Home > Arte e restauro > A VERCELLI LA MOSTRA DEL PITTORE HENRY BECKERT : UNA REALTA’ TRASFIGURATA E SIMBOLICA TRA LABIRINTI E FIGURE DISUMANIZZATE.

A VERCELLI LA MOSTRA DEL PITTORE HENRY BECKERT : UNA REALTA’ TRASFIGURATA E SIMBOLICA TRA LABIRINTI E FIGURE DISUMANIZZATE.

articolo pubblicato da: MIKATA | segnala un abuso

A VERCELLI LA MOSTRA DEL PITTORE HENRY BECKERT : UNA REALTA’ TRASFIGURATA E SIMBOLICA TRA LABIRINTI E FIGURE DISUMANIZZATE.
Henry Beckert è Nato nel 1950, medico dentista, studioso di letteratura tedesca, ha da sempre coltivato la passione per la fotografia, rielaborando in camera oscura suggestive immagini in bianco e nero, dedicandosi poi anche al disegno e alla pittura, partecipando a numerose mostre e sviluppando negli anni una sua originale cifra tecnica ed espressiva. Artista di talento, in questa mostra, attraverso un percorso artistico di una cinquantina di opere realizzate con diverse tecniche, elaborazioni fotografiche, collages, oli, tempere, installazioni ecc. ripercorre la sua storia artistica dai primi lavori degli anni 1985/90 alle opere più recenti. Il titolo della mostra “Mekkano-Labirinti-Containers” , riassume le tematiche trattate dall’artista: Città angoscianti, deserte e misteriose, labirinti dove si aggirano, tra muri che le circondano e le imprigionano, figure disumanizzate, estranee, che trascinano la propria esistenza meccanicamente senza sogni, ambizioni ed emozioni, totalmente private di senso e autenticità. L'artista, nei suoi labirinti, descrive un percorso tortuoso dal disegno inestricabile, apparentemente privo di una via d’uscita, caratterizzato da immoti silenzi, impercettibili sussurri e rivelazioni improvvise, simbolo dell’incomprensibile, del mistero autentico, non risolvibile razionalmente. Il labirinto evoca l’idea di ostacolo, sia di ordine materiale che spirituale, ci si trova di fronte a porte chiuse o vicoli ciechi, si rimane intrappolati nei suoi giri tortuosi e nei suoi meandri, aggirandosi invano e senza scopo tra insidie e prove da affrontare, alla ricerca della vera sapienza verso l’elevazione spirituale, della conoscenza del sé più profondo, cui perviene solo chi è in grado di percorrerlo per intero, senza perdersi lungo il cammino. Il suo crollo, infine, diventa metafora della dissoluzione e della morte. Proseguendo nell'analisi delle opere ci si rende conto che al centro dell’interesse dell’artista c’è l’uomo con il suo dramma esistenziale, il suo essere solo di fronte a tutto ciò che lo circonda, i suoi conflitti e le sue paure. Questi concetti sono evocati da visioni fantastiche caratterizzate da chiazze di colore acceso, con predominanza dei toni del rosso e del giallo, o dalla rappresentazione dei pezzi metallici del meccano – gioco icona capace di spingere grandi e piccini a immaginare e creare mondi completamente diversi - che l’artista assembla in maniera libera e spregiudicata seguendo la sua ispirazione in una pittura a macchie e linee senza riferimento a una realtà oggettiva, proponendo spezzoni di figure ritagliate, rielaborate, mutilate, tese nel tentativo di popolare uno spazio opprimente e vuoto. Ricorre il tema del muro di mattoni, che drammaticamente accentua la sensazione di esclusione e di isolamento che viene richiamato anche nella serie degli “Involucri”, impalcature di aspetto umanoide rivestite di tela dipinta. Resta al centro dell’attenzione dell’artista l’armonia compositiva che aspira a riprodurre una realtà trasfigurata e simbolica, una genuina ispirazione e un coerente lirismo che carica le opere di notevole equilibrio estetico e sostanziale, con il risultato di un grande coinvolgimento emotivo. Michele Catalano Setemmbre 2018

Henry Becker | Vercelli | Mostra | Meccano | Labirinti | Container | studio d arte 256 |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Giovanni Roncoroni ed Emanuela Moretti – grandi imprenditori in Italia


Debutto artistico per il pittore vercellese Benito Maglitto. In mostra opere intensamente materiche, al confine tra pittura e scultura.


