., diretta dal Maestro Fantinel. Questa formazione musicale ha spesso lavorato con il nostro Enrico, dando vita a pregiatissime collaborazioni, come quella instauratasi per la realizzazione di “With your love”. Si tratta di un brano molto intenso, che sa accedere al cuore e alla spiritualità di tutti. Per conoscere meglio questo progetto, potete rileggere l’articolo dedicato QUI. La grande partecipazione di pubblico – fra amici, simpatizzanti, curiosi e, naturalmente, delle famiglie legate all’Associazione -, la visibilità e l’interesse che la kermesse ha sollevato fra emittenti televisive, giornali e testate web, come il ricavato della serata, permetterà la creazione di un progetto ad ampio respiro per l’accoglienza di malati e famiglie.

concerto | coro | orchestra | violino | pianoforte | live | tromba | classica |



Commenta l'articolo

 
 

Ieri...

Stesso autore

PIEVE DI SOLIGO (TV)-ENRICO NADAI E ROBERTA CANZIAN SOLISTI AL GRAN CONCERTO PER I 45 ANNI DELL'ASSOCIAZIONE MUSICALE TOTI DAL MONTE

PIEVE DI SOLIGO (TV)-ENRICO NADAI E ROBERTA CANZIAN SOLISTI AL GRAN CONCERTO PER I 45 ANNI DELL'ASSOCIAZIONE MUSICALE TOTI DAL MONTE
Enrico Nadai e Roberta Canzian al concerto per i 45 anni dell’Associazione Musicale “Toti Dal Monte” L’Associazione Musicale “Toti dal Monte” di Pieve di Soligo (Tv), per festeggiare i suoi 45 anni di storia, organizza un concerto, venerdì 23 novembre 2018, ore 20.30, presso l’Auditorium “Battistella-Moccia”.Il programma proposto è un viaggio musicale che abbraccia tra le altre alcune pagine m (continua)

“Sogni di carta”: l’ultimo singolo di Enrico Nadai

“Sogni di carta”: l’ultimo singolo di Enrico Nadai
Leggendaria è la frase di Prospero, duca di Milano, nella “Tempesta” di W. Shakespeare, in cui afferma che “siamo della stessa sostanza di cui son fatti i sogni” e che nel “tempo di un sogno è racchiusa la nostra breve vita”. Come a dire che l’esistenza è immateriale e inafferrabile. Ma per quanto effimeri, sono proprio i sogni a dare forma alla nostra realtà. Non solo nello spazio oniri (continua)

"SOGNI DI CARTA" L'ULTIMO SINGOLO DI ENRICO NADAI


Leggendaria è la frase di Prospero, duca di Milano, nella “Tempesta” di W. Shakespeare, in cui afferma che “siamo della stessa sostanza di cui son fatti i sogni” e che nel “tempo di un sogno è racchiusa la nostra breve vita”. Come a dire che l’esistenza è immateriale e inafferrabile. Ma per quanto effimeri, sono proprio i sogni a dare forma alla nostra realtà. Non solo nello spazio oni (continua)

ENRICO NADAI-SOLO LEI E' DAPPERTUTTO

ENRICO NADAI-SOLO LEI E' DAPPERTUTTO
“O te o nessun’altra”, le aveva detto tante volte lui, avendolo già da sempre pensato, forse da prima di conoscerla. E Lei, assente nella carne, presenziava nell’ordine dell’invisibile accanto a lui; in treno, tra i libri, nelle preghiere, nell’aria respirata, nell’estate che passava: ovunque era la sua traccia. “Si butti alle spalle tutto: ne esistono tante di donne”, gli disse un giorno un uomo (continua)

ENRICO NADAI-UN ADDIO

ENRICO NADAI-UN ADDIO
Le sue mani rosee sembravano stringere un ferro mortale contro di lui, nel giorno del loro definitivo commiato. Lui implorava di potergliele tenere un’ultima volta, e le baciava ripetutamente per salvarle dalla propagazione del gelo proveniente dai precordi: il più letale. Lei versò le sue ultime lacrime per lui; lui le raccolse con le labbra prima che le rigassero l’intero viso. Un ultimo abbr (continua)