ARTE COME LINGUAGGIO UNIVERSALE – ALLO STUDIO 256 DI VERCELLI IN MOSTRA LE OPERE DELLA PITTRICE GULNAR KARIMOVA


Giacomo Balla a Villa Borghese


Presentazione del libro Le Voyage d’Aphrodite per una psico-filosofia dell’immagine


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

"DA GIANNA A BOCCA DI ROSA" IL NUOVO LIBRO DI GIANLUIGI CARON: UN CARNET DI EMOZIONI, UN ALBUM DI ISTANTANTANEE, TRA RICORDI, RIFLESSIONI FILOSOFICHE, RIMANDI AL PASSATO E L'UTOPIA DI UN FUTURO (FORSE) MIGLIORE.


"Un intenso affresco di ricordi, pensieri, riflessioni sull'esistenza, sull'etica sui valori ricevuti dalla famiglia e dalla scuola unito alle suggestioni dei brani musicali che hanno segnato la sua vita, dall'infanzia all'adolescenza alla maturità, sempre teso alla ricerca dei valori universali e, nel contempo, immerso con realismo e eonestà intellettuale nella realtà concreta della quotidianità (continua)

DA UN BATTITO D'ALI NASCE IL "FREE SPRINKLING": MASSIMO PARACCHINI SCEGLIE LIBERAMENTE COSA RACCONTARE E COME, TRA SGUARDO E PENSIERO, PERCEZIONE E PROIEZIONE, ALLA SCOPERTA DI SEMPRE NUOVI ORIZZONTI.

DA UN BATTITO D'ALI NASCE IL
L’ispirazione artistica di Massimo Paracchini parte da molto lontano, dalla consapevolezza di una essenza primordiale e trascendentale, dalla ricerca spasmodica di una verità assoluta, dal continuo interagire della dimensione cosmica con quella interiore. Il suo bagaglio culturale e la sua profonda capacità speculativa lo portano ad esprimersi artisticamente in termini “eidetici”, cioè con una for (continua)

TEATRO “AMOR VINCIT OMNIA” – CARAVAGGIO: LA SPADA ED IL PENNELLO – ATTO UNICO DI E CON CLAUDIO POLITANO. ALLA SCOPERTA DELL’ANIMA PIU’ PROFONDA DEL CONTROVERSO ARTISTA.

TEATRO “AMOR VINCIT OMNIA” – CARAVAGGIO: LA SPADA ED IL PENNELLO – ATTO UNICO DI E CON CLAUDIO POLITANO. ALLA SCOPERTA DELL’ANIMA PIU’ PROFONDA DEL CONTROVERSO ARTISTA.
Michelangelo Merisi, conosciuto come Caravaggio, nasce a Milano il 23 settembre del 1571 e muore il 18 luglio 1610 vicino a Porto Ercole (in Toscana). È stato un pittore rivoluzionario, voleva rappresentare la realtà, la "verità", e quindi cercava i modelli intorno a sé, nella strada e nella vita di tutti i giorni suscitando scandalo e contrapponendosi alla moda del tempo che esaltava la bellezza (continua)

FRANCO FERRAGATTA – OSSERVA IL MONDO CON SGUARDO DISINCANTATO E LO RAPPRESENTA CON SPIRITO FANTASTICO E VISIONARIO.

FRANCO FERRAGATTA – OSSERVA IL MONDO CON SGUARDO DISINCANTATO E LO  RAPPRESENTA CON SPIRITO FANTASTICO E VISIONARIO.
Franco Ferragatta nasce, il 13 agosto 1969, a Vercelli, ove risiede quando non è in giro per il mondo per il suo lavoro di consulente aziendale e formatore free lance. Il suo retroterra culturale è scientifico, ma fin da giovanissimo si appassiona all’arte, all’archeologia, al giornalismo e alla musica. Insieme ad un gruppo di entusiasti nel 2016 fonda “Futur’Arte”, Associazione Culturale che - c (continua)

“E ALLA FINE C'E' LA VITA” : LE VICENDE DI QUATTRO GIOVANI TRA DISILLUSIONI ED ECCESSI RACCONTATI DA DAVIDE ROSSI NEL SUO ROMANZO D'ESORDIO

“E ALLA FINE C'E' LA VITA” : LE VICENDE DI QUATTRO GIOVANI TRA DISILLUSIONI  ED ECCESSI RACCONTATI DA DAVIDE ROSSI NEL SUO ROMANZO D'ESORDIO
L'associazione artistica Futur'Arte di Vercelli, con il suo instancabile presidente Franco Ferragatta amplia i suoi orizzonti: insieme alla pittura è nata infatti una sezione dedicata alla letteratura come punto di riferimento per scrittori e poeti emergenti del territorio e più in generale per gli appassionati di scrittura e lettura che desiderano confrontarsi e far conoscere il proprio lavoro c (continua)